Archivio Depositphotos
SVIZZERA
16.08.21 - 07:340
Aggiornamento : 10:33

Nelle aziende la parità dei sessi è rispettata (quasi sempre)

Secondo un'analisi dell'Università di San Gallo, il 97% delle imprese elvetiche non fa differenza tra uomo e donna

BERNA - Differenze salariali tra uomini e donne? Sono meno di quanto ci si potrebbe aspettare: il 97% delle aziende svizzere rispetterebbe, infatti, la legge federale sulla parità dei sessi. È il sorprendente risultato a cui giunge un'analisi condotta dall'Università di San Gallo su incarico del Parlamento elvetico. Per la maggior parte delle imprese - come reso noto dalla NZZ am Sonntag - si parla di un risultato «da buono fino a molto buono», afferma l'economista Theresa Goop.

Tale situazione sembra essere confermata anche da un rilevamento dell'azienda Comp-on di Aarau, che ha preso in considerazione 200 imprese con complessivamente 150'000 dipendenti. Secondo il sondaggio, il 95% di queste soddisfa i requisiti della legge sulla parita dei sessi. E il cofondatore di Comp-on, Marc Pieren, parla di «risultato positivo per l'economia», in quanto «le imprese prendono sul serio la questione della parità salariale».

Tuttavia, le analisi mostrano che tra uomini e donne permane un divario salariale del 20%. Ma non si tratta sempre di discriminazione. La motivazione è spesso un'altra, come sottolinea ancora Pieren dalle colonne del domenicale: «In quelle aziende in cui in cui gli uomini guadagnano più delle donne, in genere la differenza è dovuta ad altro, per esempio che più uomini occupano posizioni dirigenziali».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
ITALIA / SVIZZERA
2 ore
Garage Italia ceduta in Lussemburgo, ecco perché Lapo Elkann si è dimesso
Emergono nuovi dettagli sulla decisione dell'imprenditore di lasciare: una cessione ai lussemburghesi
GERMANIA
5 ore
L'aeroporto di Francoforte-Hahn è in insolvenza
È da anni che il numero di passeggeri era in calo, ancor prima della crisi legata al coronavirus
REGNO UNITO
8 ore
Commercio internazionale, Londra non respingerà Pechino
L'apertura del premier Boris Johnson alla Cina in occasione del "Global Investment Summit". Ma «non saremo ingenui»
SVIZZERA/ITALIA
9 ore
Lapo Elkann ha dato le dimissioni dall'ormai "svizzera" Garage Italia
Non sarà più il Presidente del Cda di Garage Italia Customs, di proprietà della basilese Youngtimers
CINA
11 ore
Dopo il terremoto Evergrande, la Cina rallenta e si scopre un po' più fragile
Crescita azzoppata e molte nubi all'orizzonte, la Repubblica Popolare scampa alla recessione Covid ma cede a sé stessa
FOTO
STATI UNITI
1 gior
MacBook Pro 2021: ecco le “macchine bestiali”
In una presentazione a velocità della luce Apple ha presentato i suoi due nuovi MacBook Pro.
REGNO UNITO
1 gior
Dal Principe William un milione di sterline alla Costa Rica, ma non solo
Il Paese centroamericano è tra i vincitori dei riconoscimenti "Earthshot", creati dal Duca di Cambridge
MONDO
2 gior
Il bilancio ambientale della carne “in vitro”
Per la produzione è necessaria molta energia. La sostenibilità dipende allora dalla provenienza dell'elettricità
STATI UNITI
2 gior
A Hollywood si è evitato lo sciopero
L'industria del cinema rischiava lo stop a causa del contratto con i tecnici che ogni giorno lavorano a film e serie
VAUD
2 gior
Roche chiude i rubinetti della beneficenza
La famiglia Hoffmann si ritira dalla filantropia "tradizionale". «È sbagliata»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile