Keystone
SVIZZERA
19.06.18 - 12:120
Aggiornamento 12:38

L'olio d'oliva extra-vergine venduto in Svizzera pare lo sia davvero

Lo hanno stabilito le autorità cantonali dopo l'analisi congiunta di una cinquantina di campioni

ZURIGO - I buongustai possono tirare un respiro di sollievo: in Svizzera non emerge un generale sospetto per un olio d'oliva spacciato per "extra vergine" senza esserlo. Lo hanno stabilito i chimici cantonali dopo aver verificato la qualità dell'olio d'oliva di alcuni campioni.

Gli esperti di Ginevra, Lucerna, Turgovia e Zurigo hanno controllato complessivamente circa 50 campioni di grossi fornitori e piccoli importatori, hanno indicato oggi i Cantoni in un comunicato congiunto. La loro conclusione è che in Svizzera non vi è alcuna ragione per un sospetto generale.

I chimici cantonali hanno tuttavia evidenziato in sette campioni un allontanamento dalle caratteristiche di qualità: non meritavano la denominazione di "extra vergine", ma erano semplici olii d'oliva.

Si trattava tra l'altro della freschezza e della qualità delle olive «ma non è mai stata messa in pericolo la salute dei consumatori», ha detto alla Keystone-ATS il chimico cantonale zurighese Martin Brunner. «Nella bottiglia non vi era semplicemente quello che era scritto sull'etichetta». I chimici cantonali competenti hanno disposto le necessarie misure.

I laboratori cantonali intendono investire ulteriormente nello sviluppo di nuove analisi ed esami sulla qualità e prova di autenticità dell'olio dal momento che la dicitura "extra vergine" risveglia nei consumatori alte aspettative e risulta quindi attrattivo per casi di frode.

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
Tags
olio
qualità
extra
campioni
svizzera
chimici
extra vergine
olio oliva
chimici cantonali
TOP NEWS Finanza
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report