CINA/STATI UNITI
06.08.18 - 08:000

Addio Samsung: il nuovo nemico di Apple è Huawei

Prima azienda al mondo per numero di smartphone venduti, è anche l'unica - con Cupertino - a crescere con i tablet

CUPERTINO - Questione di (poco) tempo: il mercato lo dice di già. Samsung è destinata a farsi da parte, nell'eterna sfida a Apple che, sempre al top, nel frattempo è arrivata a valere mille miliardi.

Prima “One trillion dollar company” nonostante gli smartphone che non vendono quanto Huawei. Dopo tante avvisaglie, proprio in questi giorni l'azienda cinese è andata infine al sorpasso di quella di Cupertino, quanto al numero di dispositivi venduti nel mondo.

Che siano loro i nomi del nuovo testa a testa lo dicono ora i tablet, evidentemente in crisi: nel secondo trimestre, hanno perso complessivamente il 13,5%. E chi fa da eccezione? Proprio loro: Apple, un po' ovviamente, e Huawei, uniche a crescere. La seconda addirittura del 10,3% (da 3,1 a 3,4 milioni di pezzi); Apple di un 0,9% che però le vale il primato della quantità, 11,5 milioni.

A questo punto non sorprende che Apple voglia continuare a scommettere su un dispositivo che gli smartphone sempre più grandi e performanti sembrano voler mandare in pensione. Secondo le indiscrezioni degli analisti, oltre a tre iPhone avrebbe in programma imminente il lancio di due nuovi iPad, dotati di Face ID.

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Julie Lopez 1 anno fa su fb
Jacqueline Boudart
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Finanza
STATI UNITI
1 anno
I bitcoin consumano quanto l'Ohio
La richiesta di potenza di calcolo, e quindi di energia, è in continuo aumento
IMMAGINI
CANTONE
1 anno
Dal Ticino alla Nuova Zelanda con un "semplice" tagliacarte
Realizzato in plastica eco-friendly da un designer emergente di Mendrisio, verrà distribuito, gratis, nel mondo per sensibilizzare sul rispetto per l'ambiente
ITALIA
1 anno
Scatta l'obbligo di origine per sughi e salse
Il provvedimento è mirato a rafforzare il rapporto tra produttori e trasformatori e a garantire i consumatori dall'inganno dei prodotti coltivati all'estero ed importati
SVIZZERA
1 anno
Manor richiama i falafel, pericolo listeriosi
La Manor ha richiamato il prodotto "8 falafels (pois chiches, carottes & coriandre)" di marca "l'atelier Blini", numero di lotto 182651
EUROPA
1 anno
Ryanair dice basta al trolley gratuito
Dal primo novembre non sarà più possibile viaggiare con un trolley di dimensioni ridotte gratuitamente, neanche imbarcandolo in stiva come avviene invece oggi
CINA / STATI UNITI
1 anno
Dazi, colloqui «costruttivi e schietti» con Washington
Pechino ha in ogni caso presentato ricorso al WTO nei confronti della misura da 16 miliardi di dollari
BERNA
1 anno
Bolle di sapone pericolose ancora in circolazione
Riscontrata una contaminazione microbiologica con il germe patogeno Pseudomonas aeruginosa
CINA / STATI UNITI
1 anno
Dazi, tariffe reciproche da 16 miliardi
Le misure, corrispondenti alla seconda tranche voluta dal presidente americano, sono entrate in vigore nelle scorse ore
TICINO/ITALIA
1 anno
«Qui è vietato fallire, ma anche avere successo»
Secondo Francesca Corrado, che ha fondato la prima scuola di fallimento, manca il diritto di sbagliare ma anche quello di considerarsi riusciti se non si "sfonda"
SVIZZERA
1 anno
I dipendenti della Posta non hanno fiducia nell'azienda
L'approvazione nei confronti della direzione si sarebbe deteriorata molto nell'ultimo anno anche a causa dello scandalo AutoPostale
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile