FRANCIA
11.09.16 - 11:020

Voilà, una coppa di champagne. Ops, spumante

Meglio le bollicine italiane: a sorpresa, i consumi in Francia sono triplicati negli ultimi mesi.

PARIGI - Il nome ha ancora il suo fascino. Sempre più intrigante parlare di champagne che di spumante: poetico il primo, prosaico il secondo, nella definizione almeno e un po' anche nell'immaginario. Quanto al gusto, invece, qualcosa è cambiato. Il palato dimostra di prediligere il secondo: almeno a giudicare dai consumi in Francia, dove nel 2016 la domanda è triplicata e le importazioni di bollicine italiane hanno fatto registrare un +198%.

I primi cinque mesi dell'anno, esaminati dall'associazione Coldiretti, parlano di quello che, se confermato nel prosieguo, sarebbe un record storico per lo spumante italiano: mai così tanto richiesto dai francesi. Un rapporto impari per i produttori dei due Paesi, dal momento che per ogni bottiglia di champagne che arriva in Italia ne passano ben sei Oltralpe.  

«La Francia ha addirittura sorpassato la Germania e si classifica al terzo posto tra i principali clienti dopo Gran Bretagna e Stati Uniti», osserva Coldiretti. Il secondo gradino del podio, peraltro, è vicino, se saranno rispettate le previsioni del dopo Brexit. L'uscita dall'Ue potrebbe penalizzare il grosso mercato che finora lo spumante ha trovato nel Regno Unito, primo consumatore al mondo. 

 

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
TOP NEWS Finanza
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report