NOVITÀ
16.08.12 - 18:010
Aggiornamento : 02.11.14 - 22:26

Jaguar: ecco la trazione integrale

Tanto attesa da molti ammiratori, può essere uno strumento con cui conquistare tanti nuovi clienti sul suolo elevtico.

Agli svizzeri le Jaguar piacciono, e ci mancherebbe: hanno una gran bella linea, fascino, blasone, interni eleganti e lussuosi, ottimi motori e una guida di alto livello. Agli svizzeri però le Jaguar potrebbero piacere ancora di più se avessero trazione integrale che già offre tutta la concorrenza tedesca. Una richiesta che a Coventry hanno accolto e concretizzato offrendoci a partire da inizio 2013 le berline XF e XJ anche con la trazione integrale.

A fare da cornice in questo caso l’introduzione di un nuovo motore a benzina, un 3 litri V6 in alluminio con compressore volumetrico in grado di erogare 340 cavalli e 450 Newtonmetri. La trazione integrale, sviluppata per 18 mesi in stretta collaborazione con i cugini esperti della Land Rover, prevede che in caso di strada asciutta la trazione sia esclusivamente posteriore per mantenere intaccato il piacere di guida e permettere di risparmiare qualcosina sui consumi. Qualora le ruote posteriori perdessero aderenza ecco che una frizione a lamelle invierebbe a quelle anteriori la quantità di coppia necessaria a garantire la trazione; in caso d’emergenza la ripartizione può arrivare ad essere di 50:50. Da segnalare che lo sterzo e le sospensioni hanno subito diverse modifiche vista l’adozione del nuovo tipo di trazione.

I prezzi non sono al momento noti mentre già si conoscono le prestazioni: avendo entrambe lo stesso peso sia la XF che la XJ accelerano da 0 a 100 km/h in 6,4 secondi e toccano i 250 km/h di velocità massima autolimitata. I consumi sono in entrambe dichiarati a 9,8 L/100 km.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Mobilità
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile