Keystone
SVIZZERA
04.08.21 - 12:020

«L'economia elvetica non si farà scalfire dalla Delta»

È quanto sostiene il Centro di ricerca KOF, del Politecnico di Zurigo

In generale, l'economia svizzera è in forte ripresa, in quasi tutti i settori

ZURIGO - L'economia Svizzera si è ripresa alla grande, su tutta la linea: la situazione economica delle imprese svizzere è migliore rispetto all'inizio dell'anno 2019/20, e le aziende sono fiduciose sugli sviluppi futuri.

È quanto emerge dall'indicatore sulla situazione delle aziende (Business Situation Indicator) del Centro di ricerca KOF, del Politecnico di Zurigo.

Sebbene l'aumento sia visibile in tutti i settori esaminati, ci sono differenze tra un comparto e l'altro: nel settore manifatturiero, nel commercio al dettaglio, all'ingrosso e nei servizi finanziari e assicurativi, la situazione degli affari è attualmente molto positiva, e la ripresa economica è molto forte. Nei settori dell'edilizia e della progettazione, la situazione degli affari è attualmente buona, mentre nel settore alberghiero e della ristorazione e tra gli altri fornitori di servizi è lontana dal tornare ai livelli pre-crisi, nonostante una distensione. 

Paura della Delta? Poca
Il KOF si aspetta un'alta crescita del PIL in Svizzera nonostante la diffusione della variante Delta. In parte grazie alla campagna vaccinale, ma soprattutto poiché il KOF non crede che la politica reintrodurrà misure di protezione «drastiche».

Anche nel contesto internazionale, il KOF non vede attualmente rischi economici significativamente più elevati per la Svizzera a causa della diffusione della variante delta. Il numero di decessi e di ricoveri rimane infatti basso, soprattutto nelle economie avanzate e «particolarmente importanti per l'industria svizzera delle esportazioni».

Per questo motivo, qualsiasi nuovo intervento politico per prevenire la diffusione del virus, in particolare in Europa e negli Stati Uniti, avrà probabilmente poco effetto sull'attività economica e quindi sulla domanda di esportazione di prodotti e servizi svizzeri.

Occhio all'approvvigionamento
I risultati mostrano infine che a causa dell'aumento della domanda e delle catene di approvvigionamento che non funzionano ancora bene, la disponibilità di prodotti e materiali intermedi «sta diventando più scarsa».

Nel commercio all'ingrosso, nell'edilizia, nella produzione e nella vendita al dettaglio, le aziende si lamentano ampiamente del fatto che la carenza di input «stia ostacolando le loro attività commerciali».

I grossisti si aspettano poi che i tempi di consegna continuino ad aumentare, il che indica che la carenza di prodotti primari «continuerà ancora».

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
REGNO UNITO
18 ore
Crisi dei trasporti? In arrivo «visti temporanei» per i camionisti
Il Governo britannico è al lavoro per trovare soluzioni urgenti alla crisi in corso
FRANCIA
1 gior
Kering: stop all'uso di pellicce animali
Nessuna casa di moda del gruppo francese lavorerà più con questo materiale
REGNO UNITO
1 gior
Code ai distributori, per i timori di una carenza di benzina
Le rassicurazioni del Governo britannico non stanno avendo l'effetto sperato
CINA
1 gior
«Tutte le transazioni in criptovaluta sono illegali»
Lo ha comunicato la Banca centrale cinese, ribadendo il proprio pugno duro contro le cripto
CINA
1 gior
Scadenza mancata, Evergrande verso il default
Non ha avuto luogo un pagamento di 83,5 milioni in scadenza ieri, la situazione si fa sempre più cupa
SVIZZERA
2 gior
Sunrise-UPC verso un marchio unico
Lo ha affermato il CEO dell'azienda nata dalla fusione tra Sunrise e UPC, André Krause
SVIZZERA
2 gior
Cinque aziende famigliari svizzere nella Top 100 globale
Quella che occupa la posizione più alta è Roche, al 16esimo posto
UNIONE EUROPEA
2 gior
La mossa europea: un caricatore unico per tutti i dispositivi
Oltre al caricabatterie comune, «non vanno più venduti» nuovi cavi per ogni dispositivo acquistato
STATI UNITI
2 gior
Porti californiani invasi dalle merci
Dopo un drastico cale delle importazioni, il mercato è ripartito alla grande
SVIZZERA
2 gior
Con un nuovo lockdown «sparirebbe una piccola impresa su cinque»
Per il 19% degli imprenditori un nuovo confinamento significherebbe quasi sicuramente la chiusura definitiva
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile