+ 6
TEST DRIVE
09.07.18 - 06:000

Trackhawk, quando la Grand Cherokee mette l’abito da pista

Col V8 6.2 a compressore da 700 cv, l’ammiraglia 4x4 è la Jeep più potente e veloce di sempre. Capace di un mordente fuori dell’ordinario, anche grazie ad assetto e freni adattati all’uso più intenso.

Un motore davvero esagerato l’otto cilindri della Grand Cherokee.
Assolutamente sì. Del resto, la stessa denominazione Trackhawk fa riferimento alla pista e, di riflesso, alle massime prestazioni, che certamente sono il fiore all’occhiello dell’auto. Sul piano tecnico, per trovare i “natali” di tanta meccanica serve dare un’occhiata all’altrettanto americana Dodge Challenger, “muscle car” tipicamente USA (Gruppo FCA) che per l’appunto presta il pacchetto motore-cambio a questa Grand Cherokee esagerata. Il propulsore è dunque il V8 Hemi Hellcat di 6,2 litri dotato di compressore meccanico, portato a 700 cavalli ad un regime piuttosto elevato, 6000 giri, con il corredo di una coppia altrettanto impressionante di ben 898 Nm a 4800 giri: la curva di erogazione è spostata verso l’alto contribuendo alla sensazione di “nervosità” dell’insieme. Il cambio TorqueFlite è automatico a otto rapporti con convertitore di coppia ma adattato all’impiego più sportivo: nella modalità di guida più spinta assicura passaggi marcia secchi e aggressivi, al limite del brutale.
Naturalmente, l’intero telaio ha ricevuto attenzioni adeguate a padroneggiare tanta energia: l’impianto frenante potenziato è fornito dalla Brembo, mentre l’assetto con ammortizzatori adattivi è realizzato dallo specialista Bilstein; i cerchi sono da 20 pollici. La trasmissione integrale è affidata infine allo schema Quadra-Trac con ripartizione integrale di coppia e potenza sui due assali variabile a seconda anche della modalità di impiego (cinque previste; con la regolazione Track si arriva a 30-70% tra avantreno e retrotreno). Il differenziale posteriore è autobloccante a controllo elettronico. Le prestazioni annunciano “numeri” altrettanto impressionanti: l’accelerazione da fermo ai 100 km/h richiede appena 3,7 secondi, nonostante un peso di 2,5 tonnellate, la velocità massima è di ben 289 km orari. Il listino di questa Grand Cherokee d’eccezione è fissato in 139'000 CHF.

Una SUV che strizza l’occhio alla pista, dunque. È davvero così?
Tra i cordoli, la Trackhawk si trova in effetti a suo agio, come del resto ci ha permesso di verificare lo stesso test della vettura sul divertente circuito sportivo ricavato all’interno del vasto comprensorio del Centro Prove di Balocco. Nella modalità di marcia più sportiva le sospensioni si irrigidiscono significativamente e consentono di tenere ben sotto controllo i movimenti della carrozzeria, che rimangono avvertibili ma limitati, mentre erogazione del V8 e risposta di trazione integrale e cambio sono adattati alla massima rapidità, inclusa la modalità “Launch control” per le partenze da fermo: la SUV americana scatta in avanti con prodigiosa forza ed impressiona realmente i passeggeri. Tanto più che l’otto cilindri a compressore non si fa pregare per accompagnare tanta esplosività con un suono rauco e possente, una vera “musica”. La vettura è adeguata anche nelle curve, grazie ad inserimenti piuttosto reattivi e pronti e alla buona aderenza; lo sterzo è un po’ lento ma permette un controllo sufficientemente puntuale, mentre la tendenza ad allargare con l’avantreno è sempre presente ma peraltro ampiamente comprensibile, in special modo in pista con un veicolo alto e pesante. Eccellente, inoltre, la resa dell’impianto frenante, progressivo ma potente nel rallentare con autorità il mezzo.

Allestimento e design della Trackhawk sono altrettanto specifici.
La vettura mostra in primo luogo un look aggressivo e sportivo; in particolare, spiccano le grandi ruote in tinta scura, le pinze freno gialle ed il frontale dal design specifico con accenti neri e prese d’aria maggiorate, estese anche all’originaria collocazione dei fendinebbia. L’interno è altrettanto curato e distintivo, includendo tra l’altro poltrone anteriori avvolgenti, rivestimenti integrali in pelle, nonché inserti in metallo o fibra di carbonio per sottolineare l’ambiente “corsaiolo” dell’allestimento. Strumentazione interamente digitale e grande schermo centrale tattile da 8,4” del sistema Uconnect NAV completano l’ambiente di comando con un tocco hi-tech d’effetto ma funzionale; il sistema multimediale include le interfacce smartphone per Android e Apple così come le schermate specifiche Trackhawk, che permettono di monitorare un’ampia gamma di dati prestazionali. È inoltre presente la funzione di riduzione attiva del rumore – in modalità normale la vettura è docile e confortevole –, mentre il corredo di ausili attivi alla guida include i sistemi più avanzati compresi frenata automatica d’emergenza e regolatore di velocità adattivo con funzione di arresto.

Trovi la Jeep Grand Cherokee Trackhawk da...

Bertoni Automobili

Via Delta 11, 6612 Ascona

T +41 91 791 43 24

F +41 91 791 84 53

info@bertoni.ch

www.bertoni.ch

Guarda tutte le 10 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Motori
TEST DRIVE
1 gior
V60 D4 Cross Country, oltre i confini
L’accogliente wagon svedese declinata nell’allestimento crossover si lascia apprezzare per l’isolamento aggiuntivo, senza perdere le conosciute ad apprezzate qualità stradali delle altre versioni.
TEST DRIVE
3 gior
Mazda3 Skyactiv-X, arriva la rivoluzione nel motore a scoppio
La nuova media giapponese porta in dote il 2.0 benzina con accensione spontanea da 180 cv, che promette più efficienza e minori consumi. Abitacolo accogliente, bagagliaio sufficiente.
TEST DRIVE
5 gior
Ford Ranger Raptor, fascino e qualità d’Oltreoceano
Allestito da Ford Performance, è rinforzato, allargato, rialzato per un look tutto muscoli: in 4x4 è spettacolare, ma va bene anche su asfalto. Forte di un 2.0 TD da 213 cv con cambio a 10 marce.
TEST DRIVE
1 sett
Porsche 911 GT2 RS, in pista a Misano Adriatico
Una giornata da piloti: abbiamo provato la più potente delle 911 affrontando cordoli e staccate, gestione delle gomme ed esuberanza dei 700 cv del suo boxer 3.8 biturbo. Ecco come è andata.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Renault Captur, cambia tutto tranne lo stile
La seconda generazione del crossover segue la scia della Clio e conserva un design “di casa”, in verità evoluto per stile e dimensioni accresciute. Con comfort e accoglienza in evidenza.
Novità
1 sett
Anche Mazda si dà all’elettrico: arriva il crossover MX-30
Strizza l’occhio al fuoristrada ma insiste sulla linea sportiva, ispirata alle coupé. Sotto il cofano un’unità elettrica da 143 cv. Sarà in vendita dalla seconda metà dell’anno prossimo.
TEST DRIVE
2 sett
Hyundai i30 Fastback N, gustosa e pure “cattiva” a comando
Alla grinta del 2 litri turbo da 275 cv, la due volumi con allestimento sportivo N Performance abbina una guida notevolmente reattiva ed incisiva: il coinvolgimento è assicurato.
TEST DRIVE
2 sett
Ford Mondeo Hybrid Wagon, l’economia è servita
La versione ibrida permette una marcia docile e briosa con consumi sempre piacevolmente contenuti. Spazio ed accoglienza generosi ne accompagnano il carattere fluido e rilassante.
NOVITA'
2 sett
Yaris, la compatta Toyota sempre più regina in città
La nuova generazione conserva ingombri “tascabili”, con più abitabilità e look ispirato. Disporrà di tutti gli ausili attivi alla guida, insieme alla variante ibrida ben più potente ed efficiente.
TEST DRIVE
3 sett
718 T: la Porsche Cayman “semplice” sa come farsi adorare
L’allestimento semplificato esalta le doti dinamiche della compatta coupé, attrezzata accuratamente sul piano tecnico: sterzo eccezionale e boxer da 300 cv regalano un “sapore” particolare.
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile