Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
24.01.22 - 12:170

Il pagamento tramite smartphone è in piena espansione in Svizzera

Negli ultimi due anni, il fatturato generato con le app di pagamento è raddoppiato

Per il futuro, non c'è da aspettarsi altro che una continua evoluzione

ZURIGO - Gli svizzeri pagano sempre più con il loro smartphone: nel 2020 e nel 2021 è praticamente raddoppiato il fatturato generato dai pagamenti effettuati con il telefonino.

Lo mostrano i dati del Monitoring Consumption Switzerland, che includono i pagamenti senza contanti elaborati attraverso la rete del fornitore di servizi finanziari Worldline. Nonostante numerose app per i pagamenti con smartphone siano sul mercato svizzero dal 2015, fino al 2019 sono rimaste in ombra. La loro quota di fatturato fino ad allora era solo dell'1% circa.

La spinta della crisi Covid
Le app di pagamento hanno rapidamente guadagnato importanza con e durante la crisi del coronavirus. Di colpo il pagamento in contanti è stato disdegnato a favore di quello senza contatto. Anche nei bastioni del contante come i mercati settimanali, le fattorie o i parcheggi automatici, si poteva improvvisamente pagare con lo smartphone.

Il fatturato con pagamenti tramite smartphone è così passato da 634 milioni di franchi nel 2019 a 1,4 miliardi di franchi nel 2020 e infine a circa 2,9 miliardi nel 2021. La quota di fatturato senza contanti proveniente dalle app per smartphone ammonta quindi già al 4,4%, secondo il Monitoring Consumption Switzerland.

Il monitor registra solo le transazioni delle app Twint e dei fornitori cinesi Alipay e Wechat Pay. Twint è di gran lunga la più importante app di pagamento in Svizzera. Le cifre sono pertanto significative in quanto circa la metà dei fatturati e delle transazioni mobili sono su Twint. Questo si evince dal sondaggio sul comportamento di pagamento nello "Swiss Payment Monitor 2021", condotto dall'università di San Gallo e dalla Scuola universitaria professionale zurighese di scienze applicate (ZHAW).

Anche negli acquisti online
Il pagamento mobile si è già affermato, soprattutto nello shopping online. Secondo lo Swiss Payment Monitor già un quinto delle vendite online avvengono con app di pagamento. Questo è più di quanto viene pagato con la carta di credito. La quota delle carte di credito è scesa dal 35% al 18% dal 2019. Tuttavia, il pagamento mediante fattura è ancora il leader indiscusso con una quota di quasi il 50%.

Anche se le transazioni assolute con gli smartphone sono ancora a un livello relativamente basso, app come Twint potrebbero diventare una seria alternativa alle carte. In settori come le attività online, le app di pagamento hanno d'altronde già dimostrato che possono scuotere completamente il mercato dei pagamenti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
STATI UNITI
3 ore
Wall Street, le cause di un mercoledì nerissimo
La grande distribuzione è in difficoltà e gli investitori sono in allerta e si chiedono: «Ci sarà il prossimo?»
SVIZZERA
3 ore
Julius Bär regge, ma la filiale di Mosca sarà chiusa
Il gruppo ha mantenuto la redditività nei primi mesi del 2022
GRIGIONI
17 ore
La crisi ucraina condiziona il WEF di Davos
In collegamento da Kiev inaugurerà il forum il presidente Zelensky. Assenti invece i rappresentanti russi.
SVIZZERA
19 ore
Boom di vendite per gli articoli sportivi
Nel 2021 il mercato svizzero ha sfiorato i due miliardi di franchi, un nuovo record
SVIZZERA
21 ore
«Aumenteranno i fallimenti, sia in Svizzera che nel mondo»
È la previsione di uno studio dell'assicuratore Allianz Trade
SVIZZERA/UCRAINA
1 gior
La zurighese Vetropack sopprime 400 impieghi, a causa dei missili
L'impianto è fortemente danneggiato, e il gruppo non «vede alcuna alternativa»
STATI UNITI
1 gior
Netflix taglia 150 posti di lavoro
È la prima conseguenza del rallentamento della crescita dei ricavi e del calo degli abbonamenti
SVIZZERA
1 gior
Pneumatici sempre più cari
Russia e Ucraina sono i principali fornitori di materie prime. E ora i prezzi stanno schizzando verso l'alto
CINA
1 gior
Buonanotte da una sconosciuta, a un solo yuan
Wong Biying manda messaggi su richiesta per aiutare le persone a riempire il vuoto della solitudine
ITALIA
1 gior
Eni ha aperto un conto in rubli presso Gazprom Bank
Avviene, precisa la società italiana, «su base temporanea» e con la condivisione delle istituzioni italiane
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile