Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
25.01.22 - 09:150

Perdite “tamponate” con vendite di immobili, così Credit Suisse chiude il 2021 in linea

Le previsioni del colosso svizzero in un comunicato diffuso questa mattina, il “rosso” nel settore investment banking

ZURIGO - La grande banca Credit Suisse ha annunciato oggi di prevedere un risultato netto grossomodo stabile per il quarto trimestre del 2021. Gli accantonamenti per le controversie legali pesano negativamente sui conti per 500 milioni di franchi, ma sono compensati parzialmente da 225 milioni incassati con vendite immobiliari, si legge in un comunicato odierno. I risultati definitivi verranno pubblicati il prossimo 10 febbraio.

Dopo gli scandali Archegos e Greensill, la banca recentemente è stata scossa dall'improvvisa partenza del controverso presidente del consiglio di amministrazione António Horta-Osório, sostituito con effetto immediato dall'ex top manager di UBS Axel Lehmann.

A influenzare negativamente l'ultimo trimestre dello scorso anno sono però in particolare una serie di casi in cui il gruppo - senza entrare nei dettagli - ha già cercato accordi e che riguardano principalmente vecchie controversie legali legate all'investment banking, spiega Credit Suisse.

Inoltre, l'attività non ha avuto lo stesso rendimento nell'ultimo trimestre. In particolare, le entrate basate sulle transazioni sono diminuite: il declino ha interessato sia l'investment banking, sia l'attività di gestione patrimoniale. Ciò, scrive il numero due bancario elvetico, riflette «il solito rallentamento stagionale».

Tuttavia, Credit Suisse si attende anche un «ritorno a condizioni commerciali più normali» dopo l'ambiente eccezionale che ha caratterizzato la maggior parte del 2020 e del 2021. Nella gestione patrimoniale, l'attività ha subito un significativo rallentamento nelle divisioni International Wealth Management - attività strategica del gruppo - e Asia Pacific.

Quanto annunciato oggi non rappresenta una vera sorpresa per il mercato: già a inizio novembre, in occasione della pubblicazione dei risultati del terzo trimestre, Credit Suisse aveva reso noto di aspettarsi un'altra perdita per gli ultimi tre mesi dell'anno. La causa, in particolare, è una rettifica di valore da 1,6 miliardi di franchi in relazione all'ammortamento del goodwill rimanente nell'investment banking.

Per l'intero 2021 l'istituto prevedeva a inizio novembre un ulteriore calo dei volumi di mercato, dato che la situazione sulle piazze azionarie si è normalizzata rispetto ai massimi registrati l'anno scorso. Nella banca d'investimenti dovrebbe inoltre avere ripercussioni sui ricavi derivanti dalla negoziazione e vendita di azioni l'abbandono della maggior parte dei "prime services" (all'origine del caso Archegos). Il consiglio di amministrazione e la direzione desiderano infatti ridurre l'esposizione al rischio dell'istituto dopo le recenti controversie.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
STATI UNITI
2 ore
Wall Street, le cause di un mercoledì nerissimo
La grande distribuzione è in difficoltà e gli investitori sono in allerta e si chiedono: «Ci sarà il prossimo?»
SVIZZERA
2 ore
Julius Bär regge, ma la filiale di Mosca sarà chiusa
Il gruppo ha mantenuto la redditività nei primi mesi del 2022
GRIGIONI
16 ore
La crisi ucraina condiziona il WEF di Davos
In collegamento da Kiev inaugurerà il forum il presidente Zelensky. Assenti invece i rappresentanti russi.
SVIZZERA
18 ore
Boom di vendite per gli articoli sportivi
Nel 2021 il mercato svizzero ha sfiorato i due miliardi di franchi, un nuovo record
SVIZZERA
20 ore
«Aumenteranno i fallimenti, sia in Svizzera che nel mondo»
È la previsione di uno studio dell'assicuratore Allianz Trade
SVIZZERA/UCRAINA
1 gior
La zurighese Vetropack sopprime 400 impieghi, a causa dei missili
L'impianto è fortemente danneggiato, e il gruppo non «vede alcuna alternativa»
STATI UNITI
1 gior
Netflix taglia 150 posti di lavoro
È la prima conseguenza del rallentamento della crescita dei ricavi e del calo degli abbonamenti
SVIZZERA
1 gior
Pneumatici sempre più cari
Russia e Ucraina sono i principali fornitori di materie prime. E ora i prezzi stanno schizzando verso l'alto
CINA
1 gior
Buonanotte da una sconosciuta, a un solo yuan
Wong Biying manda messaggi su richiesta per aiutare le persone a riempire il vuoto della solitudine
ITALIA
1 gior
Eni ha aperto un conto in rubli presso Gazprom Bank
Avviene, precisa la società italiana, «su base temporanea» e con la condivisione delle istituzioni italiane
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile