+ 8
NOVITÀ
24.10.18 - 06:000
Aggiornamento : 08:41

Scala, nome latino per la nuova media Skoda

Sostituirà la Rapid a primavera 2019 inoltrata, ma intanto l’abbiamo potuta guidare camuffata in un test in anteprima, nonché ammirare già senza veli in forma statica. Avrà motori da 90 a 150 cv

Le forme si distinguono con difficoltà, ma la linea pare più decisa.
È proprio così: il profilo dell’auto permette di apprezzare una generale maggior “presenza”, confermata da dimensioni piuttosto generose con 4,36 m di lunghezza (+ 58 mm) e 1,79 m di larghezza (+ 50 mm); il passo è anch’esso molto generoso, 2,65 m anche qui con incremento di quasi 5 cm, e consente un’abitabilità superiore. Seppur in forma statica e senza documentazione fotografica, ci è stata data la possibilità di vedere la Scala senza veli: si tratta di un’evoluzione molto piacevole dello stile Rapid, caratterizzato da maggior presenza ed un design assai più raffinato. Spiccano, in particolare, il frontale ribassato e dominato dalla calandra ingrandita e dotata di solido contorno cromato, mentre in coda il cristallo bombato del portellone termina a filo sopra la porzione inferiore destinata ad ospitare la targa. Più lineari le fiancate, con la classica nervatura che corre fino in coda; ruote fino a 18”. Particolarmente efficiente l’aerodinamica. Tecnicamente, la Scala è la prima Skoda ad impiegare la variante A0 del pianale modulare MQB; i motori previsti per il lancio – non prima di maggio 2019 – saranno benzina, benzina a gas metano (CNG) e diesel, con potenze da 90 a 150 cv divise tra unità a tre e quattro cilindri con cubature da 1,0 a 1,6 litri, ma il mercato svizzero prevede unicamente la presenza delle unità TSI benzina e gas. Prevista unicamente la trazione anteriore, mentre i cambi saranno manuali o automatici a doppia frizione. Programma completo di assistenti attivi alla guida.

Al volante, che prime impressioni si ricavano dalla Scala?
La presa di contatto in anteprima con la vettura camuffata ha incluso la possibilità di una prima guida, seppur di breve durata ma estesa a diverse motorizzazioni. Apprezzabili, in particolare, la notevole spaziosità di bordo e la piacevolezza del tre cilindri benzina da un litro da 115 cv, in special modo combinato alla trasmissione DSG a sette rapporti che permette un connubio molto brioso ed altrettanto rilassante; ad andatura autostradale i fruscii sono piuttosto contenuti ed il comfort complessivo di qualità, mentre la guida mette in mostra buona precisione insieme a gran equilibrio e confidenza immediata col veicolo. Qualche decina di km al volante della 1.5 a benzina da 150 cv ha poi lasciato spazio ad una bella “verve” sportiveggiante, non priva però di una valida elasticità adatta all’impiego prettamente urbano; gli interni sono in questo caso combinati a sedili avvolgenti di bella fattura, dotati di maggior contenimento laterale, mentre l’assetto standard – piuttosto comodo, pur lasciando non totalmente filtrato qualche lievissimo sobbalzo su asperità isolate – lascia qui spazio a sospensioni leggermente più rigide nonché ribassate di 15 mm. Tra le opzioni della gamma sarà presente la possibilità di includere gli ammortizzatori di tipo regolabile, con regolazione controllabile attraverso la selezione delle varie modalità di marcia.

Internamente, poi, lo spazio regna davvero sovrano.
Difatti, l’abitacolo può a ben diritto rientrare tra i punti forti della Scala. Le immagini non sono ancora disponibili, ma toccato con mano di persona l’ambiente di bordo miscela in pari misura il classico design lineare di Skoda con un’impressione di spazio e ricercatezza realmente riusciti. La plancia, in particolare, vanta uno sviluppo orizzontale sottolineato da una fascia a tutta larghezza con finitura a contrasto, che a seconda degli allestimenti può presentare una superficie con finitura metallica oppure tipo legno chiaro. Questo profilo si abbassa leggermente nella porzione centrale per lasciare spazio al grande schermo tattile montato con cornice superiore sporgente tipo tablet appoggiato e diagonale fino a 9,2”, vistoso oltre che molto reattivo. Non è da meno il cruscotto digitale (optional), interamente configurabile compresa la visualizzazione della mappa 3D Google a pieno display. Il sistema multimediale include dotazioni ultima generazione come aggiornamento mappe on-line, connettività LTE tramite eSim integrata, hot-spot wifi, Emergency Call, Proactive Service ed altro ancora. Se lo spazio anteriore è di ampio respiro, altrettanto convincente appare l’abitabilità posteriore, dove sia larghezza sia libertà di movimento per le gambe sono significativamente elevate. Presenti in questa zona, inoltre, due bocchette di aerazione centrali e due prese Usb-C, che si sommano alle due anteriori. Il vano di carico è a dir poco generoso nella cubatura (ben 467 litri, estensibile fino a 1410 l) nonché completato dalle consuete attenzioni superiori Skoda, tra cui la serie di reti portaoggetti verticali, sotto la cappelliera e sul piano di appoggio, i pulsanti illuminati per il ribaltamento automatico degli schienali, il doppio fondo con vani portaoggetti; il portellone è dotabile di apertura a comando elettrico automatico, mentre il pannello della portiera anteriore cela il vano portaombrello accessibile a porta aperta.

Guarda tutte le 12 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Motori
TEST DRIVE
3 ore
Bentornata Jeep Wrangler
La Wrangler rimane fedele a se stessa. E per fortuna. Qualche novità meccanica e tecnologica, ma soprattutto tante conferme per il gradito ritorno di un'icona. Proviamo la Unlimited Rubicon diesel.
Novità
3 gior
GFG Style 2030 Electric Hyper SUV, il dopodomani è qui
Iper-sportiva e Suv, la concept disegnata dai Giugiaro anticipa il futuro elettrico ad alte prestazioni. Mostrata al Riyadh Motor Show, sarà tra le “vedette” al Salone di Ginevra 2020.
PRIME IMPRESSIONI
5 gior
Seat Mii Electric, vivace e scattante
Il debutto della marca spagnola nell’elettrificazione pura parte dalla citycar convertita a batteria: che è agile, ben brillante e piuttosto confortevole, con autonomia dichiarata di 260 km.
TEST DRIVE
1 sett
Renault Clio, uguale soltanto nel look
La nuova generazione conserva volutamente il design apprezzato, ma offre grandi evoluzioni nell’abitacolo così come nelle tecnologie di bordo. Eccellente il 1.3 turbo da 130 cv.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Volkswagen Golf
L’ottava generazione affila il conosciuto look “di famiglia”, ma evolve in profondità per digitalizzazione, tecnologie e qualità della guida: in prova col nuovo ibrido leggero 1.5 eTSI da 150 cv.
TEST DRIVE
1 sett
Grinta e agilità per la Volvo XC40 T5
Il Suv cadetto con motorizzazione benzina turbo di punta convince per prestazioni offrendo una guida docile e maneggevole. Con ottimo livello di accoglienza per l’intero equipaggio.
TEST DRIVE
2 sett
Ford Focus ST SW, sapore mordente
L’allestimento sportivo allestito dalla divisione Performance combina il turbodiesel potenziato da 190 cv all’assetto specifico con sterzo più diretto, per una guida dall’evidente dinamismo.
PRIME IMPRESSIONI
2 sett
Mercedes GLB, ama la famiglia e le curve
Il nuovo Suv di gamma intermedia strizza l’occhio alla Classe G, offre fino a sette posti e spicca per la qualità della guida dinamica, davvero convincente. Elastico e versatile il 2.0 td da 190 cv.
TEST DRIVE
2 sett
Seat Tarraco, Suv formato famiglia
Fino a sette posti in un ambiente di bordo ottimamente attrezzato ed accogliente per l’ammiraglia spagnola 4x4, dalla guida armonica e bilanciata. Anche con il 2 litri TSI benzina da 190 cv.
TEST DRIVE
3 sett
Mitsubishi ASX, più fluida e adattabile
Il restyling corposo aggiunge al look personale prestazioni in crescita con il due litri benzina da 150 cv la versatilità della trazione integrale. Crescono gli ausili attivi alla guida.
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile