Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
29.11.21 - 11:090

L'aumento dell'inflazione preoccupa anche in Svizzera

I prezzi sono cresciuti, e pesano in particolare i combustibili: la benzina fa registrare un +26,3% su base annua

Comunque un trend simile si registra a livello internazionale

BERNA - I prezzi di beni e servizi sono cresciuti in maniera sostenuta in Svizzera e all'estero negli ultimi mesi, sollevando timori di un'inflazione elevata. Mentre le banche centrali sono in allerta, gli economisti sono divisi sulla durata del fenomeno che è decollato con la frenetica ripresa economica post-Covid.

In Svizzera, l'indice dei prezzi al consumo (IPC) ha accelerato continuamente dall'inizio dell'anno. Era ancora a -0,5% su base annua in gennaio ed è salito all'1,2% in ottobre. Bisogna tornare all'agosto 2018 per trovare un livello paragonabile. Siamo comunque ancora molto lontani dal 3,1% raggiunto nel luglio 2008 al culmine della crisi dei subprime. Allora l'inflazione svizzera aveva chiaramente superato l'obiettivo di stabilità dei prezzi definito dalla Banca Nazionale Svizzera (BNS) di un IPC «inferiore al 2%».

In ottobre, sono stati soprattutto gli idrocarburi a pesare sul borsellino. I prezzi dell'olio combustibile sono saliti del 50,1% su base annua, la benzina del 26,3% e il diesel del 21,9%. Come risultato della carenza di auto nuove, le auto di seconda mano sono aumentate di prezzo del 7,9%.

Per Olivier de Berranger, responsabile degli investimenti presso La Financière de l'Echiquier, «lo squilibrio tra domanda e offerta» è la «causa fondamentale delle attuali pressioni inflazionistiche». La ripresa fulminea del consumo globale, dopo i confinamenti delle prime ondate di Covid-19 nel 2020, ha effettivamente messo a dura prova le risorse di produzione e la logistica internazionale, causando grossi colli di bottiglia, soprattutto nei semiconduttori.

Viste le tradizionali campagne promozionali come il Black Friday o il Cyber Monday, così come le festività di fine anno che generano un'elevata spesa dei consumatori, «c'è probabilmente poco da aspettarsi a breve termine da una moderazione della domanda. È più nella capacità di adattamento dell'offerta che dobbiamo riporre le nostre speranze», afferma de Berranger.

L'aumento dei prezzi è globale. Mirabaud Banque sottolinea che negli Stati Uniti, i prezzi di alcuni prodotti e servizi hanno registrato un balzo avanti: non solo i prodotti energetici (+49,5%) e i veicoli di seconda mano (+26,4%), ma anche il tabacco (+8,5%) e gli alimentari a domicilio (+5,4%). «Questi risultati sono significativi perché mostrano che non sono solo i prezzi dell'energia a sconvolgere l'inflazione, ma molti altri beni», afferma John Plassard, vice direttore della banca di Ginevra.

Dall'altra parte dell'Atlantico, l'inflazione ha raggiunto il 5,0% su base annua in ottobre (indice PCE), l'aumento più alto dal 1990. Nella zona euro è del 4,1%, il massimo in 13 anni.

Per il futuro, gli specialisti si interrogano sulla traiettoria dell'inflazione. È solo transitoria o rischia di essere prolungata? La segretaria al Tesoro americano, Janet Yellen, prevede che i prezzi si modereranno nella seconda metà del 2022, ma i membri della Federal Reserve (Fed) sono divisi.

Attenzione all'inverno 
Secondo UBS, «i prezzi di alcuni beni e servizi che sono fortemente influenzati dalla domanda, come le auto usate e l'abbigliamento, hanno iniziato a normalizzarsi». Anche i prezzi dell'energia dovrebbero stabilizzarsi, secondo la grande banca, grazie alla messa in funzione di nuove capacità di produzione. La pressione sul mercato del lavoro, a corto di lavoratori qualificati, dovrebbe normalizzarsi e i salari stabilizzarsi.

Tuttavia, i rischi rimangono, avverte la banca nel suo outlook del 2022. Un inverno più rigido del previsto potrebbe far salire i prezzi dell'energia, così come norme ambientali più severe potrebbero pesare sulla tassazione. Il mercato del lavoro inoltre potrebbe impiegare più tempo per tornare alla normalità, esacerbando la pressione sui salari.

Una tale situazione rischia di avere un effetto negativo sulla domanda dei consumatori e le banche centrali potrebbero essere inclini ad «aumentare i tassi di interesse troppo presto, troppo velocemente e a un livello troppo alto», avverte UBS.

Le banche centrali sembrano avere fretta. Il capo della Fed, Jerome Powell, ha recentemente detto che «userà gli strumenti in suo possesso sia per sostenere l'economia e la forza del mercato del lavoro sia per evitare che l'alta inflazione metta radici». Alla Banca centrale europea, la presidente Christine Lagarde ritiene «molto improbabile» che i tassi aumentino il prossimo anno.

La Fed aveva annunciato che stava iniziando a normalizzare la sua politica monetaria riducendo gli acquisti di asset. Gli economisti di UBS si aspettano che la banca centrale americana non ritocchi i tassi fino al 2023. La BCE potrebbe ridurre ulteriormente i suoi riacquisti del debito e aspettare ancora di più prima di alzare i tassi.

Anche la BNS sarà probabilmente cauta sul fronte dei tassi d'interesse, con un'inflazione prevista allo 0,7% nella Confederazione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 1 mese fa su tio
Invece l'UE e tutti gli accoliti presenti a Bruxelles buttano via due giorni non a preoccuparsi di quello che sta succedendo, ma a discutere che scrivere BUON NATALE non va bene perché offende certe etnie. Bisogna scrivere BUONE FESTE. Poi qualcuno si è incavolato e il BUON NATALE è ritornato ;-(( Però oggi discutono se utilizzare ancora il SIGNOR o SIGNORA, per le pari opportunità. E fuori dal Palazzo la gente soffre e muore. Ma non potrebbe andare un attimo li un cugino del sentex ?
SteveC 1 mese fa su tio
E guai a parlare di caro vita, come minimo ci venderanno che si aggira attorno allo zero per cento
angie2020 1 mese fa su tio
Scandaloso
Fkevin 1 mese fa su tio
Intanto ci prendono per le natiche con il covid, e fanno quello che vogliono. Aumentano i prezzi su tutto, e i miliardari diventano sempre più miliardari. Litighiamo tra di noi su chi è vaccinato e chi no. Bravi andiamo avanti così, tanto lo prendiamo cmq tutti nel
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
1 ora
Violò due volte la quarantena, il presidente del CdA di Credit Suisse lascia e si scusa
António Horta-Osório, in carica da meno di un anno, si è dimesso dopo un'indagine interna
KOSOVO
17 ore
Kosovo in tackle sul Bitcoin, svendita e fuga dei "minatori"
Lo stato balcanico ha annunciato un blocco delle criptovalute per alleviare la crisi energetica
REGNO UNITO
1 gior
Unilever offre 50 miliardi di sterline per GSK Consumer Healthcare
Se dovesse andare in porto si tratterebbe di una delle operazioni più grandi per la piazza di Londra
SVIZZERA
1 gior
Denner aumenta gli stipendi
Nuovo record di fatturato nel 2021. La catena premia i dipendenti
MONDO
2 gior
Là dove il Bitcoin non è il benvenuto
La controversa regina delle cripto è valuta "non grata" in alcune nazioni. Vediamo quali.
Dal Mondo
2 gior
Pagina del fumetto di Spider-Man venduta per 3'360'000 dollari
Venduta anche una copia del debutto di Superman nel numero 1 di "Action Comics"
SVIZZERA
2 gior
Dodici mesi da record per le saline svizzere
Le consegne complessive del 2021 toccano quota 630mila tonnellate
THAILANDIA
2 gior
Da aprile i turisti diretti in Thailandia dovranno pagare una tassa d'entrata
Il governo utilizzerà i soldi ricavati per mettere a nuovo le strutture e sviluppare nuove attrazioni turistiche
CINA
3 gior
Un materiale per le stampanti 3D che uccide virus e batteri
I suoi realizzatori assicurano che è in grado di debellarli nel giro di 20 minuti. Coronavirus compreso
GIAPPONE
3 gior
Toyota nuovamente in vetta, supera Volkswagen
L'azienda nipponica ha venduto nel corso del 2021 quasi dieci milioni di modelli
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile