Depositphotos (zhuzhu)
Non si è ancora assistito a un ritorno in Svizzera o Europa della produzione industriale delocalizzata in Asia.
SVIZZERA
03.08.21 - 14:450

Ritorno della produzione industriale in Svizzera? Per ora più parole che fatti

Il costo dei trasporti e la guerra dei dazi potrebbero cambiare le carte in tavola nel prossimo futuro

ZURIGO - Un ritorno in Svizzera o in altri paesi europei della produzione industriale oggi in Asia, sulla scia del coronavirus? Se ne era parlato tanto, ma finora si visto poco. Se i costi di trasporto globale continueranno a salire gli esperti non escludono comunque che la situazione possa mutare.

Quando nella primavera 2020 le catene planetarie di produzione e di approvvigionamento furono scosse dallo scoppio della pandemia di Covid-19, con conseguenti interruzioni talvolta prolungate delle forniture, molte voci si levarono nella Confederazione e nel resto del vecchio continente per auspicare un ritorno a casa (reshoring in inglese, in opposizione all'offshoring) di fabbriche e quant'altro. Un anno e mezzo dopo si può dire che non è facile concretizzare le idee in questione.

«Una delocalizzazione richiede che la produzione sia fermata, le macchine caricate sulle navi, spostate, scaricate e installate nella nuova sede», spiega all'agenzia Awp Naoufel Cheikhrouhou, professore di logistica e gestione della catena di approvvigionamento alla Scuola universitaria professionale di Ginevra. Un'azienda deve mettere in conto circa sei mesi per il trasloco: «Poche imprese possono permetterselo».

Ma ora la guerra dei dazi in atto fra gli Stati Uniti e Cina, nonché l'aumento dei costi di trasporto potrebbero cambiare le carte in tavola, ritiene Agnes Zsofia Nagy, una consulente specializzata in catene di fornitura. Se lo spostamento dei prodotti in container o in aereo diventa più costoso, il trasferimento delle fasi di produzione in Europa diventerà probabilmente un tema attuale per alcune aziende.

Ad alimentare il dibattito su un rientro della produzione sono anche le continue incertezze legate alla pandemia, prosegue l'esperta. Molte società probabilmente soppeseranno costi e i benefici e nei prossimi sei o dodici mesi valuteranno se procedere con un rimpatrio.

Ma Cheikhrouhou fa presente che vi sono anche soluzioni intermedie, per esempio nella cooperazione con altre aziende. Il professore cita come esempio Swiss Microtech, una rete di produttori romandi di componenti di alta precisione per l'industria orologiera: quando è scoppiata la crisi le imprese hanno condiviso scorte e materie prime, riuscendo a proseguire la produzione durante il periodo difficile. Sono pratiche che potrebbero essere immaginate anche in altri settori, aggiunge lo specialista.

Il rientro della produzione o almeno di parti della catena del valore aggiunto è anche una preoccupazione dei sindacati. Tuttavia dallo scoppio della crisi del coronavirus non c'è stato quasi nessun rimpatrio di unità di produzione precedentemente esternalizzate all'estero, afferma Magnus Meister di Unia. A suo avviso il problema è anche politico: contrariamente a quanto avviene negli Stati Uniti o in altri paesi in Svizzera manca una politica industriale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
6 ore
«Prima costavano 80 centesimi, adesso anche 300 franchi»
La crisi dei chip raccontata dell'interno di un'azienda svizzera colpita: «Sono settimane che le macchine sono spente».
ITALIA
7 ore
Ita Airways, atterraggio non consentito in caso di nebbia
Lo prevedono le norme internazionali per le compagnie durante il periodo di "rodaggio"
MONDO
10 ore
Harvard, MIT, Stanford: ecco le migliori università al mondo
Il Politecnico federale di Zurigo è il quinto istituto in Europa e il 26esimo su scala globale
SVIZZERO
13 ore
Posta nel mirino, Cirillo si difende
Il numero uno del gigante giallo risponde alle accuse per le recenti acquisizioni aziendali
STATI UNITI
15 ore
Mai nessuno è stato ricco tanto quanto Elon Musk
Merito dell'exploit di lunedì, con l'annuncio dell'acquisto di 100mila Tesla da parte di Hertz
SVIZZERA
17 ore
Logitech, fatturato oltre le attese
Cala però la redditività nel terzo trimestre, con più spese per il marketing e d'investimenti in ricerca e sviluppo
SVIZZERA
19 ore
Terzo trimestre proficuo per UBS, ha guadagnato oltre due miliardi
Si tratta di un aumento dell'8,9% su base annua. Una performance superiore alle attese degli analisti.
Stati Uniti
20 ore
Sono passati vent'anni dal lancio del primo iPod
Il lettore rivoluzionario che Steve Jobs presentava come «il lettore che contiene mille canzoni e sta nella mia tasca»
SVIZZERA
1 gior
Il governo Draghi blocca Syngenta
Negata l'acquisizione della produttrice di sementi Verisem, che è stata giudicata d'importanza strategica
SVIZZERA
1 gior
I prezzi delle auto rischiano di salire
La colpa è della mancanza di componenti. E dei prezzi alle stelle delle materie prime
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile