+ 6
SKODA OCTAVIA RS TDI 4X4
14.01.17 - 09:440

Più svizzera di così…

La versione sportiva della Octavia, alimentata da un potente turbodiesel, guadagna la trazione integrale in abbinamento al cambio doppia frizione. Mettiamola alla prova.

Era l’auto che la Svizzera stava aspettando da tempo. I clienti la desideravano, i concessionari imploravano per averla. Ed ora eccola qua: una Skoda Octavia RS con la trazione integrale. Che seppur abbinata al solo motore a gasolio trasforma così la Octavia in un perfetto connubio tra praticità, sportività e fruibilità quotidiana. E dato che il sovrapprezzo rispetto alla trazione anteriore è di “soli” 1'800 CHF, non è che bisogna star li tanto a pensarci.

Non dobbiamo soffermarci granché sulle differenza rispetto alla sua “gemella” a trazione anteriore dato che esternamente sono indistinguibili. Le linee già personali dell’attuale Octavia guadagnano infatti, con la versione  RS, ancora più carattere: i numerosi dettagli di colore nero la incattiviscono al punto giusto. Lo stesso vale per l’abitacolo in cui l’arredo più estroverso dona accenti emozionali ad un ambiente nato per essere razionale. Del resto la praticità della Octavia resta invariata. Perciò, terminate le presentazioni, dedichiamoci subito alla prova su strada.

Sul propulsore e il cambio doppia frizione DSG a sei rapporti c’è poco da dire: l’unità da 184 cavalli e 380 Newtonmetri di coppia ha un’erogazione molto lineare cui manca giusto un po’ di allungo, ma rappresenta un ottimo compromesso tra i consumi contenuti (mediamente attorno ai 6 l/100 km) e le prestazioni offerte. Queste non sono particolarmente incisive ( 7,6 secondi per raggiungere i 100 km/h partendo da fermo, 228 km/h di velocità massima) ma più che sufficienti per fregiarsi del logo RS. Tanto più che selezionata la modalità “Sport” la rombosità del turbodiesel diventa addirittura piacevole.

Con la trazione integrale la motricità ovviamente non è mai un problema, nemmeno nei percorsi più stretti e tortuosi. Nell’uso quotidiano i cerchi da 19 pollici e la taratura sportiva dell’assetto fanno sentire la loro rigidità in particolare sulle sconnessioni brevi. Gli avvallamenti più lunghi vengono assorbiti meglio, specie alle elevate velocità, ma resta il fatto che non si tratta di una vettura comodissima. Chi prevede regolarmente lunghe trasferte dovrebbe, insomma, optare per un cerchi di dimensioni inferiori. Il comportamento della Octavia RS è al solito neutro, molto stabile, con quel leggero accenno di sottosterzo più che giustificato per una familiare che è sufficientemente sportiva e deve essere sempre alla portata di tutti. Piace la bella sensazione di compattezza del telaio; gli inserimenti e i trasferimenti di carico sono sempre veloci. A ciò si aggiunge lo sterzo progressivo, dalla buona precisione e dalla discreta comunicatività, che acquisisce un bel carico nella modalità “Sport”. Mantiene insomma ciò che promette la sua piacevole impugnatura con pelle traforata. Diversamente dai sedili che, invece, dovrebbero offrire un maggiore sostegno laterale. Questo perché le capacità dinamiche della Octavia RS sono comunque ragguardevoli, vantando inoltre un impianto frenante dal buon feeling con cui si possono eseguire staccate molto puntuali e una fluidità davvero invidiabile quando guidata all’80-90% del suo potenziale. Oltre non si dovrebbe andare, poiché è in questo frangente che da il meglio di se. Del resto, non dimentichiamocelo, è pur sempre una familiare nata nel segno della razionalità e capace, all’occorrenza, di caricare nel bagagliaio almeno 610 litri di bagagli.

 

SCHEDA TECNICA

Modello, versione Skoda Octavia Combi RS TDI 4x4 DSG
Motore 4 cilindri in linea, 2 litri, turbodiesel, 184 cv, 380 Nm
Trasmissione Cambio doppia frizione a sei rapporti, trazione integrale
Massa a vuoto 1'760 kg
Accelerazione 0-100 km/h 7,6 secondi
Velocità massima 228 km/h
Consumo medio 4,9 l/100 km (dichiarato)
Prezzo 39'720 CHF
Guarda tutte le 10 immagini
TOP NEWS Motori
PRIME IMPRESSIONI
1 gior
Seat Mii Electric, vivace e scattante
Il debutto della marca spagnola nell’elettrificazione pura parte dalla citycar convertita a batteria: che è agile, ben brillante e piuttosto confortevole, con autonomia dichiarata di 260 km.
TEST DRIVE
3 gior
Renault Clio, uguale soltanto nel look
La nuova generazione conserva volutamente il design apprezzato, ma offre grandi evoluzioni nell’abitacolo così come nelle tecnologie di bordo. Eccellente il 1.3 turbo da 130 cv.
PRIME IMPRESSIONI
6 gior
Volkswagen Golf
L’ottava generazione affila il conosciuto look “di famiglia”, ma evolve in profondità per digitalizzazione, tecnologie e qualità della guida: in prova col nuovo ibrido leggero 1.5 eTSI da 150 cv.
TEST DRIVE
1 sett
Grinta e agilità per la Volvo XC40 T5
Il Suv cadetto con motorizzazione benzina turbo di punta convince per prestazioni offrendo una guida docile e maneggevole. Con ottimo livello di accoglienza per l’intero equipaggio.
TEST DRIVE
1 sett
Ford Focus ST SW, sapore mordente
L’allestimento sportivo allestito dalla divisione Performance combina il turbodiesel potenziato da 190 cv all’assetto specifico con sterzo più diretto, per una guida dall’evidente dinamismo.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Mercedes GLB, ama la famiglia e le curve
Il nuovo Suv di gamma intermedia strizza l’occhio alla Classe G, offre fino a sette posti e spicca per la qualità della guida dinamica, davvero convincente. Elastico e versatile il 2.0 td da 190 cv.
TEST DRIVE
2 sett
Seat Tarraco, Suv formato famiglia
Fino a sette posti in un ambiente di bordo ottimamente attrezzato ed accogliente per l’ammiraglia spagnola 4x4, dalla guida armonica e bilanciata. Anche con il 2 litri TSI benzina da 190 cv.
TEST DRIVE
2 sett
Mitsubishi ASX, più fluida e adattabile
Il restyling corposo aggiunge al look personale prestazioni in crescita con il due litri benzina da 150 cv la versatilità della trazione integrale. Crescono gli ausili attivi alla guida.
Novità
2 sett
Ford Mustang Mach-E, potenza e tradizione in un Suv elettrico
L’eredità della sportiva muscolare prende le vesti di crossover elettrico dalle linee tese e suggestive: fino a 465 cv con 600 km di autonomia, trazione posteriore o integrale. Da fine 2020.
TEST DRIVE
3 sett
Toyota C-HR 2.0L Hybrid, crescono prestazioni e ambizioni
Con il restyling di metà carriera arriva il sistema ibrido da 184 cv, che assicura una bella iniezione di brio insieme ad una guida più fluida e piacevole. Aggiornati anche design e tecnologie.
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile