+ 11
PRIME IMPRESSIONI
10.10.18 - 06:000

Micro-ibrido AMG ad alte prestazioni per la Classe E Coupé

Il potente 3.0 biturbo da 435 cv con EQ Boost arriva sulla coupé intermedia della marca tedesca: look e prestazioni guadagnano distinzione e vivacità, conservando comfort e versatilità d’origine

Come interviene la “cura” AMG sulla classica coupé di fascia medio-alta?
Ormai da diverso tempo, la divisione sportiva ufficiale di Mercedes ha iniziato un processo di espansione e di allargamento dell’offerta su tutti i fronti: tecnicamente introducendo interessanti varianti “microibride” – come nel caso di questa 53 – che sono il preludio alla futura elettrificazione di gamma; dall’altro, con uno stile che conserva l’indispensabile impronta sportiva ma lontano dai toni forti del passato: oggi, una versione AMG lascia ampio spazio a distinzione ed eleganza. È il caso della Classe E Coupé, che guadagna la nuova motorizzazione sei cilindri da 435 cavalli insieme alla sorella cabriolet. Si tratta di un’unità recentissima, in progressiva adozione su diversi modelli, contraddistinta da una tecnologia raffinata a corredo di prestazioni di fascia elevata: alla classica sportiva a due porte di Mercedes conferisce un carattere piacevolmente più deciso, che ne eleva il “portamento” altrimenti elegante ma pure leggermente un po’ anonimo. Esteticamente, la E 53 Coupé (104'900 CHF) spicca nei dettagli, tra cui la mascherina radiatore Twin Blade in tinta cromata, finora riservata alle motorizzazioni di punta V8, oltre ad altri particolari aerodinamici nella zona inferiore e laterale della carrozzeria; posteriormente figurano inoltre alcuni interventi per migliorare l’aerodinamica, incluso il discreto spoiler sul cofano del vano di carico.

Che benefici apporta il sistema microibrido?
Tecnicamente, il cuore a sei cilindri sposa l’architettura in linea e vanta una doppia sovralimentazione, con il compressore più piccolo ad azionamento elettrico che serve per incrementare immediatamente la pressione di sovralimentazione, mentre si innesca il lavoro della più grande turbina a gas di scarico: il ritardo di risposta è nullo e l’erogazione è del tutto assimilabile a quella di un motore aspirato. Dunque potente ma lineare e sempre rotonda. Il compressore elettrico riceve l’alimentazione dal compatto cuore ibrido della vettura, l’EQ Boost a 48V montato tra motore e cambio che incorpora le due funzioni di motorino d’avviamento e di alternatore, oltre ad assicurare la funzione di “boost” di potenza e coppia aggiungendo in accelerazione e per un breve periodo 22 cv e 250 Nm supplementari ai 435/520 Nm standard; lo stesso elemento permette inoltre di recuperare energia in fase di rallentamento, che viene immagazzinata nella batteria di bordo. Sul piano pratico, questa motorizzazione permette di potenziare ulteriormente il piacere di guida, grazie ad una spinta decisa e praticamente istantanea ad ogni regime; dall’altro, contribuisce a “calmierare” consumi ed emissioni; la media d’uso dichiarata è pari a 8,7 l/100 km. Quanto allo scatto da fermo, nonostante un peso di 1980 kg, la coupé tedesca firmata AMG riesce a traguardare i 100 km orari con partenza da fermo in appena 4,5 secondi. La velocità massima, come di consueto, è limitata elettronicamente a 250 km/h, ma può toccare quota 270 km/h con l’adozione dell’opzione AMG Driver’s Package.

Quanto cambia il carattere di guida della vettura?
L’incremento delle prestazioni è ben tangibile, tanto più combinato alla presenza di serie della trazione integrale 4Matic+ Performance con ripartizione completamente variabile della coppia tra i due assali, in funzione delle richieste di aderenza; il carattere dell’auto resta tuttavia molto docile e soprattutto raffinato, traducendo il maggior scatto in una guida ancor più precisa ed efficace che suggerisce rapidità e ritmo superiori, piuttosto che aggressività. L’assetto regolabile Ride Control+ offre, sotto questo profilo, un’adattabilità esemplare, grazie agli elementi pneumatici multicamera con regolazione continua sulle singole ruote che permettono un valido comfort – l’impostazione più morbida prevede comunque una certa sportività di base – così come un’elevata rigidità con rollio minimo nella preselezione più sportiva. La ridotta altezza da terra resta costante e viene abbassata automaticamente alle andature superiori, ma può essere incrementata con un semplice tasto in presenza di ostacoli come ingressi ripidi o rampe; l’impianto frenante con dischi in composito assicura invece potenza a tutta prova con buona modulabilità. Altrettanto curata e raffinata la sterzata, con comando parametrico a trasmissione variabile; la sensibilità è di qualità e contribuisce a “sentire” chiaramente l’auto anche con lievi e compostissimi interventi sul volante, solitamente più che sufficienti anche nei tratti più tortuosi e guidati. Coadiuvata dall’eccellente trasmissione automatica a nove rapporti, docile quanto rapida e diretta, la E 53 passa in pochi attimi dai ritmi più decisi alla “souplesse” di marcia e viceversa, adattandosi come un guanto agli umori dell’equipaggio: è precisamente questo aspetto a costituire l’essenza ed il vero valore aggiunto della versione.

Accoglienza ed ausili attivi sono di alto livello.
Certamente. L’abitacolo presenta un’intonazione sportiva in special modo attraverso i sedili più avvolgenti, che tuttavia assicurano un livello di comfort elevato anche sulla distanza, senza mai affaticare; presenti inoltre le funzionalità di riscaldamento, ventilazione e massaggio. Lo spazio a bordo è eccellente per i due passeggeri anteriori ma anche dietro la sistemazione è di buona qualità per due adulti, superata la minor comodità di accesso rispetto alle classiche quattro portiere. L’ambiente di bordo, curatissimo, conserva la particolare e vistosa strumentazione integralmente digitale, con i doppi schermi affiancati da 12,3” per cruscotto e comparto navigazione/infotainment. Il pacchetto tecnologico mette infine a disposizione tutti i sistemi di assistenza più evoluti, lasciando tuttavia soltanto a richiesta del cliente alcune funzionalità più evolute tra cui regolatore di velocità attivo, assistenza attiva alla sterzata, assistenza attiva alla frenata con funzione di assistenza agli incroci.

Guarda tutte le 15 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Motori
TEST DRIVE
22 ore
EQC 400, anche per Mercedes arriva il “pieno” di corrente
La prima elettrica della Casa sfoggia un carattere a tratti esuberante grazie ai 408 cv dei due motori elettrici, senza trascurare una valida autonomia. Comfort ed accoglienza di qualità.
TEST DRIVE
4 gior
V60 D4 Cross Country, oltre i confini
L’accogliente wagon svedese declinata nell’allestimento crossover si lascia apprezzare per l’isolamento aggiuntivo, senza perdere le conosciute ad apprezzate qualità stradali delle altre versioni.
TEST DRIVE
5 gior
Mazda3 Skyactiv-X, arriva la rivoluzione nel motore a scoppio
La nuova media giapponese porta in dote il 2.0 benzina con accensione spontanea da 180 cv, che promette più efficienza e minori consumi. Abitacolo accogliente, bagagliaio sufficiente.
TEST DRIVE
1 sett
Ford Ranger Raptor, fascino e qualità d’Oltreoceano
Allestito da Ford Performance, è rinforzato, allargato, rialzato per un look tutto muscoli: in 4x4 è spettacolare, ma va bene anche su asfalto. Forte di un 2.0 TD da 213 cv con cambio a 10 marce.
TEST DRIVE
1 sett
Porsche 911 GT2 RS, in pista a Misano Adriatico
Una giornata da piloti: abbiamo provato la più potente delle 911 affrontando cordoli e staccate, gestione delle gomme ed esuberanza dei 700 cv del suo boxer 3.8 biturbo. Ecco come è andata.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Renault Captur, cambia tutto tranne lo stile
La seconda generazione del crossover segue la scia della Clio e conserva un design “di casa”, in verità evoluto per stile e dimensioni accresciute. Con comfort e accoglienza in evidenza.
Novità
2 sett
Anche Mazda si dà all’elettrico: arriva il crossover MX-30
Strizza l’occhio al fuoristrada ma insiste sulla linea sportiva, ispirata alle coupé. Sotto il cofano un’unità elettrica da 143 cv. Sarà in vendita dalla seconda metà dell’anno prossimo.
TEST DRIVE
2 sett
Hyundai i30 Fastback N, gustosa e pure “cattiva” a comando
Alla grinta del 2 litri turbo da 275 cv, la due volumi con allestimento sportivo N Performance abbina una guida notevolmente reattiva ed incisiva: il coinvolgimento è assicurato.
TEST DRIVE
2 sett
Ford Mondeo Hybrid Wagon, l’economia è servita
La versione ibrida permette una marcia docile e briosa con consumi sempre piacevolmente contenuti. Spazio ed accoglienza generosi ne accompagnano il carattere fluido e rilassante.
NOVITA'
3 sett
Yaris, la compatta Toyota sempre più regina in città
La nuova generazione conserva ingombri “tascabili”, con più abitabilità e look ispirato. Disporrà di tutti gli ausili attivi alla guida, insieme alla variante ibrida ben più potente ed efficiente.
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile