Keystone
STATI UNITI
12.04.18 - 14:580

Chili di troppo? La colpa è nei batteri dell'intestino

I risultati di una recente ricerca potrebbero aiutare chi ha problemi di assorbimento di sostanze nutritive

CHICAGO - Se si ingrassa la colpa può essere di un batterio dell'intestino. È questa la scoperta dei ricercatori dell'università di Chicago che hanno pubblicato il loro lavoro sulla rivista Cell Host and Microbe. «Il nostro studio è uno dei primi a dimostrare che specifici microbi dell'intestino tenue regolano direttamente sia la digestione sia l'assorbimento dei lipidi», spiega Eugene B. Chan, docente all'Università di Chicago.

Lo studio è stato condotto sui topi, divisi in due gruppi: uno, di cavie sane e l'altro di topi altrettanto sani ma con al loro interno microbi comuni che non causavano malattie. Tutti sono stati sottoposti a una dieta ricca di grassi. I ricercatori hanno potuto notare come a ingrassare sono stati i topi con i microbi all'interno.

La dieta ha aumentato rapidamente l'abbondanza di alcuni microbi nell'intestino tenue, compresi quelli delle famiglie Clostridiaceae e Peptostreptococcaceae. È stato così scoperto che un membro delle Clostridiaceae aveva un impatto specifico sull'assorbimento dei grassi.

L'abbondanza di altre famiglie batteriche è invece diminuita con una dieta ricca di grassi, tra cui quelli delle Bifidobacteriacaea e Bacteriodacaea, che sono comunemente associati alla magrezza.

«I nostri risultati suggeriscono che probabilmente si potranno usare pre o probiotici o persino sviluppare postbiotici (composti o metaboliti derivati da batteri) per migliorare l'assorbimento di sostanze nutritive per le persone con disturbi di malassorbimento, come la malattia di Crohn, o si potranno testare nuovi modi per ridurre l'obesità», dice Kristina Martinez-Guryn, autrice principale dello studio.

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
TOP NEWS Finanza
STATI UNITI
1 anno
I bitcoin consumano quanto l'Ohio
La richiesta di potenza di calcolo, e quindi di energia, è in continuo aumento
IMMAGINI
CANTONE
1 anno
Dal Ticino alla Nuova Zelanda con un "semplice" tagliacarte
Realizzato in plastica eco-friendly da un designer emergente di Mendrisio, verrà distribuito, gratis, nel mondo per sensibilizzare sul rispetto per l'ambiente
ITALIA
1 anno
Scatta l'obbligo di origine per sughi e salse
Il provvedimento è mirato a rafforzare il rapporto tra produttori e trasformatori e a garantire i consumatori dall'inganno dei prodotti coltivati all'estero ed importati
SVIZZERA
1 anno
Manor richiama i falafel, pericolo listeriosi
La Manor ha richiamato il prodotto "8 falafels (pois chiches, carottes & coriandre)" di marca "l'atelier Blini", numero di lotto 182651
EUROPA
1 anno
Ryanair dice basta al trolley gratuito
Dal primo novembre non sarà più possibile viaggiare con un trolley di dimensioni ridotte gratuitamente, neanche imbarcandolo in stiva come avviene invece oggi
CINA / STATI UNITI
1 anno
Dazi, colloqui «costruttivi e schietti» con Washington
Pechino ha in ogni caso presentato ricorso al WTO nei confronti della misura da 16 miliardi di dollari
BERNA
1 anno
Bolle di sapone pericolose ancora in circolazione
Riscontrata una contaminazione microbiologica con il germe patogeno Pseudomonas aeruginosa
CINA / STATI UNITI
1 anno
Dazi, tariffe reciproche da 16 miliardi
Le misure, corrispondenti alla seconda tranche voluta dal presidente americano, sono entrate in vigore nelle scorse ore
TICINO/ITALIA
1 anno
«Qui è vietato fallire, ma anche avere successo»
Secondo Francesca Corrado, che ha fondato la prima scuola di fallimento, manca il diritto di sbagliare ma anche quello di considerarsi riusciti se non si "sfonda"
SVIZZERA
1 anno
I dipendenti della Posta non hanno fiducia nell'azienda
L'approvazione nei confronti della direzione si sarebbe deteriorata molto nell'ultimo anno anche a causa dello scandalo AutoPostale
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile