Keystone
SVIZZERA
21.09.21 - 12:170
Aggiornamento : 14:52

No, le capsule Nespresso non possono essere protette dal diritto dei marchi

La decisione del Tribunale Federale dopo un lunghissimo contenzioso legale portato avanti da Nestlé

LOSANNA - Sconfitta legale per Nestlé: la forma delle capsule Nespresso non può essere protetta dal diritto dei marchi. Il Tribunale federale (TF) ha respinto un ricorso dell'azienda con sede a Vevey (VD) contro una decisione della giustizia vodese.

La capsula era protetta fino al dicembre 1996 da un brevetto concesso alla Société des produits Nestlé SA. Nel giugno 2000, il colosso alimentare ha chiesto all'Istituto federale della proprietà intellettuale (IPI) la registrazione della sua forma.

A differenza del diritto dei brevetti, che protegge un'invenzione per 20 anni, quello dei marchi concede una protezione di 10 anni, rinnovabile indefinitamente.

L'IPI ha inizialmente respinto la richiesta, sostenendo che la forma era banale, che non era incisa nella memoria dei consumatori e che quindi era di dominio pubblico. In queste circostanze, avrebbe dovuto rimanere a disposizione dei concorrenti.

Dopo le critiche di Nestlé, l'IPI ha finito per registrare la forma. La protezione è stata rinnovata per l'ultima volta nel maggio 2020. Nel frattempo, Nestlé ha aperto un contenzioso con la società Ethical Coffee, che ha sviluppato una capsula con una forma simile, compatibile con le macchine Nespresso, non costituita di alluminio ma di fibre vegetali biodegradabili e amido. Queste capsule sono state vendute in Francia e in Svizzera dal 2010.

Nel settembre 2011, Nestlé e Nespresso hanno adito le vie legali nel canton Vaud chiedendo il divieto di vendita di questi dispositivi. Dopo una lunga procedura segnata da diverse perizie, la Corte civile ha respinto la richiesta e ha constatato la nullità del marchio distintivo concesso dall'IPI alla capsula Nespresso.

Il TF, al quale si è appellata Nestlé, è giunto alle stesse conclusioni, ma con motivazioni diverse. La Corte civile vodese aveva concluso che la protezione non era valida nella misura in cui la forma della capsula era di dominio pubblico. Aveva basato la sua decisione su un sondaggio che mostrava che solo il 33% degli interpellati aveva identificato il marchio dalla foto della capsula presentatagli.

Per il TF deve prevalere il motivo di esclusione della necessità tecnica della forma. Ovvero, una forma non può essere registrata come marchio se deve per forza essere usata da un concorrente che vuole commercializzare un prodotto simile. Stando a una perizia, forme leggermente diverse presentano difetti: sono meno resistenti allo schiacciamento quando la macchina è chiusa, sono difficili da estrarre, sono più complesse da fabbricare e sono più costose.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
CINA
1 ora
Dopo il terremoto Evergrande, la Cina rallenta e si scopre un po' più fragile
Crescita azzoppata e molte nubi all'orizzonte, la Repubblica Popolare scampa alla recessione Covid ma cede a sé stessa
FOTO
STATI UNITI
13 ore
MacBook Pro 2021: ecco le “macchine bestiali”
In una presentazione a velocità della luce Apple ha presentato i suoi due nuovi MacBook Pro.
REGNO UNITO
23 ore
Dal Principe William un milione di sterline alla Costa Rica, ma non solo
Il Paese centroamericano è tra i vincitori dei riconoscimenti "Earthshot", creati dal Duca di Cambridge
MONDO
1 gior
Il bilancio ambientale della carne “in vitro”
Per la produzione è necessaria molta energia. La sostenibilità dipende allora dalla provenienza dell'elettricità
STATI UNITI
1 gior
A Hollywood si è evitato lo sciopero
L'industria del cinema rischiava lo stop a causa del contratto con i tecnici che ogni giorno lavorano a film e serie
VAUD
1 gior
Roche chiude i rubinetti della beneficenza
La famiglia Hoffmann si ritira dalla filantropia "tradizionale". «È sbagliata»
SVIZZERA
1 gior
«La Svizzera non deve temere carenze di approvvigionamento»
Secondo il presidente di Galliker Transport, nel nostro paese la situazione è migliore rispetto al resto d'Europa
GERMANIA
2 gior
«L'Europa è particolarmente esposta ai cambiamenti»
Lo ha detto Christine Lagarde, presidente della Bce, nell'ambito della conferenza "La globalizzazione dopo la pandemia"
MONDO
2 gior
La corsa dei Bitcoin non si arresta
La criptovaluta è salita a oltre 62'000 dollari
SVIZZERA
3 gior
Al lavoro sul curriculum? La novità dagli USA: le "mad skills"
Si tratta di competenze atipiche e curiose, come attività artistiche o sport estremi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile