+ 16
PRIME IMPRESSIONI
28.09.17 - 06:000
Aggiornamento : 15:00

Jeep Compass: ecco l’anello mancante

A metà strada tra la compatta Renegade e la nota Cherokee, la neonata Compass sorprende per le dimensioni compatte e le immancabili qualità lontano dai percorsi asfaltati.

In Svizzera la categoria dei Compact SUV conta già circa 40 mila nuove immatricolazioni all'anno e a detta dei vertici Jeep le aspettative di crescita di questa fascia di vetture sono molto incoraggianti. Ecco quindi l'opportunità di vendere automobili come la nuova Compass: fabbricata in Messico, è un SUV relativamente compatto (4 metri e 39) che va a colmare il posto vacante tra la Cherokee e la sua sorellina Renegade. Sorellina ne vero senso della parola dato che hanno alcuni geni in comune condividendo il telaio, allungato di 7 centimetri per ottenere un abitacolo più spazioso; esternamente si ispira invece alla più massiccia Grand Cherokee mantenendo alcuni degli stilemi tipici del marchio a stelle e strisce. Parliamo ad esempio dei passaruota trapezoidali o della griglia del radiatore con sette feritoie cromate incastonate in singole cornici verniciate in nero lucido, medesimo colore in cui è disponibile il tetto per creare combinazioni bicromatiche della carrozzeria. Esclusiva per la Compass è la modanatura dei cristalli laterali (DLO), ovvero un elemento cromato che traccia una linea passante tutt'attorno alla vettura, partendo nella parte superiore dei finestrini laterali per poi celarsi nel lato inferiore del lunotto posteriore, separando così l'area del tetto da quella della carrozzeria. Un effetto visivo dal notevole impatto.

Nell'abitacolo la forma trapezoidale dei passaruota viene ripresa sulla plancia in cui è ubicato il sistema di infotainment Uconnect, il cui schermo touchscreen è disponibile in varie dimensioni (da 5, 7 o 8,4 pollici) a seconda dell'allestimento: la versione più grande, oltre alle funzioni Apple CarPlay e Android Auto (per citarne alcune), dispone anche del sistema di navigazione e l'applicazione Jeep Skills, la quale offre interessanti informazioni relative alla guida in fuoristrada. Il che potrebbe essere utile su ognuna delle versioni a 4 ruote motrici, capaci di soddisfare le necessità fuoristradistiche della maggior parte dei suoi acquirenti, ma lo è in particolare sulla Trailhawk, la variante ancor più incline ad inerpicarsi su tracciati non asfaltati: è infatti più alta, ha paraurti specifici per ottenere angoli di attacco e di uscita più aggressivi (30 gradi, quasi il doppio delle altre versioni) e monta delle piastre protettive nel sottoscocca. È oltretutto l'unica a disporre della modalità dedicata ai fondi rocciosi nel sistema di assistenza Selec-Terrain (oltre agli specifici programmi per cavarsela su neve, sabbia e fango), della riduzione del rapporto di demoltiplicazione a 20:1 del Jeep Active Drive Low e dell'assistente alla partenza in salita.

Questo però non significa che la Trailhawk non si trovi a disagio su strada: al pari delle altre versioni della Compass risulta confortevole, piacevolmente rifinita e piuttosto ben insonorizzata, generosa in termini di spazio per gli occupanti, invogliando comunque a guidare in modo rilassato e a godersi il panorama piuttosto che ad esplorare i limiti della vettura. A ribadire l'indole paciosa c'è anche il cambio automatico a 9 rapporti, dolce e fluido a ritmi turistici ma un po' meno sicuro di sé improvvisando un sorpasso; è in ogni caso saggio optare per i motori più potenti poiché le prestazioni velocistiche sono influenzate dalla massa non indifferente dovuta alle quattro ruote motrici ed ai contenuti tecnici. A proposito, in termini di sicurezza la Compass offre una moltitudine di strumenti fra cui il dispositivo di avvertimento in caso di abbandono involontario della corsia LaneSense, l'assistente angolo cieco (Blind Spot Monitoring) con rilevamento di movimento dietro al veicolo adibito a segnalare la presenza di vetture difficili da scorgere o il sistema di allarme in caso di imminente collisione frontale.

La versione di accesso (l'unica a due ruote motrici) Longitude equipaggiata col 1.4 turbo benzina da 140 cavalli e cambio manuale è proposta a 30'000 franchi, mentre per avere il 4x4 bisogna scegliere la turbodiesel 2.0 di pari potenza ed aggiungere altri 6'900 franchi. Si oltrepassa la soglia dei 40'000 per le più accessoriate versioni Limited ed Opening Edition, disponibili con il 1.4 benzina da 170 cavalli oppure il 2.0 a gasolio da 140 o 170 cv, nonché per la più specialistica Trailhawk.

Guarda tutte le 20 immagini
TOP NEWS Motori
TEST DRIVE
1 gior
V60 D4 Cross Country, oltre i confini
L’accogliente wagon svedese declinata nell’allestimento crossover si lascia apprezzare per l’isolamento aggiuntivo, senza perdere le conosciute ad apprezzate qualità stradali delle altre versioni.
TEST DRIVE
3 gior
Mazda3 Skyactiv-X, arriva la rivoluzione nel motore a scoppio
La nuova media giapponese porta in dote il 2.0 benzina con accensione spontanea da 180 cv, che promette più efficienza e minori consumi. Abitacolo accogliente, bagagliaio sufficiente.
TEST DRIVE
5 gior
Ford Ranger Raptor, fascino e qualità d’Oltreoceano
Allestito da Ford Performance, è rinforzato, allargato, rialzato per un look tutto muscoli: in 4x4 è spettacolare, ma va bene anche su asfalto. Forte di un 2.0 TD da 213 cv con cambio a 10 marce.
TEST DRIVE
1 sett
Porsche 911 GT2 RS, in pista a Misano Adriatico
Una giornata da piloti: abbiamo provato la più potente delle 911 affrontando cordoli e staccate, gestione delle gomme ed esuberanza dei 700 cv del suo boxer 3.8 biturbo. Ecco come è andata.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Renault Captur, cambia tutto tranne lo stile
La seconda generazione del crossover segue la scia della Clio e conserva un design “di casa”, in verità evoluto per stile e dimensioni accresciute. Con comfort e accoglienza in evidenza.
Novità
1 sett
Anche Mazda si dà all’elettrico: arriva il crossover MX-30
Strizza l’occhio al fuoristrada ma insiste sulla linea sportiva, ispirata alle coupé. Sotto il cofano un’unità elettrica da 143 cv. Sarà in vendita dalla seconda metà dell’anno prossimo.
TEST DRIVE
2 sett
Hyundai i30 Fastback N, gustosa e pure “cattiva” a comando
Alla grinta del 2 litri turbo da 275 cv, la due volumi con allestimento sportivo N Performance abbina una guida notevolmente reattiva ed incisiva: il coinvolgimento è assicurato.
TEST DRIVE
2 sett
Ford Mondeo Hybrid Wagon, l’economia è servita
La versione ibrida permette una marcia docile e briosa con consumi sempre piacevolmente contenuti. Spazio ed accoglienza generosi ne accompagnano il carattere fluido e rilassante.
NOVITA'
2 sett
Yaris, la compatta Toyota sempre più regina in città
La nuova generazione conserva ingombri “tascabili”, con più abitabilità e look ispirato. Disporrà di tutti gli ausili attivi alla guida, insieme alla variante ibrida ben più potente ed efficiente.
TEST DRIVE
3 sett
718 T: la Porsche Cayman “semplice” sa come farsi adorare
L’allestimento semplificato esalta le doti dinamiche della compatta coupé, attrezzata accuratamente sul piano tecnico: sterzo eccezionale e boxer da 300 cv regalano un “sapore” particolare.
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile