+ 5
TEST DRIVE
03.07.19 - 09:000
Aggiornamento : 06.07.19 - 08:49

Giulia Veloce: rapida in curva, vellutata in viaggio

Con il docile ma potente due litri benzina da 280 cv e la trazione Q4 conserva grande agilità e “sveltezza” di guida, insieme ad ottime doti di comfort. E qualche neo nella dotazione.

La denominazione Veloce fa parte della storia Alfa Romeo: comparve per la prima volta sulla Giulia Spider del 1962, versione sovralimentata ma elegante, ed ha continuato a vivere contraddistinguendo le versioni con maggiori prestazioni e look più sportivo, pur equilibrate anche sul piano del comfort.

Look più mordente e interni Lusso: suggestione tutta italiana…
Non poteva sottrarsi a questa versione “importante” la Giulia, moderna berlina di gamma medio-alta dalle linee filanti ed arrotondate: forme impreziosite, sulla Veloce, dalle prese d’aria frontali maggiorate, dai proiettori bi-xeno e dal grande diffusore aerodinamico al posteriore, oltre ad altri dettagli che nel complesso non alterano eleganza e proporzioni del modello, ma che sottolineano visivamente il più alto livello prestazionale. Offerto, per l’occasione del nostro test, dal due litri turbo da 280 cv, combinato al cambio automatico ZF a otto rapporti e alla moderna trazione integrale Q4 (da 61’500 CHF). La Giulia così equipaggiata fa in effetti onore alla storica denominazione mettendo in campo una bella grinta insieme ad un’erogazione docile e progressiva, per un insieme al tempo stesso classico e moderno con il contributo fondamentale dell’allestimento Pack Lusso, all’insegna della più pregiata tradizione italiana Alfa. L’interno bicolore, completato da suggestivi rivestimenti in pelle beige e decorazioni in legno di noce, restituisce infatti un sapore dei più classici e vivi, conferendo all’auto un sapore vagamente retrò – ma anche del tutto attuale – che ne rende tra l’altro ben più caldo il tono d’accoglienza rispetto ai tanti ambienti moderni nelle tonalità del grigio/nero. Nella diversità, in effetti, si gioca buona parte del fascino di questa berlina del grande ritorno Alfa, che fa della prontezza di sterzo una delle doti più in vista.

Elegante e raffinata, con assetto fisso di serie; come si guida?
La Giulia Veloce che guidiamo dispone delle sospensioni standard non regolabili, ma l’occasione è propizia per saggiare la “danza” dell’auto tra le curve con questa configurazione di base che non impone ulteriori aggravi al listino. La berlina italiana resta davvero rapida e coinvolgente, con la sua caratteristica sterzata sensibile e molto diretta – almeno sul medio-veloce – che è quasi istantanea e permette di accompagnare il ritmo sfiorando quasi la corona del volante. Ni tratti più guidati l’effetto è attenuato e l’avantreno della Giulia richiede progressivamente più impulsi, lasciando trasparire un sottosterzo sempre lieve ma avvertibile. In questo caso, per tornare al comportamento da pura trazione posteriore – l’integrale Q4 interviene sulle ruote anteriori solo in caso di evidenti perdite di aderenza – serve un po’ più di attenzione e raffinatezza nella guida, dovendo entrare a minor andatura in curva per poterla percorrere in lieve ma costante accelerazione: è sufficiente per pennellare le traiettorie con più efficacia e soddisfazione, perché il frontale in questo modo stringe senza indugio mentre col gas si riesce ad indurre l’auto verso un velo di sovrasterzo. Giusto un velo: purtroppo il controllo di trazione Dna non include una mappatura sportiva del controllo di trazione, di suo piuttosto deciso e conservativo nell’intervento. Un po’ un limite per gli “smanettoni”, mentre per gli sportivi meno smaliziati non è una caratteristica cui far caso. Bella la frenata, intensa e sportiva.

Rapida senz’altro; ma la Veloce è anche comoda?
Sul fronte del comfort la Giulia conserva d’altro canto un assorbimento eccellente di avvallamenti e disturbi del manto stradale, offrendo una morbidezza di molleggio che contribuisce al comfort di qualità: la Veloce si fa guidare ma soddisfa anche nel viaggiare. Il motore l’abbiamo tenuto per ultimo perché spinge forte, è elastico e raffinato nel funzionamento, ma non è in definitiva il “pezzo” forte dell’auto nonostante la ragguardevole potenza; l’erogazione è infatti piuttosto elettrica e costante e oltre i 5500 giri la spinta è già finita, mancando un po’ di voce e di allungo “old style” per scaldare i cuori. La coppia è in ogni caso ottima (400 Nm) e, complice il peso favorevole, lo scatto da fermo è più che incisivo – 5,2 secondi per traguardare i 100 km/h – con riprese altrettanto efficaci. Anche grazie al cambio automatico a otto rapporti con marce intermedie ravvicinate, rapido e piuttosto diretto, cui possiamo imputare giusto un velo di ritardo in scalata quando non si affonda del tutto il gas richiamando il kick-down. Belle palette sequenziali e fisse, in metallo, corredano il piantone di sterzo, anche se interferiscono un po’ con le leve laterali classiche. Quanto ai consumi, la media più frequente nel nostro test in situazioni miste si è stabilizzata su un onesto 9 l/100 km. La dotazione di bordo è da completare per ottenere la configurazione più “hi-tech”, mentre a bordo la posizione di guida è ben pensata, non eccessivamente ampia nello spazio ma più che godibile; ai pur suggestivi e riusciti sedili in pelle mancano traforazione e ancor più ventilazione, mentre il divano posteriore include la pratica suddivisione 40-20-40 dello schienale che include così il passaggio per oggetti lunghi (vano di carico da 480 litri). Lo schermo centrale del sistema infotainment/navigazione resta comandabile solo tramite rotella centrale sul tunnel e manca di connessione alla rete, pur includendo Android Auto e Apple CarPlay.

Trovi Alfa Romeo Giulia da...

Nuova Garage Giorgio SA

 

via S.Gottardo, 40

 

6593 Cadenazzo

 

 

www.garagegiorgio.com

 

+41 91 850 32 22

 

Guarda tutte le 9 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Motori
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile