CANTONE
27.08.18 - 06:000
Aggiornamento 10:20

Dal Ticino alla Nuova Zelanda con un "semplice" tagliacarte

Realizzato in plastica eco-friendly da un designer emergente di Mendrisio, verrà distribuito, gratis, nel mondo per sensibilizzare sul rispetto per l'ambiente

MENDRISIO - Si può "piantare" dentro a un vaso, a decoro della scrivania; farlo roteare in mezzo al vuoto, come passatempo e antistress; inserirlo fra le forbici e le penna, che una foglia verde che spicca dal contenitore. Oppure utilizzarlo per aprir le buste, finalità cui è destinato: anche se Leafee, sulle prime, tutto sembra tranne un tagliacarte. E anche nelle intenzioni, è ben altro o molto di più.

Di certo, è il frutto dell'ingegno del Ticino che comincia a fare il giro del mondo, da qui alla Nuova Zelanda, l'Africa, Hong Kong. Studiato da Simone Viola di Mendrisio, è un gadget da distribuire fra i clienti di un'azienda che produce mobili in plastica, come dono assieme all'acquisto: fra i 3mila e i 4mila pezzi solo in questo ultimo scorcio dell'anno, numeri destinati a crescere in un prosieguo che non ha scadenze. «Il progetto è partito e andrà avanti, non ci sono limiti».

Ed è più di quel che sembra, racconta: Leafee vuole portare nel mondo una missione, sensibilizzare  al rispetto dell'ambiente. Un'apparente contraddizione, per un'azienda che lavora con la tanto vituperata plastica. Oppure no, per un doppio motivo. Il primo: «Leafee non è realizzato con la plastica normale, ma con l'eco-plastica, parzialmente biodegradabile. È composto di un mix di materiale plastico e scarti naturali riciclati, ad esempio derivati dal riso e dal mais». Il secondo, forse più significativo: ««È un primo passo anche verso una produzione di mobili in materiale ecosostenibile. Proprio la prossima settimana, in una fiera Germania, presenteremo la prima collezione di tavolini».

"Be green lke a leaf", si legge sull'oggetto dalle linee pulite ed eleganti, nato in uno studio del Ticino con tante ambizioni da portare nel mondo. «La carta: ne usiamo così tanta e a volte la buttiamo chissà dove. Magari in Svizzera la sensibilità maggiore, ma negli altri Paesi nel mondo non è detto. Ecco che Leafee, nel momento in cui si taglia la carta, ricorda  che è bene fare la raccolta differenziata».

Finito? No. «Per ogni foglia che verrà regalata, verrà  inoltre piantato un albero, grazie alla collaborazione con alcune associazioni no profit che vogliono rimboschire aree, non far screscere le piante a scopo industriale». Le prime cresceranno nel deserto fra la Cina e la Mongolia, il Badain Jaran, «in continua espansione a causa del'uomo».

Tutto questo con un semplice, in ogni senso, tagliacarte. 

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
albertolupo 3 mesi fa su tio
L'oggetto è solo "parzialmente" biodegradabile. La ditta che lo regala (si tratta di un'azione utile o semplicemente di produzione di rifiuti a breve termine?), produce mobili in plastica (eco e friendly?), quindi dove è tutta questa ecofriendlycità?
Simo Snello Sobo 3 mesi fa su fb
Plastica eco-friendly?
Potrebbe interessarti anche
Tags
mondo
leafee
ticino
tagliacarte
semplice
zelanda
nuova zelanda
mendrisio
nuova
TOP NEWS Finanza
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report