CANOBBIO
29.07.16 - 06:000
Aggiornamento : 09:42

Cent par Cent Ticines: la Svizzera è un brand (in dialetto)

Deborah e Angelo hanno fatto del sentimento nazionale un marchio: con gadget rossocrociati e slogan in ticinese.

CANOBBIO - Quale evento più caro del 1° agosto, per chi della Svizzera ha fatto un brand. «Abbiamo cominciato per scherzo, in occasione dei mondiali del 2014: volevamo fare qualcosa di originale, anzi, di patriottico». Due anni dopo, «siamo ancora qui». A vendere magliette, cappellini, ciabattine; oppure tappetini per il mouse, tazze per la colazione, auricolari, adesivi, borse per il tempo libero: tassativamente rossocrociati, griffe di un trend «100% svizzero», meglio ancora se «Cent par cent Ticines», che sfrutta il dialetto per far leva sul sentimento nazionale.

Meglio il contatto umano - «Vanno alla grande, specie durante le feste»: quando Deborah Moresi e Angelo Petraglia allestiscono la loro bella bancarella di prodotti che celebrano il senso di appartenenza a un Paese, e/o a un Cantone. E già sanno che la gente arriverà a domandare, a fare chiacchiere, a comperare. «Lo si potrebbe fare anche online, ma si preferisce il contatto umano. Non ce lo immaginavamo, ma abbiamo acquisito anche una funzione sociale: le persone si fermano incuriosite, si sentono a casa e ci raccontano gli affari loro, anche le cose più personali».

Una grande famiglia - Merito di un nome e un colore che trasmettono fiducia, familiarità: e che per Deborah e Angelo, compagni di vita e gestori di un centro stampa a Canobbio, sono stati una fortuna, anche se insufficiente per guadagnarci il pane. «Bisognerebbe incrementare il business, estenderlo anche al resto della Svizzera invece che fermarci al Gottardo: ma per ora non abbiamo in programma niente del genere».

Galeotta fu la notte: e il calcio - Non era nelle previsioni, quella notte dopo tanto pensare a come celebrare la partecipazione a Brasile 2014. «D'un tratto ho pensato: il dialetto, perché no? In fondo il ticinese è sempre stato un po' discriminato, da questo punto di vista. Difficile trovare qualcosa che lgli renda omaggio, sia pur anche solo in italiano. In Svizzera francese o tedesca è diverso. Qui eravamo un po' perduti. Così abbiamo scritto qualche frase patriottica, le abbiamo portate a tradurre da un esperto: in dialetto luganese. Bisognava fare una scelta, chi abita nelle Valli riconoscerà che non è uguale al suo ma non storcerà troppo il naso».

«Legati alla nostra terra» - "Sem poc ma ga sem", la più apprezzata, "Cent par cent ticines", a seguire: ma va anche il "100% Svizzero", stavolta in numero e in italiano. «E i prodotti ber bambini. Si vendono bene: a prescindere dagli eventi. In concomitanza con questi europei, ce lo dicevano. "Non è possibile, gli italiani non comprano mai, neanche quando vincono. Gli svizzeri anche quando perdono". Non c'è storia: siamo più attaccati alla nostra terra».

Una sola (piccola) pecca - Ecco dunque l'idea di farci un business: che non vuol dire soldi. Sarebbe come sminuire il proprio essere svizzero, cui ci si vota. E che non ha identikit: «Arriva l'anziano, il ragazzino, il professionista. Qualcuno scherza: "Devo mostrarvi il passaporto?". C'è chi acquista per sé, chi per fare un regalo. E chi viene una volta di solito ritorna». Peccato per la stoffa, che «confesso: non è svizzera: le maglie le comando da un fornitore locale, ma lui le compra fuori e io non posso farci niente. Poi le stampiamo come vogliamo noi».

Il successo viaggia su Facebook - Ma c'è già abbastanza di cui andare fieri, se quest'anno si è provato addirittura ad arrivare in negozio. «Un punto vendita di Agno e uno nel Bellinzonese, di articoli sportivi. Ma resto convinta: solo andare alle feste, incontrare le persone paga davvero». In fondo è per quello che si è cominciato. E quando capita di veder in piscina o al lido qualcuno che indossa le tue infradito... «Devo essere sincera? Non mi è mai successo. Riscontri ne ho avuti, sì: più d'uno. Ma sui social. Gente che orgogliosa di se stessa rinnova il suo profilo, pubblica fotografie con addosso la maglietta o il cappellino calato sulla testa». 

Guarda le 2 immagini
Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
Stefania Dermitzel 3 anni fa su fb
Martina Petraglia that's youuuuuuuuuu :O
Martina Petraglia 3 anni fa su fb
Ahahaha I'm everywhere ?
Stefania Dermitzel 3 anni fa su fb
aiüüüt
100%svizzero 3 anni fa su fb
a chi interessa la nostra pagina 100%svizzero prossima manifestazione sabato 27 agosto al pentathlon del boscaiolo a Dalpe :)
Kama 3 anni fa su tio
dove si acquistano questi gadget? "Sem poc ma ga sem"...la vogliooooo :-)
Mattia Melera 3 anni fa su fb
Otima idea, a devum credig ammò ai nos radis, magari anca i autorità i podresa fa un quai sforz magior na quai volta. Complimenti davvero! ??
Meridiana 3 anni fa su tio
effettivamente ci dono ancora troppo "rigomati" osdia gente non d'origine svizzera e che posseggono il passaüorti Svizzero da poco tempo che non hanno ancora e non sanno cosa vuol dire INTEGRAZIONE !!! prnsate prima di starnazzare xche grazie a noi 100% ticines e svizzar avete trovato il benedsere, buon fine 7imana e W i 100% Ticines e Svizzar.
Federico Pagnamenta 3 anni fa su fb
Aris Broggini brobro non vedo il tuo nome ?
Frankeat 3 anni fa su tio
Ma come mai c'è gente che ha messo il pollice verso (6 in questo momento) a questo articolo?
Mao75 3 anni fa su tio
@Frankeat Gente col mouse troppo veloce.....
pillola rossa 3 anni fa su tio
@Frankeat Rigomaa che i cognosan mia el dialett
Dante Albertini 3 anni fa su fb
Che bel fà un burdell da piasee vedee di giuvin che i parla ancamò el dialett ticines, bravi , cumpliment
Fabio Ambrosini 3 anni fa su fb
Donato Manetti 3 anni fa su fb
Bravisim al mancava propi fii pö savé due tö i acesori cmq cumpliment!
Debo-Tana Moresi 3 anni fa su fb
buongiorno, abbiamo la pagina facebook 100%svizzero oppure sul sito www.centopercentosvizzero.ch
TOP NEWS Finanza
STATI UNITI
1 anno
I bitcoin consumano quanto l'Ohio
La richiesta di potenza di calcolo, e quindi di energia, è in continuo aumento
IMMAGINI
CANTONE
1 anno
Dal Ticino alla Nuova Zelanda con un "semplice" tagliacarte
Realizzato in plastica eco-friendly da un designer emergente di Mendrisio, verrà distribuito, gratis, nel mondo per sensibilizzare sul rispetto per l'ambiente
ITALIA
1 anno
Scatta l'obbligo di origine per sughi e salse
Il provvedimento è mirato a rafforzare il rapporto tra produttori e trasformatori e a garantire i consumatori dall'inganno dei prodotti coltivati all'estero ed importati
SVIZZERA
1 anno
Manor richiama i falafel, pericolo listeriosi
La Manor ha richiamato il prodotto "8 falafels (pois chiches, carottes & coriandre)" di marca "l'atelier Blini", numero di lotto 182651
EUROPA
1 anno
Ryanair dice basta al trolley gratuito
Dal primo novembre non sarà più possibile viaggiare con un trolley di dimensioni ridotte gratuitamente, neanche imbarcandolo in stiva come avviene invece oggi
CINA / STATI UNITI
1 anno
Dazi, colloqui «costruttivi e schietti» con Washington
Pechino ha in ogni caso presentato ricorso al WTO nei confronti della misura da 16 miliardi di dollari
BERNA
1 anno
Bolle di sapone pericolose ancora in circolazione
Riscontrata una contaminazione microbiologica con il germe patogeno Pseudomonas aeruginosa
CINA / STATI UNITI
1 anno
Dazi, tariffe reciproche da 16 miliardi
Le misure, corrispondenti alla seconda tranche voluta dal presidente americano, sono entrate in vigore nelle scorse ore
TICINO/ITALIA
1 anno
«Qui è vietato fallire, ma anche avere successo»
Secondo Francesca Corrado, che ha fondato la prima scuola di fallimento, manca il diritto di sbagliare ma anche quello di considerarsi riusciti se non si "sfonda"
SVIZZERA
1 anno
I dipendenti della Posta non hanno fiducia nell'azienda
L'approvazione nei confronti della direzione si sarebbe deteriorata molto nell'ultimo anno anche a causa dello scandalo AutoPostale
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile