Archivio Keystone
SVIZZERA
08.12.17 - 18:540

Il gelo ha fatto crollare la produzione di mele

Il raccolto è sceso a 40.000 tonnelate, una cifra che non soddisfa la domanda interna. Swisscofel: «Siamo costretti a chiedere un'importazione straordinaria di almeno 6'000 tonnellate entro marzo»

BERNA - Le gelate tardive dello scorso aprile hanno avuto effetti disastrosi sulla produzione elvetica di frutta. Il raccolto di mele è crollato del 35% rispetto all'anno scorso, a 40'000 tonnellate, mentre quello delle pere addirittura del 70%, a 2000 tonnellate. Preoccupato, il settore chiede a Berna di poter effettuare importazioni straordinarie.

Per quanto riguarda le mele destinate alla vendita, i produttori svizzeri sono chiaramente al di sotto dell'obiettivo, che si situa fra le 56'000 e le 60'000 tonnellate, ha indicato oggi il Servizio di informazione agricola (LID). Alcune varietà, come Elstar, Rubinette o Cox Orange, sono esaurite, mentre le Boskoop devono già essere importate.

Visto che le mele svizzere non basteranno a soddisfare la domanda interna, Swisscofel - l'associazione svizzera del commercio di frutta, verdura e patate - ha inoltrato all'Ufficio federale dell'agricoltura una richiesta di importazioni straordinarie per almeno 6000 tonnellate entro marzo 2018.

La legge prevede infatti che le importazioni di mele siano possibili solo a partire da aprile e il tetto massimo è fissato a 2500 tonnellate. Il settore attende con fiducia una risposta da Berna, sottolineando come il 2017 sia stato un anno assolutamente eccezionale, che richiede misure altrettanto eccezionali, indica il LID.
 
 

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
TOP NEWS Finanza
STATI UNITI
1 anno
I bitcoin consumano quanto l'Ohio
La richiesta di potenza di calcolo, e quindi di energia, è in continuo aumento
IMMAGINI
CANTONE
1 anno
Dal Ticino alla Nuova Zelanda con un "semplice" tagliacarte
Realizzato in plastica eco-friendly da un designer emergente di Mendrisio, verrà distribuito, gratis, nel mondo per sensibilizzare sul rispetto per l'ambiente
ITALIA
1 anno
Scatta l'obbligo di origine per sughi e salse
Il provvedimento è mirato a rafforzare il rapporto tra produttori e trasformatori e a garantire i consumatori dall'inganno dei prodotti coltivati all'estero ed importati
SVIZZERA
1 anno
Manor richiama i falafel, pericolo listeriosi
La Manor ha richiamato il prodotto "8 falafels (pois chiches, carottes & coriandre)" di marca "l'atelier Blini", numero di lotto 182651
EUROPA
1 anno
Ryanair dice basta al trolley gratuito
Dal primo novembre non sarà più possibile viaggiare con un trolley di dimensioni ridotte gratuitamente, neanche imbarcandolo in stiva come avviene invece oggi
CINA / STATI UNITI
1 anno
Dazi, colloqui «costruttivi e schietti» con Washington
Pechino ha in ogni caso presentato ricorso al WTO nei confronti della misura da 16 miliardi di dollari
BERNA
1 anno
Bolle di sapone pericolose ancora in circolazione
Riscontrata una contaminazione microbiologica con il germe patogeno Pseudomonas aeruginosa
CINA / STATI UNITI
1 anno
Dazi, tariffe reciproche da 16 miliardi
Le misure, corrispondenti alla seconda tranche voluta dal presidente americano, sono entrate in vigore nelle scorse ore
TICINO/ITALIA
1 anno
«Qui è vietato fallire, ma anche avere successo»
Secondo Francesca Corrado, che ha fondato la prima scuola di fallimento, manca il diritto di sbagliare ma anche quello di considerarsi riusciti se non si "sfonda"
SVIZZERA
1 anno
I dipendenti della Posta non hanno fiducia nell'azienda
L'approvazione nei confronti della direzione si sarebbe deteriorata molto nell'ultimo anno anche a causa dello scandalo AutoPostale
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile