Keystone
GERMANIA
14.06.18 - 12:370
Aggiornamento 13:29

«Voleva produrre un'arma biologica»

«Fortemente sospettato» di volersi muovere in questa direzione il cittadino tunisino arrestato ieri a Colonia

BERLINO - Il cittadino tunisino arrestato ieri a Colonia «è fortemente sospettato di aver voluto deliberatamente produrre un'arma biologica», ha detto oggi la procura federale di Karlsruhe. Saifallah H. è stato arrestato durante la perquisizione di un appartamento, dove sono stati ritrovati semi da cui è possibile estrarre una tossina mortale, la ricina.

Ci sono indizi «concreti della pianificazione di un attentato», prosegue la procura federale di Karlsruhe.

L'indicazione alle forze di sicurezza tedesche sono arrivate dall'agenzia di spionaggio civile degli Stati Uniti (CIA), che sorveglia gli acquisti via internet dei semi da cui si produce la sostanza.

Gli investigatori dell'antiterrorismo ritengono che si tratti del «maggiore potenziale di pericolo che sia mai stato identificato in Europa», riferisce il tabloid Bild. Dai semi della pianta di Ricinus comunis si può estrarre una proteina tossica che risulta mortale per gli esseri umani anche in minime quantità. E nell'appartamento del cittadino tunisino, sono stati ritrovati circa 1000 semi.

 

Tags
semi
cittadino tunisino
arma
arma biologica
cittadino
TOP NEWS Estero
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report