Depositphotos (zhuzhu)
Non si è ancora assistito a un ritorno in Svizzera o Europa della produzione industriale delocalizzata in Asia.
SVIZZERA
03.08.21 - 14:450

Ritorno della produzione industriale in Svizzera? Per ora più parole che fatti

Il costo dei trasporti e la guerra dei dazi potrebbero cambiare le carte in tavola nel prossimo futuro

ZURIGO - Un ritorno in Svizzera o in altri paesi europei della produzione industriale oggi in Asia, sulla scia del coronavirus? Se ne era parlato tanto, ma finora si visto poco. Se i costi di trasporto globale continueranno a salire gli esperti non escludono comunque che la situazione possa mutare.

Quando nella primavera 2020 le catene planetarie di produzione e di approvvigionamento furono scosse dallo scoppio della pandemia di Covid-19, con conseguenti interruzioni talvolta prolungate delle forniture, molte voci si levarono nella Confederazione e nel resto del vecchio continente per auspicare un ritorno a casa (reshoring in inglese, in opposizione all'offshoring) di fabbriche e quant'altro. Un anno e mezzo dopo si può dire che non è facile concretizzare le idee in questione.

«Una delocalizzazione richiede che la produzione sia fermata, le macchine caricate sulle navi, spostate, scaricate e installate nella nuova sede», spiega all'agenzia Awp Naoufel Cheikhrouhou, professore di logistica e gestione della catena di approvvigionamento alla Scuola universitaria professionale di Ginevra. Un'azienda deve mettere in conto circa sei mesi per il trasloco: «Poche imprese possono permetterselo».

Ma ora la guerra dei dazi in atto fra gli Stati Uniti e Cina, nonché l'aumento dei costi di trasporto potrebbero cambiare le carte in tavola, ritiene Agnes Zsofia Nagy, una consulente specializzata in catene di fornitura. Se lo spostamento dei prodotti in container o in aereo diventa più costoso, il trasferimento delle fasi di produzione in Europa diventerà probabilmente un tema attuale per alcune aziende.

Ad alimentare il dibattito su un rientro della produzione sono anche le continue incertezze legate alla pandemia, prosegue l'esperta. Molte società probabilmente soppeseranno costi e i benefici e nei prossimi sei o dodici mesi valuteranno se procedere con un rimpatrio.

Ma Cheikhrouhou fa presente che vi sono anche soluzioni intermedie, per esempio nella cooperazione con altre aziende. Il professore cita come esempio Swiss Microtech, una rete di produttori romandi di componenti di alta precisione per l'industria orologiera: quando è scoppiata la crisi le imprese hanno condiviso scorte e materie prime, riuscendo a proseguire la produzione durante il periodo difficile. Sono pratiche che potrebbero essere immaginate anche in altri settori, aggiunge lo specialista.

Il rientro della produzione o almeno di parti della catena del valore aggiunto è anche una preoccupazione dei sindacati. Tuttavia dallo scoppio della crisi del coronavirus non c'è stato quasi nessun rimpatrio di unità di produzione precedentemente esternalizzate all'estero, afferma Magnus Meister di Unia. A suo avviso il problema è anche politico: contrariamente a quanto avviene negli Stati Uniti o in altri paesi in Svizzera manca una politica industriale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
STATI UNITI
1 ora
Dati manipolati per favorire la Cina? Bufera su Georgieva
Il caso riguarda i rapporti 2018 e 2020 di "Doing Business", realizzati dalla Banca Mondiale
SVIZZERA
4 ore
Nuove case da gioco, decisione non prima di un anno
Quelle in essere scadranno il 31 dicembre 2024
SVIZZERA
4 ore
«Oggi non siamo d'accordo su cosa significhi sostenibilità»
Servono regole globali così da evitare le accuse di 'greenwashing', secondo la responsabile UBS per l'Europa
SVIZZERA
6 ore
Il Covid fa trasformare Ricola, «in arrivo nuovi prodotti»
Il celebre marchio elvetico sta per lanciare una nuova linea di caramelle
CINA
8 ore
Evergrande, un altro pesante tonfo in Borsa: -13%
L'azienda è ancora in bilico tra un disastroso tracollo, un collasso gestito, o un salvataggio del Governo
Stati Uniti
11 ore
Le Pagine Gialle sbarcano su WhatsApp, in arrivo pubblicità e Marketplace
L'azienda di messaggistica vuole sfruttare la crescita dei negozi nell'online, esplosa durante la pandemia
Irlanda
22 ore
Ryanair apre 5'000 nuove posizioni per il personale di bordo
La compagnia torna alla carica a discapito di chi non ce l'ha fatta o ha ridotto l'offerta
Svezia
1 gior
A questo ritmo, nel 2100 mancheranno lo zucchero, il caffè e il mais
Lo sostiene uno studio svedese secondo il quale i nostri ritmi attuali non possono adattarsi alla crisi climatica
SVIZZERA
1 gior
Disoccupazione, Svizzera peggio della Germania
Si è registrato un calo rispetto ai primi tre mesi dell'anno, ma un aumento rispetto all'estate 2020
STATI UNITI
1 gior
Le scarpe svizzere On hanno fatto il botto a Wall Street, e Roger Federer c'entra solo un po'
Il marchio svizzero, quotato ieri alla borsa Usa, ha convinto gli investitori e ora vale 11 miliardi di dollari
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile