STATI UNITI/CINA
03.06.18 - 18:230

Caos dazi, si va verso la guerra commerciale

Il terzo round di trattative fra Stati Uniti e Cina si è chiuso con un nulla di fatto

NEW YORK - Una guerra commerciale da 100 miliardi di dollari fra Stati Uniti e Cina appare più vicina: il terzo round di trattative fra le due superpotenze economiche si chiude senza un accordo, in un nuovo nulla di fatto.

Pechino però avverte: se l'amministrazione Trump farà scattare i dazi dopo il 15 giugno, come più volte ha detto, le trattative naufragheranno perchè la Cina non intende attuare nessuno dei suoi impegni se la Casa Bianca procederà su questa strada.

Una posizione dura che si accompagna alla rabbia del G7 e dei principali alleati americani per l'imposizione di dazi sull'acciaio e l'alluminio. E che ora rischia di avere ripercussioni sui mercati, aumentando l'incertezza sulle prossime mosse degli Stati Uniti dell'imprevedibile Donald Trump.

Le tensioni commerciali preoccupano per il loro effetto sulla crescita, già alle prese con il rallentamento dell'Europa e che si appresta a fare i conti con il nuovo rialzo dei tassi di interesse da parte della Fed, dato per scontato alla riunione del 12 e 13 giugno.

Se il G7 dei governatori e delle banche centrali si è chiuso con gli Stati Uniti isolati in un vertice fra i più tesi della storia recente a causa dei dazi, anche a Pechino gli Stati Uniti non hanno raggiunto i risultati sperati.

Wilbur Ross, il segretario al Commercio americano, lascia la Cina a mani vuote, senza essere riuscito a capitalizzare su quei «significativi» progressi registrati nelle scorse settimane. In una breve dichiarazione, l'agenzia Xinhua riferisce di «concreti progressi» a Pechino fra Ross e Liu, senza però elaborare. «Se gli Stati Uniti introducono sanzioni, inclusi i dazi» tutti i risultati finora ottenuti nelle trattative «non andranno in effetto» aggiunge Xinhua.

E questo vuole dire che la Cina non solo può fare marcia indietro sugli accordi raggiunti per acquistare più beni Made in Usa, ma può anche reagire alle sanzioni americane imponendo le sue. La linea dura cinese prende le mosse dalle critiche del G7 alla Casa Bianca sui dazi, offrendo a Pechino la possibilità di affermarsi come "guardiano" degli scambi commerciali globali e di conquistare l'appoggio di altri paesi.

Che le trattative fra Stati Uniti e Cina non sarebbero state facili era emerso con chiarezza la scorsa settimana, quando Trump è tornato a sorpresa a minacciare dazi contro Pechino, facendo infuriare la controparte. Allo stesso modo appare evidente che le trattative del G7 dei capi a Charlevoix l'8 e il 9 giugno saranno in salita, dopo la spaccatura del vertice dei ministri finanziari e dei governatori delle banche centrali, in quello che da molti è stato descritto come un vertice G6 piu' uno.

In caso di strappo anche con la Cina, gli Stati Uniti rischiano un isolamento quasi totale in nome dell'America First di Trump, che fa sempre più paura per l'economia.
 
 

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
Danny50 1 anno fa su tio
Certo li mortacci.. ti ringrazio per il meritato apprezzamento, soprattutto tu, facente parte del gruppo
Mattiatr 1 anno fa su tio
Interessante, sono curioso e spaventato da ciò che succederà.¶ Crisi economica mondiale? Guerra economica? Guerra militare? Una superpotenza cadrà? Oppure gli Stati Uniti cambieranno politica estera?¶ Probabilmente Trump ha delle buone motivazioni per fare ciò che fa, non tutti rischierebbero così tanto per puro divertimento. Sicuramente qualcosa cambierà in futuro, l'economia dovrà imparare a fare a meno degli USA. Oppure qualche nazione in grado di farlo si opporrà. Vi saranno nuove alleanze? Probabile che questa mossa isolerà l'America da trattati economici e politici. Gli stati uniti non sono più il centro del mondo, le ultime guerre non si possono definire un successo e l'ultimo arrivato (Kim) ha fatto preoccupare l'intera nazione con delle prove balistiche. Per quanto ne so gli Stati Uniti non hanno il potere di fare la voce grossa, ma lo fanno comunque perché fono ad ora l'UE l'ha seguita a ruota. Qualcuno si ribellerà?
Danny50 1 anno fa su tio
Certo che l’era delle mammole é finita. Ora bisogna fare i conti con gente che é stufa di lavorare per mantenere parassiti lazzaroni accattoni approfittatori ecc ecc
limortaccituoi 1 anno fa su tio
@Danny50 Ci voleva il commento del dottore in Economia Politica. Grazie Professore ;)
TOP NEWS Finanza
STATI UNITI
1 anno
I bitcoin consumano quanto l'Ohio
La richiesta di potenza di calcolo, e quindi di energia, è in continuo aumento
IMMAGINI
CANTONE
1 anno
Dal Ticino alla Nuova Zelanda con un "semplice" tagliacarte
Realizzato in plastica eco-friendly da un designer emergente di Mendrisio, verrà distribuito, gratis, nel mondo per sensibilizzare sul rispetto per l'ambiente
ITALIA
1 anno
Scatta l'obbligo di origine per sughi e salse
Il provvedimento è mirato a rafforzare il rapporto tra produttori e trasformatori e a garantire i consumatori dall'inganno dei prodotti coltivati all'estero ed importati
SVIZZERA
1 anno
Manor richiama i falafel, pericolo listeriosi
La Manor ha richiamato il prodotto "8 falafels (pois chiches, carottes & coriandre)" di marca "l'atelier Blini", numero di lotto 182651
EUROPA
1 anno
Ryanair dice basta al trolley gratuito
Dal primo novembre non sarà più possibile viaggiare con un trolley di dimensioni ridotte gratuitamente, neanche imbarcandolo in stiva come avviene invece oggi
CINA / STATI UNITI
1 anno
Dazi, colloqui «costruttivi e schietti» con Washington
Pechino ha in ogni caso presentato ricorso al WTO nei confronti della misura da 16 miliardi di dollari
BERNA
1 anno
Bolle di sapone pericolose ancora in circolazione
Riscontrata una contaminazione microbiologica con il germe patogeno Pseudomonas aeruginosa
CINA / STATI UNITI
1 anno
Dazi, tariffe reciproche da 16 miliardi
Le misure, corrispondenti alla seconda tranche voluta dal presidente americano, sono entrate in vigore nelle scorse ore
TICINO/ITALIA
1 anno
«Qui è vietato fallire, ma anche avere successo»
Secondo Francesca Corrado, che ha fondato la prima scuola di fallimento, manca il diritto di sbagliare ma anche quello di considerarsi riusciti se non si "sfonda"
SVIZZERA
1 anno
I dipendenti della Posta non hanno fiducia nell'azienda
L'approvazione nei confronti della direzione si sarebbe deteriorata molto nell'ultimo anno anche a causa dello scandalo AutoPostale
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile