Archivio Deposit
SVIZZERA
15.10.21 - 16:210

"Mad skills", l'ultima novità per il curriculum vitae

Si tratta di competenze atipiche e curiose, come attività artistiche o sport estremi

La loro importanza, comunque, dipende anche dal tipo di lavoro e dalla posizione

GINEVRA - Nel reclutamento del personale scatta l'ora delle mad skills, le competenze atipiche (letteralmente: pazze): capacità insolite che possano incuriosire chi è chiamato ad assumere, facendo magari pendere la bilancia a favore di un determinato candidato. Lo segnala Le Temps, che al tema dedica oggi un'inchiesta.

Le mad skills da inserire nel curriculum sono ad esempio la pratica di una particolare attività artistica, uno sport estremo o di alto livello, un'esperienza personale insolita o qualsiasi altra occupazione che possa sorprendere. Si tratta insomma di soft skills (concetto ormai già molto usato: competenze trasversali come saper comunicare, lavorare in gruppo e far fronte a importanti carichi di lavoro) più avanzate. Attività che mostrano, ad esempio, grande determinazione o creatività, resistenza allo stress oppure altre qualità molto utili anche in ambito professionale.

Giovani e start up
La novità arriva dagli Stati Uniti e in particolare dalle start-up della Silicon Valley, spesso alla ricerca di profili atipici. In Svizzera il contesto è ovviamente molto diverso. «Rispetto alle competenze tecniche (hard skills), queste mad skills sono chiaramente meno importanti», spiega al quotidiano ginevrino Marc Trillou, direttore e co-fondatore di TieTalent, una società di reclutamento specializzata in professioni tecnologiche. «Ma quando ti trovi di fronte a due candidati uguali, qualcuno che si distingue dalla massa è la ciliegina sulla torta». Ecco quindi che un'esperienza fuori dal comune, come un viaggio o la realizzazione di un progetto personale, possono avere la loro importanza.

Secondo Trillou questi fattori contano in particolare quando si tratta di selezionare i profili di giovani che hanno una formazione simile. Conta però anche l'ambiente di lavoro in cui verrà inserito il candidato. «Nelle start-up, l'idea è quella di cambiare le carte in tavola: si cerca magari qualcuno che, per esempio, attraversa regolarmente a nuoto il lago Lemano e ha una personalità grintosa e competitiva», osserva. «Questo non è il caso in tutti i campi».

Lo conferma Marc-Antoine Glauser, avvocato e consulente specializzato in reclutamento in ambito legale, bancario e finanziario per la società Alec Allan. «Sono nella professione da 15 anni e i datori di lavoro non mi hanno mai chiesto questo tipo di competenze», spiega a Le Temps. «Nei nostri campi, le capacità legate al mestiere vengono prima di tutto. Qualcuno che fa sport ad alto livello, per esempio, è apprezzato, ma è davvero solo un 'nice to have'" (cioè utile, ma non necessario). Comunque a suo avviso si tratta di particolarità da inserire nel curriculum. "Ricordo un candidato che aveva scritto semplicemente 'calcio' fra i suoi interessi, anche se era semi-professionista: bisogna essere precisi!».

In Svizzera? «Poco considerate»
In generale comunque non solo le mad skills, ma anche le soft skills sembrano essere ancora poco importanti nella Confederazione. «In Svizzera non ci concentriamo abbastanza sulla personalità, sebbene sia molto importante», si dice convinto Martial Pidoux, direttore delle risorse umane presso Migros Ginevra, a sua volta interrogato dalla testata romanda. «In questo senso, le abilità insolite sono interessanti per me, così come ogni elemento che mi dà una migliore comprensione di come funziona una persona e mi fornisce informazioni sui suoi valori», spiega. «Qualcuno che pratica uno sport estremo, per esempio, e sa prendere rischi calcolati può essere molto utile in certe funzioni, in particolare quelle con responsabilità».

Guia Greaves, consulente nella gestione dei talenti presso Manpower, è però convinta che anche nella repubblica dei 26 Cantoni le cose cambieranno presto. Nel 2020 ha pubblicato una ricerca realizzata in 44 paesi, tra cui la Svizzera, su come le abilità di appassionati giocatori di videogiochi (creatività, risoluzione dei problemi o collaborazione, a seconda del gioco) possono essere trasferiti al mondo del lavoro e quindi attirare l'interesse dei reclutatori. «Lo studio ci dà una buona indicazione di ciò che probabilmente accadrà nei prossimi due o tre anni», dice Greaves a Le Temps. Con la pandemia, è probabile che soft e mad skills acquistino importanza, anche perché, lavorando in parte in remoto, abbiamo bisogno più che mai di leader e dipendenti con capacità umane che possano creare e mantenere un clima di fiducia. A suo avviso la valutazione delle competenze comportamentali è perciò essenziale e non dovrebbe essere relegata in secondo piano.

Quando si tratta di mad skills Greaves invita comunque ad essere prudenti. «Non c'è una correlazione diretta tra la pratica privata e il lavoro: solo perché sei un eccellente giocatore di basket non significa necessariamente che sai lavorare bene in una squadra». Secondo l'esperta è quindi «essenziale valutare ciò che dice il curriculum in un colloquio e in un processo di valutazione».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
REGNO UNITO
14 ore
Nel Regno Unito potrebbe mancare l'alcol per Natale
Un "cocktail perfetto" sta rallentando la distribuzione di superalcolici e bollicine, rendono attenti gli specialisti
SVIZZERA
2 gior
L'agricoltura svizzera? Più resistente alla crisi e sostenibile
L’Ufficio federale dell’agricoltura dà conto dell'espansione del biologico e di un aumento degli acquisti consapevoli
SVIZZERA
3 gior
SIX pensa a trasferire alcune attività all'estero
Via anche la sede principale e la direzione? «È fuori questione»
SVIZZERA
3 gior
Per molte aziende svizzere il 2022 potrebbe essere l'anno del fallimento
Lo sostiene uno studio di A&M che parla di una «bancarotta ritardata da Covid» diffusa a livello nazionale. Ecco perché
ITALIA
3 gior
L'Italia dichiara guerra alle etichette Nutriscore, interviene anche l'Antitrust
Ben l'85% dei prodotti Made in Italy verrebbe bocciato dal sistema di etichettatura che molti paesi stanno già usando.
SVIZZERA
3 gior
La domanda di personale è in forte aumento
Mancano però ingegneri, tecnici, informatici e operatori della sanità, secondo Adecco Svizzera
Cina
4 gior
Le navi mercantili cinesi sono scomparse dai radar
Una nuova legge entrata in vigore il primo novembre potrebbe essere la causa della mancanza d'informazioni
STATI UNITI
4 gior
L'usato di Michael Jordan vale sempre come l'oro
Un paio di "Nike Jordan XIII" saranno battute all'asta da Christie's. Valore stimato? Tra 300mila e 500mila dollari.
SVIZZERA
4 gior
Che sprint per il settore della costruzione
Il fatturato del terzo trimestre è il più elevato degli ultimi tre decenni, ma la SSIC mette in guardia
GIAPPONE
4 gior
Giappone, budget miliardario per i semiconduttori
Le anticipazioni di Nikkei parlano di uno stanziamento pari a 4,87 miliardi di franchi per rilanciare i settori chiave
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile