Fotolia
SVIZZERA
02.11.17 - 18:200

Prezzo del burro stabile in Svizzera, in rialzo all'estero

In Germania l'aumento negli ultimi quattro anni è stato del 58,5%, in Francia dell'11,3%

BERNA - Negli ultimi quattro anni, in Svizzera, il prezzo al consumo del burro è rimasto stabile a un livello di 11,87 franchi al chilogrammo. Il rincaro è stato molto più massiccio nei Paesi confinanti: +58,5% in Germania, +45,8% in Austria, +11,3% in Francia. Lo indica in una nota odierna l'Ufficio federale dell'agricoltura (UFAG).

Anche dal confronto tra agosto 2016 e agosto 2017 emerge un rialzo considerevole del prezzo del burro in Germania (+89,5%) e in Austria (+71,3%), mentre nello stesso periodo nella Confederazione il prezzo è rimasto pressoché invariato (+0,8%). L'incremento nei Paesi limitrofi è riconducibile, tra l'altro, a una scarsa offerta sul mercato europeo.

Malgrado ciò il prezzo del burro è tuttora più alto in Svizzera rispetto ai Paesi vicini a causa del più elevato costo della vita, ma soprattutto della protezione doganale, precisa ancora l'UFAG. Generalmente il prezzo nel commercio al dettaglio in Germania, in Austria e in Francia rappresentava rispettivamente il 35,2%, il 51,9% e il 61,9% di quello in vigore in Svizzera.

L'UFAG indica tuttavia che il raffronto tra i diversi Paesi è ostacolato dalla difficoltà di trovare prodotti identici e comparabili. Gli articoli scelti sono stati il burro da cucina per la Svizzera, il burro di marca tedesco e il burro austriaco (Teebutter).

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile