+ 7
TEST DRIVE
17.10.16 - 12:000
Aggiornamento : 20:22

Renault Megane - non c'è 2 senza 4

Nello stesso segmento le 4 ruote sterzanti le ha solo lei: una dota che, da sola, vale la lettura della nostra prova su strada.

Alcune Renault possiedono una particolarità tecnica quasi unica: le quattro ruote sterzanti, che in casa chiamano 4Control. Disponibile per Talisman ed Espace, la Megane GT diventa ora la prima (ed unica) vettura di classe media del mondo ad esserne dotata. Come funziona? Sotto i 60 km/h (80 km/h in modalità Sport) le ruote posteriori girano nella direzione opposta a quelle anteriori per favorire l'agilità (il diametro di sterzata è di quasi 1 metro inferiore rispetto alle versioni che ne sono prive) mentre oltre tale velocità seguono la direzione delle ruote anteriori in modo da rendere l'auto più stabile alle andature elevate. Ci vogliono un po' di chilometri per abituarsi alle peculiari sensazioni che si provano con il 4Control, in particolare a quella di lieve sovrasterzo nelle curve strette affrontate con decisione dato dal retrotreno effettivamente attivo e collaborativo, dopodiché è impossibile non innamorarsene godendo appieno dello sterzo molto diretto: per affrontare una rotatoria raramente serve ruotare il volante oltre 1/4 di giro.

Un po’ rigida nell’uso quotidiano, l’assetto della Megane GT si sposa bene con le quattro ruote sterzanti lungo i percorsi guidati, nei quali anche ad andature sostenute trova una naturale ed invidiabile fluidità. A ciò si aggiunge la buona sintonia tra motore e cambio, ovvero l’1,6 litri turbo da 205 cavalli e il doppia frizione EDC a 7 rapporti, veloce ma non sempre fulmineo in scalata. L'unità motrice è convincente una volta superati i 2500 giri e regala accelerazioni briose soprattutto grazie ai primi quattro rapporti piuttosto corti. Contrariamente alla maggior parte delle vetture con trasmissioni simili, in modalità manuale risulta più divertente usare la classica leva – si scala spingendola in avanti e si aumenta rapporto tirandola indietro - rispetto ai paddles, grandi ma non così facili da raggiungere. La logica di funzionamento del cambio così come la risposta dell'acceleratore e dello sterzo sono influenzate dalle cinque modalità di guida del Multisense, accessibile tramite il grande touchscreen presente sulla consolle centrale.

Questo sistema multimediale – denominato R-Link 2 – funziona come un tablet e gestisce tutte le impostazioni e regolazioni, forse in modo eccessivo: sulla plancia non c'è ad esempio modo di regolare il flusso dell'aria tramite dei tasti fisici e manca una rotella per abbassare velocemente il volume della radio. È vero, ci sono i comandi vicino alla leva dei tergicristalli, tuttavia non così immediati nell’utilizzo. A parte questo la Megane è realizzata con grande cura a partire dai sedili sportivi, molto contenitivi ma al contempo comodi e morbidi nell'imbottitura, al pari del volante, bello da vedere e ancor meglio da impugnare. L'abitacolo è realizzato con plastiche morbide e di bell’aspetto; a dare un ulteriore tocco di sportività alla versione GT ci pensano cuciture blu e dettagli in alluminio. Le grafiche della strumentazione variano a seconda della modalità di guida e sono personalizzabili proprio come la schermata del R-Link 2.

Dal sedile di guida, quindi, tutto bene. E i passeggeri? Lo spazio a loro disposizione è in linea con le concorrenti, giusto per quattro persone, mentre il bagagliaio perde qualche punto non per la capacità (buona) ma per la soglia un po’ scomoda e la modularità non proprio eccelsa. Più un’auto da guidare che una vera media famigliare, ma per chi ha diversi pargoli al seguito o particolari esigenze di carico Renault offre altri modelli decisamente più adeguati. La Megane in fin dei conti non nasconde certo la sua volontà di colpire a livello emozionale: lo testimonia il suo design molto più convenzionale ma altamente attraente, specie di notte, enfatizzato dalle scenografiche luci di posizione. Tuttavia a convincere la vostra metà razionale ci pensa il prezzo, davvero ottimo considerati i contenuti non certo scontati di questa Megane di quarta generazione, che grazie ai notevoli progressi nello stile, nelle tecnologie di bordo e nell’insonorizzazione riuscirà ora ad attrarre anche quegli acquirenti che prima forse la snobbavano per le sue forme particolari. E che con questa versione GT, sviluppata da Renault Sport, riuscirà a convincere anche chi cerca una media sportiva ma non esasperata.

 

SCHEDA TECNICA

Modello, versione Renault Megane GT
Motore 4 cilindri in linea, 1.6 litri, benzina, turbo, 205 cv, 280 Nm
Trasmissione Cambio doppia frizione 7 rapporti, trazione anteriore
Massa a vuoto 1'467 kg
Accelerazione 0-100 km/h 7,1 secondi
Velocità massima 230 km/h
Consumo medio 6 L/100 km (dichiarato)
Prezzo 31'500 CHF
Guarda tutte le 11 immagini
TOP NEWS Motori
PRIME IMPRESSIONI
7 ore

Turismo di gran carriera per la McLaren GT

Pensata per l’impiego quotidiano e sulle lunghe percorrenze, l’inedita sportiva inglese vanta un look più affusolato con molto più spazio per il bagaglio. Senza rinunciare alla sua anima corsaiola.

PRIME IMPRESSIONI
3 gior

BMW M8 Competition Cabriolet, “pedigree” sportivo anche a cielo aperto

La meccanica di punta della divisione M Sport sprigiona grinta e dinamismo di vertice anche con carrozzeria convertibile: per un raro mix di esuberanza, sportività e coinvolgimento.

TEST DRIVE
5 gior

Ford Focus Active Wagon, la giardinetta veste “offroad”

L’allestimento crossover conferisce più relax e versatilità, grazie all’assetto rialzato e ai programmi aggiuntivi per la gestione della motricità. Vivace ed autorevole il 2.0 turbodiesel.

PRIME IMPRESSIONI
1 sett

Taycan, velocità e curve nel cuore anche con anima elettrica

La berlina “zero emissioni” a quattro posti offre prestazioni entusiasmanti e un carattere dinamico cristallino. Accompagnando la notevole esuberanza con un’autonomia di tutto rispetto.

PRIME IMPRESSIONI
1 sett

Gran Coupé, Serie 8 a metà tra berlina e sport

Strettamente derivata dalla sportiva di lusso, l’inedita variante a quattro porte garantisce tanto più spazio e versatilità con la promessa di conservare lo stesso, pregevolissimo dinamismo.

Novità
1 sett

Koenigsegg Regera, nuovo record di accelerazione… e frenata

La hypercar svedese da oltre 1500 cv abbassa ulteriormente il proprio record nella prova combinata di accelerazione fino alla velocità massima e successivo arresto. In condizioni non ottimali…

TEST DRIVE
2 sett

“Pieno” di corrente e di sostanza per la Optima Sportswagon PHEV

La grande wagon ibrida ricaricabile, ulteriormente affinata, convince per autonomia e rendimento offrendo buone prestazioni ed un’accoglienza di qualità. Leggermente sottotono il vano di carico.

PRIME IMPRESSIONI
2 sett

Nuova linfa per la Renault Zoe

Con la robusta iniezione di contenuti, specie sul piano tecnico e tecnologico, la compatta elettrica approda alla terza generazione col vento in poppa. Anche grazie all’autonomia estesa a 395 km.

TEST DRIVE
2 sett

Sportività a tutto tondo per la Cupra Ateca

Motore potente ma elastico e assetto “camaleonte” contribuiscono alle doti di adattabilità del Suv spagnolo, dal vivace carattere sportivo: adatto alla guida ispirata come al traffico quotidiano.

Novità
3 sett

Ford Puma, adesso è un seducente crossover

Lo stesso nome della piccola coupé di fine anni ’90 ora distingue il compatto Suv a due ruote motrici su base Fiesta: in rilievo spazio, tecnologie di bordo e motorizzazioni 1.0 microibride.

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile