Immobili
Veicoli
Depositphotos (AllaSerebrina)
SVIZZERA
09.12.21 - 10:250

Crescita più lenta nel 2022 a causa di Covid e scarsità di materie prime

Gli analisti della Seco presentano per la prima volta una stima per il 2023, con un ulteriore indebolimento

BERNA - Le difficoltà di approvvigionamento e l'inasprimento delle misure anti-COVID dell'inverno 2021/22 rischiano di pesare sull'economia elvetica. Per gli esperti della Segreteria di Stato dell'economia (Seco), mentre la crescita continuerà ancora quest'anno, potrebbe rallentare leggermente nel 2022.

Il progressivo allentamento dei provvedimenti per contenere la pandemia nella prima metà di quest'anno ha consentito all'economia nazionale di proseguire con forza la ripresa, in linea con le aspettative. Quest'estate il PIL ha persino superato il livello pre-crisi del quarto trimestre del 2019.

Gli esperti federali sono quindi ottimisti e hanno rivisto al rialzo le loro proiezioni per la crescita del prodotto interno lordo (PIL) nel 2021 a +3,5%, rispetto al +3,4% delle loro stime precedenti. Il consumo privato e pubblico, ma soprattutto il chiaro rimbalzo delle esportazioni dovrebbe guidare la crescita svizzera, precisa la Seco in una nota.

Rallentamento nel 2022? - Per contro, nel 2022, i problemi di approvvigionamento e le strozzature di capacità a livello internazionale si faranno sentire soprattutto sul settore industriale, provocando forti aumenti dei prezzi. Anche il recente acutizzarsi dell'incertezza che aleggia sulla pandemia non aiuta.

In questo contesto il gruppo di esperti si aspetta un netto indebolimento della crescita economica in Svizzera: per il 2022 l'aumento del PIL sarà del 3,2%, contro il 3,6% ventilato in precedenza. E per la prima volta, presentano una stima per il 2023: la crescita dovrebbe ulteriormente indebolirsi, scendendo all'1,7%.

L'inflazione, galoppante negli Stati Uniti e nella zona euro, dovrebbe secondo la Seco essere più moderata in Svizzera. I prezzi al consumo dovrebbero aumentare dello 0,6% nel 2021 e dell'1,1% l'anno successivo, prima di tornare nuovamente allo 0,7% nel 2023.

Mercato del lavoro - Per quanto riguarda il mercato del lavoro, gli esperti della Seco non hanno ritoccato le previsioni per il 2021: si aspettano ancora un tasso medio del 3,0%, mentre per il 2022 prevedono un valore inferiore, ovvero il 2,4% e per il 2023 il 2,3%.

Come sempre, la Seco sottolinea i rischi delle previsioni. L'incertezza è attualmente molto alta e i rischi negativi prevalgono. In particolare, si è accentuata l'incognita dei contraccolpi dovuti al propagarsi della pandemia, anche in relazione alla variante Omicron del coronavirus. Qualsiasi misura di politica sanitaria fortemente restrittiva peserebbe molto sulla ripresa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
GRIGIONI
7 ore
La crisi ucraina condiziona il WEF di Davos
In collegamento da Kiev inaugurerà il forum il presidente Zelensky. Assenti invece i rappresentanti russi.
SVIZZERA
9 ore
Boom di vendite per gli articoli sportivi
Nel 2021 il mercato svizzero ha sfiorato i due miliardi di franchi, un nuovo record
SVIZZERA
10 ore
«Aumenteranno i fallimenti, sia in Svizzera che nel mondo»
È la previsione di uno studio dell'assicuratore Allianz Trade
SVIZZERA/UCRAINA
14 ore
La zurighese Vetropack sopprime 400 impieghi, a causa dei missili
L'impianto è fortemente danneggiato, e il gruppo non «vede alcuna alternativa»
STATI UNITI
16 ore
Netflix taglia 150 posti di lavoro
È la prima conseguenza del rallentamento della crescita dei ricavi e del calo degli abbonamenti
SVIZZERA
18 ore
Pneumatici sempre più cari
Russia e Ucraina sono i principali fornitori di materie prime. E ora i prezzi stanno schizzando verso l'alto
CINA
1 gior
Buonanotte da una sconosciuta, a un solo yuan
Wong Biying manda messaggi su richiesta per aiutare le persone a riempire il vuoto della solitudine
ITALIA
1 gior
Eni ha aperto un conto in rubli presso Gazprom Bank
Avviene, precisa la società italiana, «su base temporanea» e con la condivisione delle istituzioni italiane
MONDO
1 gior
L'epoca del profitto a tutti i costi? Sembra essere finita
Oggi è fondamentale la «massimizzazione del welfare degli azionisti», secondo il premio Nobel Oliver Hart
STATO UNITI
1 gior
Twitter replica a Musk, ma lui non la beve e risponde «💩»
Nuovo capitolo della saga che coinvolge il social network e il miliardario: «L'acquisizione non può andare avanti»
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile