Keystone
GINEVRA
07.05.17 - 18:570

Snack e bevande presto a pagamento sui voli Swiss?

EasyJet le sta col fiato sul collo a Ginevra. Un gruppo di lavoro starebbe valutando diverse opzioni di risparmio

Tradizionale e low cost

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

GINEVRA - Un cioccolatino e una bottiglietta d’acqua. Un gipfel e un caffè. Già oggi la quantità di cibo offerta da Swiss e da molte altre compagnie aeree “tradizionali” non rischia di fare ingrassare i passeggeri che volano sulle tratte europee. La situazione potrebbe però ulteriormente peggiorare per chi sceglie il vettore nazionale. Swiss starebbe infatti valutando l’opzione di far pagare snack e bevande sui voli in Europa.

A rivelarlo è la SonntagsZeitung, che assicura che un gruppo di lavoro della compagnia starebbe valutando diverse opzioni di risparmio: dalla distribuzione di un solo bretzel con acqua offerto a tutti i passeggeri dell’economy all’eliminazione completa di snack e bevande gratuiti. “Incubatrice” di un simile progetto sarebbe lo scalo di Ginevra, dove Swiss concorre con la low cost EasyJet. Qui, la compagnia aerea elvetica ha già testato misure poi estese a tutti i voli, come le tariffe per bagaglio a mano o di sola andata. «È possibile» che anche gli snack e le bevande a pagamento diventino la sua nuova politica, assicura un insider di Swiss al domenicale. Il test ginevrino dovrebbe iniziare in autunno.

Il vettore svizzero non si sbilancia su tali rivelazioni: «Al momento stiamo lavorando su diversi concetti al fine di migliorare l’esperienza di viaggio dei nostri ospiti che partono da Ginevra», commenta un portavoce di Swiss.

Nella città di Calvino la compagnia è messa a dura prova dalla low cost EasyJet, che prevede un’ulteriore crescita dei passeggeri del 10% durante l’estate. «E c’è ancora più potenziale», assicura il capo della sezione elvetica di EasyJet, Thomas Haagensen. A spingere Swiss a cercare nuovi margini di risparmio per rientrare nelle cifre nere per quanto riguarda Cointrin è del resto anche la casa madre Lufthansa, che in quello scalo potrebbe sostituirla con la sua low cost Eurowings.

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
Nunzia Conte Iorio 1 anno fa su fb
Pranzo al sacco.?siii.
bibis 1 anno fa su tio
Che marcioni
Pamy Bernardi 1 anno fa su fb
Se si paga già il biglietto dell'aereo (che a buon mercato non è!) cibo e bevande potrebbero beh offrirlo gratuitamente!! ?
Sarah Özyalçin-Caravatti 1 anno fa su fb
Se i prezzi saranno da compagnia low cost ci sta.
Luana Rondelli Poretti 1 anno fa su fb
Per quello che ti danno...
Dejan Savic 1 anno fa su fb
Andrea Patti
Mirian Castelnuovo 1 anno fa su fb
Vogliamo prezzi stracciati ? Questo è il risultato ....
Lucrezia Novelli 1 anno fa su fb
peccato che Swiss non abbia prezzi stracciati!
Massimo Martini 1 anno fa su fb
Ma scusate...uno prende l'aereo per scroccare una coca cola? Roba da barboni.
Mi Pa 1 anno fa su fb
Chiaramente no, ma un conto se lo fa, ad esempio, la easyjet dove i biglietti sono a prezzi stracciati, quindi va bene pagare a parte le bibite e il resto, un'altra storia se prendi una compagnia tradizionale dove il costo dei biglietti é alto.
Massimo Martini 1 anno fa su fb
I tempi cambiano.....
Mi Pa 1 anno fa su fb
Dove si vuole "i tempi cambiano", peccato che i salari sono rimasti quelli di 20 anni fa.....
Lucrezia Novelli 1 anno fa su fb
Swiss a breve sarà esattamente come le compagnie low cost ma con i sempre alle stelle! Devi pagare a parte anche il bagaglio, se adesso devi pagare anche una coca siamo proprio alle cozze
Massimo Martini 1 anno fa su fb
Ci sono i treni..... cmq Alitalia ha sempre fatto la sborrona con i risultati che sappiamo...
Rossella Sedici 1 anno fa su fb
Anche la British lo fa... Il prezzo della crisi.... E della concorrenza...la Svizzera dovrà adeguarsi.
Mi Pa 1 anno fa su fb
Speriamo che "il prezzo della crisi" non porti le compagnie a speculare anche su manutenzioni e rifornimento di carburante.....
Samuele Otto Van Gretillat 1 anno fa su fb
gia',perchè speculare è ordine del giorno. buona riflessione MI Pa
Paolo Peccolo 1 anno fa su fb
Lo faceva già Swissair prima del grounding. Deprimente.
Gabi Herta D'Alessandro 1 anno fa su fb
Non e giusto?
Aldo Bi 1 anno fa su fb
Lo fanno già parecchie compagnie, non vedo il problema...
Mi Pa 1 anno fa su fb
Si ma presumo che quelle compagnie a cui ti riferisci siano le lowcost dove paghi il volo 50 franchi....la swiss oltre ad adeguarsi sul servizio a bordo adeguerá (al ribasso) anche il costo dei biglietti?
Samuele Otto Van Gretillat 1 anno fa su fb
pagate pure. tanto mi sembra che avete abbastanza soldi ha ha ha ha. io ho optato per non prendere piu' aerei, che vadino in fallimento tutti quanti. ci sono alternative, e non fa niente se ci vuole piu' tempo, ma sono piu' sicuri
Lucrezia Novelli 1 anno fa su fb
Samuele Otto Van Gretillat piu' sicuri non direi perchè l'aereo è il mezzo di trasporto piu' sicuro al mondo e in ogni caso se devi andare in America, in Asia comunque fuori dalla Svizzera la vedo dura con l'auto o il treno
Giulia Marianne Cavadini 1 anno fa su fb
PESSIMO.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Finanza
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report