+ 8
TEST DRIVE
26.09.18 - 06:000

BMW i3S, sportività ad alto voltaggio

La versione potenziata punta alla guida dinamica ad effetto “kart” grazie a telaio allargato, assetto rigido e motore da 184 CV; senza troppi sacrifici nell’autonomia. Meno evidente il comfort

Un’auto elettrica dal tono prettamente sportivo, per giunta di dimensioni compatte? Perché no. Qualcuno doveva pur aprire anche questa strada e il costruttore bavarese, già impegnato da tempo anche su questo fronte, non ha perduto il passo: approfittando del lieve aggiornamento della gamma i3 ha messo in campo l’inedita S. Profondamente diversa…

In effetti, la i3S sembra più “robusta” e aggressiva. Dove cambia?
In effetti, l’allestimento S non porta in dote solamente una rivisitazione dell’estetica, ma anche modifiche sostanziali: quelle più evidenti interessano proprio le carreggiate, che sono state maggiorate in maniera significativa. Tanto che l’auto è in effetti decisamente più larga e, di conseguenza, “piantata” a terra; l’incremento è di 40 mm e si nota in maniera piuttosto vistosa, anche grazie alle maggiori superfici dipinte in tinta nera. Non finisce qui, perché le stesse sospensioni risultano più rigide (molle e ammortizzatori, ma pure le barre antirollio) e l’altezza dal suolo ridotta di 10 mm, mentre le ruote raggiungono il diametro di 20 pollici. Sono inoltre specifiche le aperture per le prese d’aria inferiori nel frontale della vettura, per un insieme ben più vistoso e deciso. Oltre all’assetto, guadagna potenza e coppia lo stesso propulsore, portato a 184 cavalli rispetto ai 170 dell’unità standard introdotta con il restyling del modello, mentre la coppia sale da 250 a 270 Nm: in complesso, la i3S è in grado di sfoggiare un’accelerazione 0-100 km/h in 6,9 secondi, tempo davvero significativo, potendo raggiungere una velocità massima di 160 km orari.

Con la “S” ci si può lanciare a “caccia” di curve. È così?
Senz’altro: il carattere già sportiveggiante della vettura guadagna una robusta iniezione di dinamismo e spinge l’attenzione verso la guida su percorso misto, il vero terreno di conquista di questa versione. Anche perché, in condizioni normali, la durezza delle sospensioni si fa sentire ad ogni minima asperità, riducendo il comfort in maniera talvolta anche piuttosto decisa poiché gli stessi sedili, dall’imbottitura piuttosto consistente, riescono ad assorbire solo in parte i piccoli e grandi scossoni trasmessi quasi direttamente dal fondo stradale. Su asfalto liscio, viceversa, il rollio ridottissimo e la sensazione di “kart” fanno subito venir voglia di accelerazioni dinamiche e tanto ritmo da una curva all’altra, tanto più in modalità Sport che rende l’erogazione dell’unità elettrica ancor più reattiva ed esuberante e la sterzata più sensibile e “presente” tra le mani: lo scatto in avanti ad ogni pressione del gas genera euforia per la grinta in campo, mentre aderenza notevole insieme a facilità e precisione di controllo in traiettoria permettono di conservare parecchia velocità in ogni condizione: sotto questo profilo, la i3S mostra un autentico ed intenso spirito BMW. Comprese le reazioni, velate ma avvertibili, date dalla trazione posteriore, che in uscita dalle curve più strette a pieno gas fa in tempo ad accennare una gustosa tendenza a chiudere la traiettoria grazie al lieve sovrasterzo, subito prima che intervenga il controllo di trazione.

E l’autonomia? Con tanta vivacità, sarà difficile coprire grandi distanze…
Se ci si lascia portare dall’entusiasmo nello spremere la i3S in tutto il potenziale da “kart elettrico” si finisce con accorciare senza dubbio la durata della batteria, che tuttavia in condizioni normali non è affatto male: secondo la Casa giusto inferiore di 10-20 di km rispetto a quella della i3 standard. Al di là dei valori di omologazione su ciclo misto (280 km in ciclo NEDC, 235-245 km nel nuovo standard WLTP), nella realtà d’impiego misto del nostro test abbiamo facilmente superato i 220 km di autonomia guidando normalmente; impiegando estensivamente l’auto in autostrada, com’è normale, è lecito attendersi una diminuzione nella percorrenza massima. La notevole portata della batteria, 94 Ah, richiede tuttavia parecchio tempo per la ricarica, che solo con presa dedicata da 11 kW scende sotto le 3 ore per rifornire l’accumulatore con l’equivalente di circa 180 km di autonomia. In compenso, si può ordinare la i3S in versione Range Extender (+6’000 CHF sul listino standard da 43’900 CHF) che aggiunge alla meccanica un piccolo bicilindrico a benzina di 0,65 litri (serbatoio 9 litri) per la ricarica in marcia della batteria, capace di aggiungere circa 150 km di autonomia supplementare.

C’è qualche novità, nell’abitacolo?
A bordo, la i3S beneficia dei leggeri aggiornamenti introdotti su tutta la gamma, tra cui la più vistosa costituita dal nuovo schermo a centro plancia portato alla diagonale di ben 10,25 pollici e migliorato nella risoluzione grafica; arrivano inoltre diversi servizi on-line (parcheggi, traffico) insieme a nuovi rivestimenti e finiture. Completa la disponibilità di ausili attivi. La posizione di guida è eccellente, molto integrata nell’auto ma al tempo stesso panoramica, con il contorno dell’originale ambiente di bordo dai toni futuristici tuttavia molto piacevole ed in definitiva pure razionale. Per accomodarsi sulle due poltroncine posteriori rimangono come in precedenza le piccole portiere controvento, apribili solo dopo aver sbloccato le anteriori; la sistemazione è un po’ costretta ma poi sufficientemente confortevole, accessibilità e discesa invece richiedono una certa laboriosità. Il vano di carico è piuttosto limitato, con cubatura standard di 260 litri (1100 litri ribaltando il divano) e soglia un po’ alta da terra.

Guarda tutte le 12 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Motori
PRIME IMPRESSIONI
1 gior

Turismo di gran carriera per la McLaren GT

Pensata per l’impiego quotidiano e sulle lunghe percorrenze, l’inedita sportiva inglese vanta un look più affusolato con molto più spazio per il bagaglio. Senza rinunciare alla sua anima corsaiola.

PRIME IMPRESSIONI
4 gior

BMW M8 Competition Cabriolet, “pedigree” sportivo anche a cielo aperto

La meccanica di punta della divisione M Sport sprigiona grinta e dinamismo di vertice anche con carrozzeria convertibile: per un raro mix di esuberanza, sportività e coinvolgimento.

TEST DRIVE
6 gior

Ford Focus Active Wagon, la giardinetta veste “offroad”

L’allestimento crossover conferisce più relax e versatilità, grazie all’assetto rialzato e ai programmi aggiuntivi per la gestione della motricità. Vivace ed autorevole il 2.0 turbodiesel.

PRIME IMPRESSIONI
1 sett

Taycan, velocità e curve nel cuore anche con anima elettrica

La berlina “zero emissioni” a quattro posti offre prestazioni entusiasmanti e un carattere dinamico cristallino. Accompagnando la notevole esuberanza con un’autonomia di tutto rispetto.

PRIME IMPRESSIONI
1 sett

Gran Coupé, Serie 8 a metà tra berlina e sport

Strettamente derivata dalla sportiva di lusso, l’inedita variante a quattro porte garantisce tanto più spazio e versatilità con la promessa di conservare lo stesso, pregevolissimo dinamismo.

Novità
1 sett

Koenigsegg Regera, nuovo record di accelerazione… e frenata

La hypercar svedese da oltre 1500 cv abbassa ulteriormente il proprio record nella prova combinata di accelerazione fino alla velocità massima e successivo arresto. In condizioni non ottimali…

TEST DRIVE
2 sett

“Pieno” di corrente e di sostanza per la Optima Sportswagon PHEV

La grande wagon ibrida ricaricabile, ulteriormente affinata, convince per autonomia e rendimento offrendo buone prestazioni ed un’accoglienza di qualità. Leggermente sottotono il vano di carico.

PRIME IMPRESSIONI
2 sett

Nuova linfa per la Renault Zoe

Con la robusta iniezione di contenuti, specie sul piano tecnico e tecnologico, la compatta elettrica approda alla terza generazione col vento in poppa. Anche grazie all’autonomia estesa a 395 km.

TEST DRIVE
2 sett

Sportività a tutto tondo per la Cupra Ateca

Motore potente ma elastico e assetto “camaleonte” contribuiscono alle doti di adattabilità del Suv spagnolo, dal vivace carattere sportivo: adatto alla guida ispirata come al traffico quotidiano.

Novità
3 sett

Ford Puma, adesso è un seducente crossover

Lo stesso nome della piccola coupé di fine anni ’90 ora distingue il compatto Suv a due ruote motrici su base Fiesta: in rilievo spazio, tecnologie di bordo e motorizzazioni 1.0 microibride.

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile