Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
23.01.22 - 15:530

«Le crisi di Credit Suisse? Colpa dei cattivi dirigenti»

L'ex Ceo Oswald Grübel non le manda a dire: le difficoltà avute da Credit Suisse sono da ricondurre alla dirigenza

I casi Greensill e Archegos? «Errori da principianti»

ZURIGO - L'ex Ceo di Credit Suisse (CS) Oswald Grübel non risparmia le critiche ai suoi successori alla testa della banca.

«Quando un'azienda sperimenta così tante crisi nel corso degli anni la ragione è da ricercare nella cattiva dirigenza», afferma in un'intervista alla "NZZ am Sonntag".

Visto che i vertici non funzionavano a dovere molti eccellenti manager hanno lasciato la banca, afferma il 78enne. Questo è stato uno dei fattori che ha portato alle perdite miliardarie subite nei dissesti della società anglo-australiana Greensill Capital e dell'americana Archegos Capital. «Entrambi gli eventi vanno inseriti nella categoria errori da principiante: con un buon controllo dei rischi non sarebbero mai successi», sostiene colui che è stato presidente della direzione sia di CS (2003-2007) che di UBS (2009-2011).

«In una tale situazione, la banca ha bisogno di una figura di identificazione credibile che possa radunare il personale dietro di sé», prosegue l'intervistato. «Credit Suisse soffre attualmente di tensioni interne tra la cultura svizzera e la comprensione anglosassone degli affari; la dirigenza deve essere accettata in entrambi i campi ed essere in grado di agire».

Secondo Grübel - che, fatto poco noto, ha trascorso i primi anni di vita nell'allora Germania dell'est, prima di scappare all'ovest nel 1952 all'età di otto anni - spetta agli azionisti esercitare più pressione sui vertici, soprattutto quando si tratta di nomine nel consiglio di amministrazione. «Lì sono necessarie persone che conoscano il business veramente a fondo».

Nonostante le deboli condizioni in cui si trova la banca Grübel non crede comunque che verrà acquisita da un altro istituto, nemmeno da UBS. Questo perché a suo avviso l'autorità di controllo dei mercati finanziari metterebbe il veto, nascerebbe un'entità troppo grande. Secondo l'ex Ceo comunque CS ha «una sostanza molto sana» e i 50'000 dipendenti svolgono un buon lavoro. «A medio termine penso che la situazione migliorerà».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
1 ora
Axpo, 24 turbine eoliche passano di mano
Gli impianti sono stati sviluppati e messi in funzione tra il 2017 e il 2022
SVIZZERA/MONDO
1 ora
Huawei non molla la spinta sugli orologi (e sul fitness)
Samsung, dal canto suo, punta ad investire ancor più nei semiconduttori
SVIZZERA
12 ore
Più di un milione di resi nella pattumiera
Un nuovo rapporto di Public Eye si china sulla questione moda e e-commerce. Al centro: Zalando, Amazon, Asos e Shein
SVIZZERA
14 ore
Nei negozi un'inflazione limitata
L'aumento dei prezzi dovrebbe mantenersi in media sull'1,2 per cento quest'anno in Svizzera
IRLANDA
20 ore
Meno emissioni di Co2? EasyJet accelera
Il vettore ha lanciato un nuovo obbiettivo intermedio: ridurle del 35% entro il 2035
SVIZZERA
22 ore
Stipendi da capogiro nel settore edile
I salari sono in aumento, un operaio guadagna in media 6'204 franchi svizzeri, secondo un sondaggio del SSIC.
SVIZZERA
1 gior
Forte crescita metalmeccanica, ma non senza timori
C'è infatti preoccupazione per il "cocktail tossico" di problemi, tra pandemia e inflazione
MONDO
1 gior
Più miliardari (e sempre più ricchi) negli anni del Covid
573 individui sono entrati a far parte del club dei super ricchi negli ultimi due anni.
SVIZZERA
1 gior
Un albergo su due ha aumentato i prezzi
Il trend potrebbe rafforzarsi a causa dell'inflazione e della carenza di personale
SVIZZERA
1 gior
Axpo, i proprietari vogliono rinunciare ai dividendi
Parte della somma dovrebbe essere investita nel campo delle energie rinnovabili, ha annunciato l'azienda
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile