+ 22
TEST DRIVE
17.09.18 - 06:000

L’abito Executive dona alla Forester

Lo speciale allestimento “all-in” esclusivo per la Svizzera correda la SUV giapponese di ogni equipaggiamento: non ci sono opzioni. Con piacevole sorpresa nel prezzo, inferiore al listino standard

Di più con meno. Possibile? In Casa Subaru certamente sì, con la novità dell’esclusiva versione Executive introdotta sulla Forester 2.0i e dedicata al mercato svizzero. Questa variante comprende infatti tutta la ricca dotazione standard cui aggiunge un corredo significativamente arricchito ma il conto finale, anziché salire, scende grazie all’offerta posizionata a quota 36’350 CHF, contro il listino standard di 38’250 franchi e il pacchetto Executive a 5’500 franchi.

Che elementi contraddistinguono la Forester più ricca?
La dotazione della vettura è volutamente completa di ogni elemento di ricercatezza e funzionalità, inclusa la stessa vernice speciale bronzo metallizzato: non rimane null’altro di extra da scegliere. Esteticamente, il “vestito” della Executive non si discosta dalle altre Forester, se non per la presenza dei cerchi in lega da 18 pollici e dai vetri posteriori oscurati. Il modello non è nuovo, seppur di recente aggiornato in alcuni dettagli e dotazioni, ma conserva il piacevole “feeling” di solidità e accoglienza delle Subaru. La meccanica di questo allestimento speciale per la Svizzera include la motorizzazione boxer 2.0 litri aspirata, con potenza di 150 cv, combinata al cambio automatico Lineartronic a variazione continua completo di selezione sequenziale con palette al volante dei sei rapporti preimpostati per simulare con maggior fedeltà il funzionamento di una trasmissione automatica standard. La trazione è naturalmente integrale a ripartizione automatica della coppia tra i due assali ed include la modalità X per la marcia su terreni sconnessi o bassa aderenza, con controllo automatico della velocità in discesa.

Zero opzioni. Che equipaggiamento troviamo a bordo?
L’ambiente di bordo conserva il conosciuto design, piuttosto lineare, tuttavia per l’occasione arricchito di rivestimenti in pelle nera in aggiunta alle poltrone anteriori con regolazione elettrica e memoria lato guida; le tonalità piuttosto scure dell’ambiente sono compensate dal grande tetto apribile in cristallo, che conferisce una forte iniezione di luminosità. L’accensione della vettura è affidata al pulsante che non richiede la chiave, mentre già dalle prime fasi di manovra si apprezza la telecamera di retromarcia. A sua volta combinata all’avviso di traffico posteriore e al monitoraggio laterale: sistemi che fanno parte dei due pacchetti di sicurezza estesa (assistenza alla guida EyeSight e Advance Safety) e che comprendono diversi altri controlli tra cui monitoraggio angolo cieco, avviso di uscita dalla corsia, assistente alla frenata di emergenza con anticollisione. L’impianto tecnologico Subaru si affida alla doppia telecamera stereo, piuttosto che alla combinazione di monocamera e sensore laser, giudicata più precisa ed affidabile nella trasposizione digitale di traffico, pedoni e ciclisti di fronte alla vettura; il regolatore di velocità adattivo ed il mantenimento della corsia con intervento attivo sullo sterzo, che ne dipendono direttamente insieme agli altri dispositivi, mostrano un funzionamento piuttosto preciso ed equilibrato tra rapidità e progressione di intervento nelle varie situazioni di traffico.

La vettura privilegia in special modo comfort e relax. È così?
Esattamente. La Forester mossa dal due litri benzina aspirato mostra il suo campo d’azione più riuscito con una guida docile e lineare, oltre alle lunghe percorrenze autostradali, dove la meccanica si distende su regimi bassi lasciando emergere la buona insonorizzazione. Ottime anche agilità e guidabilità in città e nello stretto, con lo sterzo sempre piuttosto leggero e preciso nell’accompagnare un’azione rilassante, fatta di accelerate piuttosto dolci ben accompagnate dal sufficiente brio di motore e cambio a variazione continua. Nella media d’uso della nostra prova, condotta su percorso misto, abbiamo ottenuto medie più frequenti attorno a 9-9,5 l/100 km. Se si chiede invece sportività la vettura risponde come può, scontando in parte il peso da SUV (1640 kg), la coppia erogata in alto (198 nm a 4200 giri) e la risposta molto trascinata e a regimi elevati della trasmissione automatica (0-100 km/h in 11,8 secondi) anche selezionando manualmente i rapporti sequenziali preimpostati e la modalità di guida Sport. A bordo, lo spazio è di livello elevato e consente l’agevole sistemazione dell’intero equipaggio, anche posteriormente grazie alla distanza elevata del divano dagli schienali anteriori; mancano però, in questa zona, utili complementi come bocchette di aerazione aggiuntive e prese 12V. Piacevole la posizione di guida, lievemente rialzata e panoramica, con strumentazione tradizionale, ampio schermo centrale a sfioramento per navigazione/infotainment e secondo display centrale sopraelevato con informazioni multifunzione. Vano di carico più che adeguato alla “missione” familiare, con cubatura variabile tra 505 e 1557 litri con un interessante doppiofondo sotto al piano principale.

Trovi la Subaru Forester da...

Garage Cristallina SA

Via Circonvallazione 3,
6612 Ascona

www.cristallina.ch/v/

Guarda tutte le 26 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Motori
TEST DRIVE
2 ore
Bentornata Jeep Wrangler
La Wrangler rimane fedele a se stessa. E per fortuna. Qualche novità meccanica e tecnologica, ma soprattutto tante conferme per il gradito ritorno di un'icona. Proviamo la Unlimited Rubicon diesel.
Novità
3 gior
GFG Style 2030 Electric Hyper SUV, il dopodomani è qui
Iper-sportiva e Suv, la concept disegnata dai Giugiaro anticipa il futuro elettrico ad alte prestazioni. Mostrata al Riyadh Motor Show, sarà tra le “vedette” al Salone di Ginevra 2020.
PRIME IMPRESSIONI
5 gior
Seat Mii Electric, vivace e scattante
Il debutto della marca spagnola nell’elettrificazione pura parte dalla citycar convertita a batteria: che è agile, ben brillante e piuttosto confortevole, con autonomia dichiarata di 260 km.
TEST DRIVE
1 sett
Renault Clio, uguale soltanto nel look
La nuova generazione conserva volutamente il design apprezzato, ma offre grandi evoluzioni nell’abitacolo così come nelle tecnologie di bordo. Eccellente il 1.3 turbo da 130 cv.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Volkswagen Golf
L’ottava generazione affila il conosciuto look “di famiglia”, ma evolve in profondità per digitalizzazione, tecnologie e qualità della guida: in prova col nuovo ibrido leggero 1.5 eTSI da 150 cv.
TEST DRIVE
1 sett
Grinta e agilità per la Volvo XC40 T5
Il Suv cadetto con motorizzazione benzina turbo di punta convince per prestazioni offrendo una guida docile e maneggevole. Con ottimo livello di accoglienza per l’intero equipaggio.
TEST DRIVE
2 sett
Ford Focus ST SW, sapore mordente
L’allestimento sportivo allestito dalla divisione Performance combina il turbodiesel potenziato da 190 cv all’assetto specifico con sterzo più diretto, per una guida dall’evidente dinamismo.
PRIME IMPRESSIONI
2 sett
Mercedes GLB, ama la famiglia e le curve
Il nuovo Suv di gamma intermedia strizza l’occhio alla Classe G, offre fino a sette posti e spicca per la qualità della guida dinamica, davvero convincente. Elastico e versatile il 2.0 td da 190 cv.
TEST DRIVE
2 sett
Seat Tarraco, Suv formato famiglia
Fino a sette posti in un ambiente di bordo ottimamente attrezzato ed accogliente per l’ammiraglia spagnola 4x4, dalla guida armonica e bilanciata. Anche con il 2 litri TSI benzina da 190 cv.
TEST DRIVE
3 sett
Mitsubishi ASX, più fluida e adattabile
Il restyling corposo aggiunge al look personale prestazioni in crescita con il due litri benzina da 150 cv la versatilità della trazione integrale. Crescono gli ausili attivi alla guida.
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile