Immobili
Veicoli
Deposit
SVIZZERA
28.01.22 - 13:300

L'Unione degli imprenditori vuole promuovere il lavoro oltre la pensione

Perché, vista l'evoluzione demografica, si teme una carenza di manodopera nei prossimi anni

BERNA - Sempre più dipendenti anziani che andranno presto in pensione, e sempre meno giovani che entreranno nella forza lavoro: per prevenire la carenza di manodopera che si accentuerà nei prossimi anni, data l'evoluzione demografica, l'Unione svizzera degli imprenditori (USI) lancia la rete dei datori di lavoro focus50plus insieme ad aziende, scienza e politica.

L'accento è posto sulla cooperazione tra le generazioni, la promozione della mobilità professionale dei dipendenti più anziani e il miglioramento delle condizioni quadro per continuare a lavorare oltre la normale età pensionabile, ha comunicato oggi l'USI, precisando che l'immigrazione in Svizzera non potrà compensare una prevedibile carenza di manodopera.

Per molti dipendenti, continuare a lavorare oltre l'età pensionabile è ancora poco allettante, indica l'USI. A parte «l'età pensionabile relativamente bassa», anche la tassazione del reddito e l'organizzazione del sistema di sicurezza sociale creano disincentivi al lavoro. Quest'ultimo dovrebbe essere aumentato con migliori condizioni quadro giuridiche e politiche.

La rete dei datori di lavoro focus50plus vuole sviluppare soluzioni che, adattate alle esigenze e alle condizioni operative delle aziende, siano ugualmente vantaggiose per i datori di lavoro e i loro dipendenti. In questo modo, si può anche garantire che i lavoratori più anziani non solo siano impiegati in modo più sostenibile, ma rimangano più a lungo nel mercato del lavoro.

Secondo il comunicato, oltre all'Unione svizzera degli imprenditori, dietro a focus50plus vi sono le aziende Allianz, Helsana, Huber + Suhner, Migros, Novartis e UBS.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
STATI UNITI
1 ora
Wall Street, le cause di un mercoledì nerissimo
La grande distribuzione è in difficoltà e gli investitori sono in allerta e si chiedono: «Ci sarà il prossimo?»
SVIZZERA
2 ore
Julius Bär regge, ma la filiale di Mosca sarà chiusa
Il gruppo ha mantenuto la redditività nei primi mesi del 2022
GRIGIONI
16 ore
La crisi ucraina condiziona il WEF di Davos
In collegamento da Kiev inaugurerà il forum il presidente Zelensky. Assenti invece i rappresentanti russi.
SVIZZERA
18 ore
Boom di vendite per gli articoli sportivi
Nel 2021 il mercato svizzero ha sfiorato i due miliardi di franchi, un nuovo record
SVIZZERA
20 ore
«Aumenteranno i fallimenti, sia in Svizzera che nel mondo»
È la previsione di uno studio dell'assicuratore Allianz Trade
SVIZZERA/UCRAINA
1 gior
La zurighese Vetropack sopprime 400 impieghi, a causa dei missili
L'impianto è fortemente danneggiato, e il gruppo non «vede alcuna alternativa»
STATI UNITI
1 gior
Netflix taglia 150 posti di lavoro
È la prima conseguenza del rallentamento della crescita dei ricavi e del calo degli abbonamenti
SVIZZERA
1 gior
Pneumatici sempre più cari
Russia e Ucraina sono i principali fornitori di materie prime. E ora i prezzi stanno schizzando verso l'alto
CINA
1 gior
Buonanotte da una sconosciuta, a un solo yuan
Wong Biying manda messaggi su richiesta per aiutare le persone a riempire il vuoto della solitudine
ITALIA
1 gior
Eni ha aperto un conto in rubli presso Gazprom Bank
Avviene, precisa la società italiana, «su base temporanea» e con la condivisione delle istituzioni italiane
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile