TEST DRIVE
22.06.18 - 06:000

Range Rover, lusso e carezze in abito SUV

La regina è sempre lei: levigata, imponente, lussuosa ed ora ancor più tecnologica, grazie al recente restyling. Decisa nell’imporre la sua regale, dominante esclusività col V8 compresso da 525 cv

Tempo di evoluzione per l’ammiraglia inglese. Cosa cambia?
Il modello ha già sei anni di vita, ma in effetti a livello estetico le modifiche sono limitatissime, in pratica coinvolgendo dettagli della carrozzeria come proiettori, mascherina ed altri particolari; il look appare certamente ancor più raffinato ed attuale, anche con pochi “ritocchi”. In realtà, la Range in modo particolare – spiegano alla Land Rover – è apprezzata e richiesta da un pubblico che chiede non tanto innovazione, ma migliorie continue ed un lusso crescente. In special modo relative all’esperienza d’uso; per questo, l’abitacolo è l’elemento che forse trae più benefici dall’operazione di “maquillage” operata sul modello. Ecco quindi comparire una consolle centrale inedita, che ora adotta il sistema multimediale analogo a quello già visto sulle Range Rover Velar e Range Rover Sport 2018, contraddistinto dalla presenza di due schermi a sfioramento, entrambi da 10 pollici: quello superiore svolge la funzione di navigatore satellitare, quello inferiore riproduce i controlli del “clima” oltre che di altre funzionalità. Ad essi si aggiunge lo stesso quadro strumenti integralmente digitale, con pannello da 12 pollici. Di più: nell’abitacolo si trovano ora 17 ingressi per alimentare i dispositivi portatili, mentre l’hot spot internet permette il collegamento fino a 8 apparecchi in contemporanea; i cristalli laterali sono più spessi per consentire maggior isolamento acustico, le poltrone sono ridisegnate, più ampie, meglio regolabili ed equipaggiabili con 25 programmi di massaggio. Per non dire della speciale “app” che permette di regolare anche a distanza ogni funzionalità dei sedili.

Il V8 a benzina è impegnativo ma offre una marcia di gran qualità.
Certamente. Si tratta in effetti della motorizzazione ideale per dimensioni e “aplomb” del modello, poiché basta quasi sempre un velo di acceleratore per ottenere variazioni di velocità rapide e dinamiche, accompagnate ad una “voce” rauca e soffusa eppure imponente. E se si ha fretta, i 525 cv – 15 in più su questa evoluzione del classico V8 5 litri dotato di compressore meccanico – permettono uno scatto da fermo di tutto rispetto, con i 100 km raggiunti in appena 5,4 secondi: un gran bello sprint per una SUV da quasi 2400 kg! Eppure, un’auto come la Range Rover ci si trova ad impiegarla raramente in scatti affannosi; il suo terreno di azione privilegiato è la marcia dinamica ma in souplesse, con la gran riserva di potenza e coppia (625 Nm da 2500 giri) prontamente disponibili già a gas leggero. Tutto, a bordo, è fondamentalmente concepito in quest’ottica: erogazione motore – dolce e progressiva –, risposta cambio, sospensioni pneumatiche, sterzo (sempre piuttosto leggero) sono ideali per trasmettere relax. Eppure, tra le curve questa grande SUV si muove con sapiente raffinatezza, non si corica mai eccessivamente ed offre anzi aderenza di pregio e valida maneggevolezza. Le sensazioni al volante sono invece sempre filtrate, ma questa caratteristica assume qui più un pregio che un limite, combinata tra l’altro ad una sistemazione a bordo particolarmente rialzata e “sontuosa” che ispira la conduzione più raffinata, precisa, armonica. Sul piano tecnico, da segnalare l’evoluzione della trazione integrale permanente, ora con ripartizione tra gli assali più rapida e funzionale, nonché le marce ridotte – la qualità di marcia in fuoristrada resta tra le qualità di spicco del modello, nonostante tutto il lusso – innestabili in velocità fino a ben 60 km/h. Aggiornati anche tutti i sistemi di ausilio alla guida.

Ancor più accogliente, l’abitacolo è il consueto “salotto” inglese?
Sì e no. Nel senso che la possibilità di personalizzare l’ambiente è tale da riuscire ad adattarlo come un guanto allo stile desiderato – dal classico estremo all’hi-tech provocante –, mentre il design lineare ma di carattere offerto dalla plancia infonde una ricercata modernità, tanto più con l’introduzione di schermi più estesi. La sistemazione a bordo è quella che ci si aspetta da un’ammiraglia, specie in presenza dell’allestimento di punta Autobiography che distingue la 5.0 V8 S/C del test (da 162'700 CHF). La posizione di guida è particolarmente rialzata ma al tempo stesso ottimamente integrata nell’ambiente di bordo; la visibilità sempre sotto controllo, nonostante la mole del veicolo. Dietro il divano è ideale per due, dato il bracciolo centrale attrezzato anche di passaggio; ci sono comandi elettrici per la regolazione di ciascun lato, inclusa la profondità di seduta che tuttavia, se estesa al massimo, riduce un poco la libertà di movimento per le gambe, altrimenti notevole. Il comfort è infine di prima qualità, grazie ad un isolamento acustico e dinamico di alto livello combinato alla raffinatezza “naturale” con la quale si muove, su strada, la Range.

Trovi la nuova Range Rover da...

Garage Tarcisio Pasta SA
Via Monte Ceneri 1
6593 Cadenazzo

Telefono: 091 850 20 10
Fax: 091 850 20 11

https://cadenazzo.landrover-dealer.ch/it

Potrebbe interessarti anche
Tags
range rover
range
rover
lusso
modello
bordo
suv
v8
abitacolo
marcia
TOP NEWS Motori
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report