MONDO
05.12.17 - 11:460

Mai più riso selvatico sulle nostre tavole?

È uno degli alimenti a rischio estinzione secondo l'Unione internazionale per la conservazione della natura

GLAND (VD) Alcune varietà selvatiche di riso e frumento, ma anche rari delfini di acqua dolce del Sud-est asiatico: sono tra le specie di piante e animali per cui il rischio estinzione si sta pericolosamente avvicinando.

A lanciare l'Sos è l'ultimo aggiornamento della Lista rossa delle specie minacciate compilata dall'Unione internazionale per la conservazione della natura (Iucn) che punta il dito contro l'uomo e in particolare contro un sistema alimentare "insostenibile" a causa di agricoltura intensiva e cattive pratiche di pesca.

Il bilancio dello Iucn è pesante. In Australia tre specie di rettili sono dichiarate estinte con tanto di mistero: non è chiaro il motivo, che potrebbe essere l'arrivo di una formica invasiva o un'improvvisa epidemia. Non è ancora scomparsa ma potrebbe esserlo a breve l'orcella, nota anche come delfino Irrawaddy, che vive in poche località asiatiche. Per questa specie l'organizzazione ha elevato lo status di minaccia, da "vulnerabile" a "in pericolo" di estinzione a causa di pratiche ittiche non sostenibili.

Ma a rischiare la scomparsa non sono solo animali: tra le piante lo Iucn accende i riflettori su diverse varietà selvatiche di riso, frumento e anche di batata, un particolare tubero. Decine di specie per la prima volta entrano nella famigerata Lista rossa.

Le buone notizie scarseggiano e arrivano solo dalla Nuova Zelanda, dove migliorano le prospettive di sopravvivenza per due specie di Kiwi.

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
GI 1 anno fa su tio
Attenzione anche l'essere umano è in via di estinzione...
TOP NEWS Finanza
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile