ARCHIVIO KEYSTONE
Da lunedì cambiano le aziende incluse nell'indice di riferimento SMI.
SVIZZERA
17.09.21 - 19:000

Lunedì l'indice SMI cambia faccia: dentro Logitech, esce Swatch

La Borsa di Zurigo segue le evoluzioni provocate dalla pandemia

ZURIGO - Fuori Swatch, dentro Logitech: fra le tante cose il Covid cambia anche la composizione dell'SMI, l'indice di riferimento della borsa svizzera, con un avvicendamento - in vigore da lunedì - che rispecchia l'impatto che la pandemia ha lasciato sull'economia reale.

L'ingresso di Logitech... - Il coronavirus ha dato un enorme impulso alla digitalizzazione e ad approfittarne è stato fra l'altro Logitech, gruppo con sede a Losanna noto in tutto il mondo per i mouse, le tastiere e le webcam. Il telelavoro ha provocato un boom delle vendite dei suoi prodotti e i ricavi l'anno scorso sono così lievitati del 76%.

...e l'uscita di Swatch - Sul fronte opposto Swatch ha sofferto per le restrizioni di viaggio, in Asia e altrove, nonché per le chiusure dei negozi: nel 2020 il più grande produttore di orologi del pianeta ha visto il fatturato crollare del 32% ed è finito nelle cifre rosse per la prima volta da quasi 40 anni.

Dopo 23 anni il titolo Swatch si trova così costretto ad abbandonare lo Swiss Market Index (SMI), cioè l'olimpo dei 20 valori principali della piazza elvetica. «Non potrebbe importarcene di meno», aveva commentato l'azienda - quando si stava profilando l'avvicendamento con Logitech, poi reso noto in luglio - a un periodico economico. E in seguito lo stesso presidente della direzione di Swatch Nick Hayek, noto per il suo rapporto non sempre idilliaco con il mondo della finanza, aveva tagliato corto: «Per noi non cambia nulla», aveva detto. A suo avviso visto che Swatch è il più grande datore di lavoro industriale della Svizzera a perderci è l'SMI, non l'azienda.

Non una novità - I cambiamenti dell'SMI non sono di per sé una novità. Solo 9 delle 20 aziende attualmente rappresentate nell'indice erano già presenti quando è stato fondato 33 anni fa. Ogni anno SIX, la società che gestisce la borsa, determina a inizio estate la classifica delle 20 aziende più grandi in base alla capitalizzazione di mercato e al volume annuale di scambi, annunciando poi i cambiamenti che entrano in vigore in settembre. In tal modo l'SMI riflette il panorama economico elvetico e i suoi sviluppi.

Per evitare cambiamenti troppo frequenti SIX stabilisce un intervallo di tolleranza: Swatch si è ritrovata 24esima nella graduatoria, ormai fuori da questa fascia, e ha quindi dovuto cedere il posto a Logitech, che figura al 16esimo rango.

Esclusione non permanente - L'esclusione dallo SMI non è sempre permanente. Swiss Life era per esempio stata estromessa nel 2010 a favore di Transocean, proprio nell'anno in cui il gruppo con sede nel canton Zugo aveva visto una sua piattaforma petrolifera esplodere nel Golfo del Messico. Sei anni più tardi Transocean si ritirò completamente dalla borsa e Swiss Life riprese il suo posto, che mantiene tuttora.

La storia dello SMI - L'SMI è nato oltre tre decenni or sono, il 30 giugno 1988. Allora partì con 1500 punti e nel frattempo si è moltiplicato per otto. Il punto più basso risale al 14 gennaio 1991, con 1287,60 punti, mentre il massimo è stato raggiungo il 18 agosto di quest'anno con 12'573,43 punti. Il 2021 si sta rivelando positivo: dall'inizio dell'anno la performance supera il 12%.

Per fare i confronti internazionali va peraltro sottolineato che l'SMI - contrariamente ad altri indici, come il DAX tedesco - si basa solo sul corso delle azioni e non ingloba i dividendi e altri cambiamenti di capitale. Può anche essere utile ricordare che dal 2007 l'SMI comprende stabilmente 20 titoli: in precedenza il numero era variato fra un minimo di 18 nel 1993 e un massimo di 29 nel 2000.

Per una società appartenere all'SMI si traduce non solo in prestigio e maggiore visibilità nei confronti degli investitori: in genere comporta anche un aumento del valore delle azioni. L'indice è infatti ampiamente utilizzato come punto di riferimento, con diversi fondi che ne imitano la composizione. Inoltre numerosi investitori istituzionali possono investire solo in titoli che sono rappresentati in determinati indici.

Il caso Kudelski - Diversi anni or sono lo specialista della crittografia Kudelski aveva combattuto contro la retrocessione dall'SMI. «Non sarebbe un buon segnale per l'industria informatica elvetica», aveva detto uno dei principali proprietari dell'azienda, André Kudelski. La sua società infatti era l'unica presente nell'indice attiva nelle tecnologie dell'informazione (IT). Nel 2005 la famiglia Kudelski aveva anche distribuito azioni per aumentare la quota fluttuante su cui si basa la capitalizzazione di mercato calcolata da SIX. Ma non era stato sufficiente: l'anno seguente Kudelski era uscita dall'SMI e da allora nessun gruppo IT ha fatto parte di quelle che nel gergo borsistico vengono chiamate blue chip, dal nome delle fiche con il valore più alto usate nel gioco d'azzardo, che sono appunto di colore blu.

I tre del listino - A dominare l'SMI rimangono comunque sempre i tre pesi massimi Nestlé, Novartis e Roche, che insieme rappresentano oltre il 40% dell'indice. Tradizionalmente una componente importante, le banche hanno perso molto terreno dalla crisi finanziaria. Due anni fa, per esempio, l'istituto Julius Bär ha lasciato spazio ad Alcon, la società attiva nell'oftalmologia scorporata da Novartis. Il segmento farmaceutico è così il più importante rappresentato nell'indice.

Per completezza d'informazione, ecco i 19 titoli che - oltre a Logitech - da lunedì comporranno l'indice, in ordine di capitalizzazione: Nestlé, Novartis, Roche, Zurich, UBS, ABB, Richemont, Lonza, Sika, Alcon, Givaudan, Holcim, Swisscom, Credit Suisse, Partners Group, Swiss Re, Geberit, SGS e Swiss Life.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
REGNO UNITO
11 ore
Dal Principe William un milione di sterline alla Costa Rica, ma non solo
Il Paese centroamericano è tra i vincitori dei riconoscimenti "Earthshot", creati dal Duca di Cambridge
MONDO
1 gior
Il bilancio ambientale della carne “in vitro”
Per la produzione è necessaria molta energia. La sostenibilità dipende allora dalla provenienza dell'elettricità
STATI UNITI
1 gior
A Hollywood si è evitato lo sciopero
L'industria del cinema rischiava lo stop a causa del contratto con i tecnici che ogni giorno lavorano a film e serie
VAUD
1 gior
Roche chiude i rubinetti della beneficenza
La famiglia Hoffmann si ritira dalla filantropia "tradizionale". «È sbagliata»
SVIZZERA
1 gior
«La Svizzera non deve temere carenze di approvvigionamento»
Secondo il presidente di Galliker Transport, nel nostro paese la situazione è migliore rispetto al resto d'Europa
GERMANIA
2 gior
«L'Europa è particolarmente esposta ai cambiamenti»
Lo ha detto Christine Lagarde, presidente della Bce, nell'ambito della conferenza "La globalizzazione dopo la pandemia"
MONDO
2 gior
La corsa dei Bitcoin non si arresta
La criptovaluta è salita a oltre 62'000 dollari
SVIZZERA
3 gior
Al lavoro sul curriculum? La novità dagli USA: le "mad skills"
Si tratta di competenze atipiche e curiose, come attività artistiche o sport estremi
Regno Unito
3 gior
Banksy: 25 milioni per l'opera che si è distrutta all'ultima asta
Si tratta della nota "Girl With Balloon", la cui metà inferiore è rimasta "triturata" nel 2018
MONDO
3 gior
Scatto del bitcoin, si riporta a quasi 60'000 dollari
La criptovaluta gode del vento in poppa dell'atteso via libera, negli Stati Uniti, del suo primo ETF sui futures
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile