+ 6
TEST DRIVE
03.11.17 - 06:000
Aggiornamento : 12:24

La Skoda Octavia RS diventa ancora più potente

Prova su strada della RS 245, che anche nella variante a tre volumi ha il suo perché.

Quest’anno la Skoda Octavia si è aggiornata. Alcuni dei cambiamenti apportati, come il nuovo comparto di Infotainment con schermo da 9,2 pollici e servizi “on-line”, ci piacciono. Altri, come i fanali anteriori sdoppiati, ci piacciono meno. Ci siamo tuttavia riservati il piacere di metterci alla guida della versione più sportiva tra tutte le Octavia, vale a dire la RS 245.

Forte di 15 cavalli in più rispetto alla RS ‘normale’, a fare la differenza nella 245 è la presenza di una frizione a lamelle a controllo elettronico a svolgere un ottimo lavoro quale differenziale autobloccante. All’esterno le differenze sono altrettanto sottili, tanto che il principale segno di riconoscimento è la “V” color nero lucido del loro RS. Il nero lucido è in effetti un colore ricorrente nella caratterizzazione della più sportiva tra le Skoda Octavia, distinguibile dallle ampie prese d’aria anteriori e i sedili in Alcantara con poggiatesta integrati.

Sebbene la berlina nel nostro mercato ricopra il ruolo della mosca bianca, è stato interessante avere proprio questa variante quale esemplare in prova per constatare quanto anch’essa sia pratica. Lo spazio del bagagliaio è in effetti stupefacente per la tipologia di carrozzeria: freddi numeri alla mano la capienza è di appena 20 litri in meno della famigliare (590 contro 610).

Al volante della Skoda Octavia RS 245 ci si sente subito a proprio agio anche solo per la gradevole impugnatura del volante in pelle traforata. Un valore aggiunto irrinunciabile è rappresentato senza dubbio dall’assetto regolabile, che rispetto alle RS precedenti introduce a pieni voti il concetto di comodità anche sulle lunghe distanze assorbendo a dovere qualsiasi asperità. Il noto 2 litri turbo non cela sorprese rivelandosi un buon compagno in tutte le condizioni d’uso. Consuma poco (anche meno di 8 l/100 km), è sempre vigoroso e pur avendo un’erogazione molto lineare (leggi: poco emozionante) è capace di raggiungere in fretta velocità interessanti. Le prestazioni? Punta massima di 250 km/h e scatto fino ai 100 in appena 6,6 secondi se dotata del cambio doppia frizione DSG, che pur essendo veloce come di consueto mostra un’insolita dolcezza nelle cambiate anche in uso sportivo, togliendo forse un po’ di smalto all’insieme. Ben dosabile l’impianto frenante, morbidi e poco invasivi gli interventi dei controlli elettronici.

Va detto che la Octavia RS 245 è molto bella se guidata ai regimi medi. Mette proprio agio perché lo sterzo ha un bel carico e attraverso lo stesso si percepisce un rassicurante grip delle Pirelli PZero. Si disegnano sin da subito delle belle traiettorie e già senza esagerare si avverte la presenza – e quindi il lavoro – del differenziale autobloccante anteriore, il quale garantisce in effetti una motricità eccelsa rendendo gustose in particolare le curve da terza piena. Sia il differenziale che il pneumatico lavorano in simbiosi per trovare la massima aderenza possibile, e il fatto che l’acceleratore sia facilmente parzializzabile così da ‘misurare’ la coppia richiesta al propulsore (370 Nm il valore massimo) rende il tutto più semplice. Peccato solo che, incalzando il ritmo, si percepiscano da un lato tutti i quattro virgola sette metri di lunghezza, e dall’altro si faccia evidente una risposta poco fulminea dello sterzo nell’impiego più spinto. Questo conferisce all’insieme una scarsa sensazione di compattezza del telaio, come se tutta la vettura la si guidasse solo con l’avantreno ed il retrotreno lo seguisse per semplice inerzia. Che è sicuramente l’unico difetto imputabile alla RS 245, dato che di fatto non si tira mai indietro quando le chiedi di dare il massimo, purché sia entro i suoi limiti. E questi vanno rispettati. Va insomma compreso che pur essendo la più specialistica tra le Octavia RS resta frutto di quel compromesso tipico delle vetture destinate ad un’utenza famigliare. Anche se questo compromesso, avendo notevolmente incrementato il comfort e comunque conservato una notevole dinamicità, è nettamente migliorato rispetto al passato aumentando considerevolmente lo spettro di fruibilità della Octavia RS. Che si conferma decisamente un affare nel rapporto prezzo/prestazioni/praticità.

 

SCHEDA TECNICA

Modello, versione Skoda Octavia RS 245 DSG
Motore 4 cilindri, 2 litri, benzina (turbo), 245 cv, 370 Nm
Trasmissione Cambio doppia frizione a 7 rapporti, trazione anteriore
Massa a vuoto 1'632 kg
Accelerazione 0-100 km/h 6,6 secondi
Velocità massima 250 km/h (autolimitata)
Consumo medio 6,4 l/100 km (omologato)
Prezzo 44'450 CHF
Guarda tutte le 10 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Motori
PRIME IMPRESSIONI
2 gior
Volkswagen Golf
L’ottava generazione affila il conosciuto look “di famiglia”, ma evolve in profondità per digitalizzazione, tecnologie e qualità della guida: in prova col nuovo ibrido leggero 1.5 eTSI da 150 cv.
TEST DRIVE
4 gior
Grinta e agilità per la Volvo XC40 T5
Il Suv cadetto con motorizzazione benzina turbo di punta convince per prestazioni offrendo una guida docile e maneggevole. Con ottimo livello di accoglienza per l’intero equipaggio.
TEST DRIVE
6 gior
Ford Focus ST SW, sapore mordente
L’allestimento sportivo allestito dalla divisione Performance combina il turbodiesel potenziato da 190 cv all’assetto specifico con sterzo più diretto, per una guida dall’evidente dinamismo.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Mercedes GLB, ama la famiglia e le curve
Il nuovo Suv di gamma intermedia strizza l’occhio alla Classe G, offre fino a sette posti e spicca per la qualità della guida dinamica, davvero convincente. Elastico e versatile il 2.0 td da 190 cv.
TEST DRIVE
1 sett
Seat Tarraco, Suv formato famiglia
Fino a sette posti in un ambiente di bordo ottimamente attrezzato ed accogliente per l’ammiraglia spagnola 4x4, dalla guida armonica e bilanciata. Anche con il 2 litri TSI benzina da 190 cv.
TEST DRIVE
1 sett
Mitsubishi ASX, più fluida e adattabile
Il restyling corposo aggiunge al look personale prestazioni in crescita con il due litri benzina da 150 cv la versatilità della trazione integrale. Crescono gli ausili attivi alla guida.
Novità
2 sett
Ford Mustang Mach-E, potenza e tradizione in un Suv elettrico
L’eredità della sportiva muscolare prende le vesti di crossover elettrico dalle linee tese e suggestive: fino a 465 cv con 600 km di autonomia, trazione posteriore o integrale. Da fine 2020.
TEST DRIVE
2 sett
Toyota C-HR 2.0L Hybrid, crescono prestazioni e ambizioni
Con il restyling di metà carriera arriva il sistema ibrido da 184 cv, che assicura una bella iniezione di brio insieme ad una guida più fluida e piacevole. Aggiornati anche design e tecnologie.
TEST DRIVE
2 sett
EQC 400, anche per Mercedes arriva il “pieno” di corrente
La prima elettrica della Casa sfoggia un carattere a tratti esuberante grazie ai 408 cv dei due motori elettrici, senza trascurare una valida autonomia. Comfort ed accoglienza di qualità.
TEST DRIVE
3 sett
V60 D4 Cross Country, oltre i confini
L’accogliente wagon svedese declinata nell’allestimento crossover si lascia apprezzare per l’isolamento aggiuntivo, senza perdere le conosciute ad apprezzate qualità stradali delle altre versioni.
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile