Keystone
SVIZZERA
19.06.18 - 12:120
Aggiornamento 12:38

L'olio d'oliva extra-vergine venduto in Svizzera pare lo sia davvero

Lo hanno stabilito le autorità cantonali dopo l'analisi congiunta di una cinquantina di campioni

ZURIGO - I buongustai possono tirare un respiro di sollievo: in Svizzera non emerge un generale sospetto per un olio d'oliva spacciato per "extra vergine" senza esserlo. Lo hanno stabilito i chimici cantonali dopo aver verificato la qualità dell'olio d'oliva di alcuni campioni.

Gli esperti di Ginevra, Lucerna, Turgovia e Zurigo hanno controllato complessivamente circa 50 campioni di grossi fornitori e piccoli importatori, hanno indicato oggi i Cantoni in un comunicato congiunto. La loro conclusione è che in Svizzera non vi è alcuna ragione per un sospetto generale.

I chimici cantonali hanno tuttavia evidenziato in sette campioni un allontanamento dalle caratteristiche di qualità: non meritavano la denominazione di "extra vergine", ma erano semplici olii d'oliva.

Si trattava tra l'altro della freschezza e della qualità delle olive «ma non è mai stata messa in pericolo la salute dei consumatori», ha detto alla Keystone-ATS il chimico cantonale zurighese Martin Brunner. «Nella bottiglia non vi era semplicemente quello che era scritto sull'etichetta». I chimici cantonali competenti hanno disposto le necessarie misure.

I laboratori cantonali intendono investire ulteriormente nello sviluppo di nuove analisi ed esami sulla qualità e prova di autenticità dell'olio dal momento che la dicitura "extra vergine" risveglia nei consumatori alte aspettative e risulta quindi attrattivo per casi di frode.

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
TOP NEWS Finanza
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report