Pexels
La tipica durata di vita degli apparecchi si aggira tra 10 e 15 anni, trascorsi i quali si può rinunciare tranquillamente a ripararli. Per apparecchi più recenti si consiglia di decidere in base ai costi della riparazione
ENERGY CHALLENGE
26.09.18 - 15:080

Quando sostituire i vecchi elettrodomestici?

Ha senso sostituire gli elettrodomestici che per così dire divorano energia con apparecchi più parsimoniosi, anche quando funzionano ancora? Ce lo spiega Dr. Energy

 

La maggior parte dei miei elettrodomestici ha tra gli otto e i dieci anni d’età e funziona ancora perfettamente. Spesso ci consigliano di sostituire frigoriferi, lavatrici e aspirapolveri con apparecchi più moderni ed efficienti dal punto di vista energetico. Ma davvero conviene mandare in pensione dispositivi funzionanti per acquistarne di nuovi? Quando ne vale la pena economicamente e quali sono le ripercussioni sull’ambiente?

Rita (54) da Thalwil (ZH)

La scelta del momento giusto per sostituire un elettrodomestico dipende da diversi fattori. Finché l’apparecchio funziona a regola d’arte, la sostituzione potrebbe essere giustificata dal risparmio di energia. Tuttavia, la stessa domanda si pone appena è necessaria una riparazione. Eppure risparmiare energia e denaro è possibile anche senza rimpiazzare i vecchi elettrodomestici: basta usarli correttamente.

Per la produzione, lo stoccaggio, il trasporto, la vendita e lo smaltimento di un prodotto c’è bisogno di energia. In gergo popolare si chiama energia grigia. Pertanto, prima che per l’ambiente risulti un risparmio di energia, è necessario che questo risparmio sia compensato dall’apparecchio più efficiente. Il periodo di ammortamento dell’energia grigia si può definire come durata del rimborso energetico. Per valutare le ripercussioni sull’ambiente si fa invece riferimento alla durata del rimborso ecologico. Mi sono informato. Nel caso delle lavatrici esistono calcoli fondati e affidabili. A fronte di un utilizzo medio, la durata del rimborso energetico ammonta a circa quattro anni. La durata del rimborso ecologico è notevolmente più alta: circa 14 anni.

Utilizzo medio significa, per una lavatrice, 220 cicli di lavaggio l’anno. In un piccolo nucleo familiare, la lavatrice si utilizza presumibilmente molto più di rado, con una durata del rimborso conseguentemente più lunga. Con un lavaggio a settimana, per compensare l’energia grigia con il risparmio di corrente ci vogliono 16 anni. In tal caso vale la pena utilizzare l’apparecchio fino a quando ha bisogno di una riparazione. Dopodiché, in base alla sua età, si decide se vale la pena ripararlo o se è meglio acquistarne uno nuovo.

Riparare? Questo principio di massima agevola la decisione

Negli ultimi anni, molti elettrodomestici sono notevolmente migliorati. Pertanto, non vale la pena riparare un apparecchio a tutti i costi. La tipica durata di vita degli apparecchi si aggira tra 10 e 15 anni, trascorsi i quali si può rinunciare tranquillamente a ripararli. Per apparecchi più recenti si consiglia di decidere in base ai costi della riparazione. Nel farlo, si possono utilizzare le seguenti stime: se l’apparecchio ha meno di quattro anni, la riparazione non dovrebbe eccedere il 40% del prezzo dell’apparecchio nuovo. Se l’apparecchio ha fino a sette anni di età, vale la pena spendere per la riparazione al massimo il 30% del prezzo di un nuovo apparecchio, che diventa il 10% per gli apparecchi che hanno meno di dieci anni.

Al momento della sostituzione è importante acquistare l’apparecchio più efficiente! Valutare l’efficienza energetica è facile. La legge prescrive che ogni apparecchio sia munito di un’etichetta energetica contenente tutte informazioni importanti. Attenzione: “A” non sempre corrisponde all’apparecchio migliore sotto il profilo energetico! Per le lavatrici l’attuale non plus ultra è A+++. Per un raffronto dettagliato dei prodotti si può consultare la pagina web www.topten.ch che contiene una chiara panoramica sull’efficienza energetica degli apparecchi. È anche importante acquistare gli apparecchi adeguati al nucleo familiare. Una lavatrice di grandi dimensioni piena solo a metà ha un’efficienza limitata.

Riempire sempre completamente la lavatrice per evitare gli sprechi di energia

Il consumo di energia dipende molto di più dalle modalità di utilizzo che dalla categoria di efficienza dell’apparecchio. Rimanendo alle lavatrici, la scelta del programma di lavaggio è fondamentale. Se possibile, è sempre meglio scegliere una bassa temperatura di lavaggio. Inoltre, spesso si può tranquillamente rinunciare al prelavaggio. In ogni caso, la lavatrice dovrebbe essere sempre completamente piena. Talvolta non è nemmeno necessario lavare il capo di abbigliamento, perché basta fargli prendere un po’ d’aria all’aperto.

SvizzeraEnergia ha pubblicato un bell’opuscolo sul tema dell’efficienza energetica dal titolo “Riparare o sostituire gli apparecchi elettrici difettosi?”. È possibile scaricare l’opuscolo come PDF oppure richiederne gratuitamente una copia cartacea.

Dr. Energy 

Jules Pikali, alias Dr. Energy, risponde alle domande dei lettori sul tema dell’energia. Insieme ad altri consulenti in materia di energia, Jules Pikali gestisce la infoline di SvizzeraEnergia. Il servizio di consulenza gratuita dell’Ufficio federale dell’energia risponde alle domande dei privati sul tema dell’energia telefonicamente al numero 0848 444 444 o tramite l’apposito modulo di contatto disponibile su www.svizzeraenergia.ch/page/it-ch/consulenza-svizzeraenergia.

Energy Challenge 2018 - Energy Challenge 2018 è una campagna nazionale di SvizzeraEnergia e dell'Ufficio federale dell'energia sui temi dell'efficienza energetica e delle energie rinnovabili. 20 minuti è partner media e approfondisce i temi principali con grafici, reportage e interviste. Trovate maggiori informazioni sull'app gratuita per Android e iOS.

 

ULTIME NOTIZIE Energy Challenge
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report