Immobili
Veicoli
tipress
SVIZZERA
23.11.21 - 10:430

Piccole imprese, grandi debiti

Le Pmi svizzere hanno aumentato il loro indebitamento a causa del Covid. I dati della Seco

BERNA - Le piccole e medie imprese (PMI) svizzere si sono nettamente indebitate negli ultimi anni: lo rivela uno studio pubblicato oggi ed effettuato per la Segreteria di Stato dell'economia (Seco).

L'analisi mostra che nel 2021 la struttura di finanziamento delle PMI (meno di 250 dipendenti) è notevolmente cambiata rispetto al 2016. La quota di imprese che attinge a crediti bancari è rimasta invariata (il 32%), mentre quella che ricorre ad altre fonti esterne è salita dal 6% al 15%. Cresce in particolare l'importanza dei prestiti di famiglie, amici o azionisti, nonché il ricorso al leasing.

I crediti Covid-19 concessi sulla scia della pandemia hanno ridotto in misura ancora maggiore il numero di PMI autonome: attualmente solo il 37% delle ditte fa ancora affidamento solo sull'autofinanziamento, contro il 62% registrato nella precedente indagine del 2016.

La pandemia si è ripercossa pesantemente sull'economia svizzera: il 46% delle PMI interpellate dichiara di essere stato colpito negativamente dalla crisi e un altro 19% molto negativamente. Stando alla Seco il programma di crediti Covid-19 è stato quindi importante: complessivamente sono stati concessi circa 138'000 prestiti crediti, per un volume di circa 17 miliardi di franchi.

Nonostante i mesi difficili la maggior parte delle PMI svizzere è ottimista sul futuro sviluppo degli affari. La quota di aziende che prevede un aumento del fatturato nei prossimi due o tre anni è nettamente superiore a quella di coloro che nutrono aspettative meno rosee.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
RUSSIA
1 ora
Conto sequestrato, Google Russia verso la bancarotta
La filiale del colosso del web continuerà tuttavia a fornire gratuitamente i suoi servizi nel Paese
STATI UNITI
6 ore
Wall Street, le cause di un mercoledì nerissimo
La grande distribuzione è in difficoltà e gli investitori sono in allerta e si chiedono: «Ci sarà il prossimo?»
SVIZZERA
7 ore
Julius Bär regge, ma la filiale di Mosca sarà chiusa
Il gruppo ha mantenuto la redditività nei primi mesi del 2022
GRIGIONI
21 ore
La crisi ucraina condiziona il WEF di Davos
In collegamento da Kiev inaugurerà il forum il presidente Zelensky. Assenti invece i rappresentanti russi.
SVIZZERA
23 ore
Boom di vendite per gli articoli sportivi
Nel 2021 il mercato svizzero ha sfiorato i due miliardi di franchi, un nuovo record
SVIZZERA
1 gior
«Aumenteranno i fallimenti, sia in Svizzera che nel mondo»
È la previsione di uno studio dell'assicuratore Allianz Trade
SVIZZERA/UCRAINA
1 gior
La zurighese Vetropack sopprime 400 impieghi, a causa dei missili
L'impianto è fortemente danneggiato, e il gruppo non «vede alcuna alternativa»
STATI UNITI
1 gior
Netflix taglia 150 posti di lavoro
È la prima conseguenza del rallentamento della crescita dei ricavi e del calo degli abbonamenti
SVIZZERA
1 gior
Pneumatici sempre più cari
Russia e Ucraina sono i principali fornitori di materie prime. E ora i prezzi stanno schizzando verso l'alto
CINA
1 gior
Buonanotte da una sconosciuta, a un solo yuan
Wong Biying manda messaggi su richiesta per aiutare le persone a riempire il vuoto della solitudine
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile