Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch (SALVATORE DI NOLFI)
MONDO
19.01.22 - 20:440
Aggiornamento : 21:03

WEF, sale il pressing per "carbon tax" e uno stop ai sussidi

Al meeting virtuale si alzano le voci per la svolta nelle politiche climatiche. Le parole di Bill Gates e John Kerry

DAVOS - Stop ai sussidi inquinanti con cui «alimentiamo lo stesso problema che cerchiamo di risolvere», e adottare una carbon tax «aggressiva»: è l'unica strada per finanziare la ricerca nelle fonti di energia green, abbassare i costi dell'energia green e avvicinarsi agli obiettivi di contenimento del riscaldamento globale.

È al Forum economico mondiale, in versione virtuale dopo il nuovo stop ai meeting di Davos causa Omicron, che sale il pressing per una svolta drastica nelle politiche climatiche. E a farsene portavoce sono non i ragazzi capeggiati da Greta o una Ong. Ma Bill Gates e John Kerry. Il primo fondatore della Microsoft, uno degli uomini più ricchi del mondo e oggi filantropo oltre che fondatore di Breakthrough Energy. Il secondo ex candidato presidenziale e segretario di Stato Usa, oggi inviato speciale del presidente Biden per il clima.

Kerry, durante un panel in cui ha ripercorso 'bicchiere mezzo pieno' dei negoziati COP26 di Glasgow, sottolinea «i livelli record di investimenti privati e di venture capital nel 2021, circa 40 miliardi di dollari». Gates nota la partecipazione «eccitante» delle imprese alla volontà comune di superare il 'green premium', gli oneri aggiuntivi che oggi si accompagnano alle rinnovabili. Oggi - dice prendendo a modello la First Movers Coalition, partnership pubblico-privato che vede impegnata Washington accanto al World Economic Forum, governi più ricchi e imprese più avanzate possono fare da apripista e creare la massa critica per trascinare gli altri. Ma alla fine si tratta di far quadrare i bilanci delle imprese: finanziare investimenti, ricerca, sviluppo con i soldi pubblici, ma allo stesso tempo adottare la carbon tax «aggressivamente» in misura tale da creare economie di scala per le energie rinnovabili.

Kerry chiede una svolta anche per fermare sussidi pubblici alle fonti energetiche fossili che tuttora ammontano a 2.500 miliardi di dollari. "Ancora nel 2021 il mondo ha utilizzato il 9% di carbone in più che nell'anno prima, e tuttora sono in costruzione quasi 300 gigawatt di potenza elettrica da carbone". Ma, in definitiva, occorre una mobilitazione senza precedenti del settore privato: «nessun Governo al mondo - ricorda l'ex ministro degli Esteri Usa - ha le disponibilità economiche sufficienti a finanziare gli obiettivi climatici e il target di abbassare a 1,5 gradi il riscaldamento globale entro il 2050».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 3 mesi fa su tio
Tanti bla bla. Le nuove energie , che questi signori stanno cercando di impossesarsi stanno aumentando veriginosamente di prezzo. Facile dire , rinunciamo al carbone , rinunciamo al nucleare. Ma le alternative per il momento non esistono. Ci si riempie la bocca di tanti buoni principi, ma la realtà è un pò diversa.
Dario Lampa 3 mesi fa su tio
@vulpus esimio, non sapevo fosse un esperto mondiale di energie rinnovabili. Evidentemente, se lei non è a conoscenza di soluzioni, vuol dire che non esistono! Colga il sarcasmo.
Coerenza 3 mesi fa su tio
certo certo...questa è quella carbon tax che per il momento in europa prevede la deroga per yacht e jet privati? ecco il prossimo recinto in cui convogliare le covidpecore
Dalu 3 mesi fa su tio
Certo che a furia di non fare nulla… gli scienziati danno il 2030 come anno del raggiungimento del punto di non ritorno, e c’è gente che mette la faccina che ride! Ignoranti maledetti
Dario Lampa 3 mesi fa su tio
@Dalu Santissime parole
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
STATI UNITI
3 ore
Wall Street, le cause di un mercoledì nerissimo
La grande distribuzione è in difficoltà e gli investitori sono in allerta e si chiedono: «Ci sarà il prossimo?»
SVIZZERA
4 ore
Julius Bär regge, ma la filiale di Mosca sarà chiusa
Il gruppo ha mantenuto la redditività nei primi mesi del 2022
GRIGIONI
18 ore
La crisi ucraina condiziona il WEF di Davos
In collegamento da Kiev inaugurerà il forum il presidente Zelensky. Assenti invece i rappresentanti russi.
SVIZZERA
20 ore
Boom di vendite per gli articoli sportivi
Nel 2021 il mercato svizzero ha sfiorato i due miliardi di franchi, un nuovo record
SVIZZERA
21 ore
«Aumenteranno i fallimenti, sia in Svizzera che nel mondo»
È la previsione di uno studio dell'assicuratore Allianz Trade
SVIZZERA/UCRAINA
1 gior
La zurighese Vetropack sopprime 400 impieghi, a causa dei missili
L'impianto è fortemente danneggiato, e il gruppo non «vede alcuna alternativa»
STATI UNITI
1 gior
Netflix taglia 150 posti di lavoro
È la prima conseguenza del rallentamento della crescita dei ricavi e del calo degli abbonamenti
SVIZZERA
1 gior
Pneumatici sempre più cari
Russia e Ucraina sono i principali fornitori di materie prime. E ora i prezzi stanno schizzando verso l'alto
CINA
1 gior
Buonanotte da una sconosciuta, a un solo yuan
Wong Biying manda messaggi su richiesta per aiutare le persone a riempire il vuoto della solitudine
ITALIA
1 gior
Eni ha aperto un conto in rubli presso Gazprom Bank
Avviene, precisa la società italiana, «su base temporanea» e con la condivisione delle istituzioni italiane
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile