Monica Piffaretti
Gli Opinionisti
16.04.21 - 12:000
Aggiornamento : 12:51

Pandemia, ottimismo al volo

di Monica Piffaretti

 

E se nel 2023 fosse (già) tutto finito? Mentre assaporiamo la riapertura delle terrazze e altri allentamenti annunciati, ho colto al volo l’ottimismo (ragionato) espresso dall’epidemiologo e sociologo, Nicholas Kristakios, della Yale University sulla Nzz. Egli si è detto certo che fra due anni saremo oltre la pandemia. Per lui, l’aver trovato la chiave dei vaccini in un tempo tanto breve è qualcosa di fenomenale. Il pensiero umano e le scienze si stanno dimostrando incredibilmente forti. Mai in meno di un anno si era riusciti a combattere un nemico che in tante vesti abbiamo conosciuto nella storia, dimenticandocene. Eppure da Omero, alla Bibbia, a Shakespeare, ecc. tante antiche opere raccontano di flagelli analoghi sui cui altari l’umanità ha pagato un alto prezzo. 

Kristakios già utilizza il termine di anni ‘post-pandemia’, in cui noi, armati di ramazza, dovremo lavorare sodo per spazzar via i detriti socio-economici (e anche psicologici) prodotti dalla furia che ci ha investito e afferma che arriveranno anni ruggenti, come lo furono gli anni Venti dopo la Spagnola. Certo, speriamo che vada meglio di allora perché dopo il ruggito a ritmo di Charleston arrivò la seconda guerra. E speriamo pure che la nuova normalità non sia proprio identica alla vecchia, anche se la voglia di abbracci, mare, partite, concerti, teatri e chi non ce l’ha? Ma, se la pandemia deve servire a qualcosa, ci può spingere a rivedere il nostro modello di sviluppo. Un po’di saggezza ce la porteremo pur dietro, o no?

Qualcuno ha scritto che la globalizzazione (col Covid19) è finita. Francamente non lo so, ma sicuramente abbiamo capito che il villaggio globale comporta anche rischi ai quali non avevamo pensato e che andranno considerati. Anche Madre Terra ci sta da tempo lanciando i suoi Sos. È una sfida per l’umana Intelligenza (la maiuscola non è lì per caso) affinché inietti nel sistema idee fresche. Forse gli anni ‘post’ saranno proprio questi: anni che germoglieranno fantasiose soluzioni sociali e economiche. Il Novecento è stato un secolo breve; il primo assaggio del XXI, brevissimo. Detto altrimenti: qualcosa di nuovo ci attende. Ai giovani - anche a quelli che rivendicano sfasciando tutto e prendendosela (a torto) con la polizia - scrivo: c’è parecchio lavoro da fare e le vostre energie sono indispensabili. Quelle che costruiscono su Stato di diritto e democrazia, l’eredità migliore di chi vi ha preceduto. Mettetele in campo!

Potrebbe interessarti anche
ULTIME NOTIZIE Gli Opinionisti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile