Depositphotos (puhfoto)
In calo le immatricolazioni di auto nuove nel mese di luglio: colpa della crisi dei semiconduttori.
SVIZZERA
03.08.21 - 12:020

La crisi dei semiconduttori frena le vendite di auto nuove

È il peggior mese di luglio del nuovo millennio, secondo Auto-Svizzera

BERNA - La crisi mondiale dei semiconduttori ha un notevole impatto anche sul mercato automobilistico elvetico: in luglio sono state immatricolate 19'422 vetture nuove in Svizzera, il 14% in meno dello stesso mese del 2020 e il 24% in meno del corrispondente periodo del 2019.

Si tratta del peggior mese di luglio del nuovo millennio, commenta l'associazione degli importatori Auto-Svizzera in un comunicato odierno. «Attualmente stiamo vivendo il punto più profondo della crisi dei semiconduttori, che ci sta colpendo più duramente del previsto», afferma il direttore dell'organizzazione Andreas Burgener, citato nella nota. «La carenza di componenti elettronici e di chip presso i produttori e i fornitori ha assunto proporzioni enormi. Tuttavia vediamo la luce alla fine del tunnel e speriamo che la situazione si normalizzi nel quarto trimestre». Secondo lo specialista è probabile che nel 2022 non vi saranno più difficoltà.

Intanto è proseguita anche in luglio la tendenza a un aumento delle auto con motori alternativi (elettrici, ibridi, gas). La relativa quota di mercato ha raggiunto il 41%, il doppio del 22% del corrispondente periodo dell'anno scorso. Sempre molto gettonati rimangono inoltre i 4x4: il 45% dei veicoli che hanno lasciato i concessionari avevano la trazione integrale.

Passando ai dati complessivi del 2021, dall'inizio di gennaio sono state 143'969 le vetture vendute, con una progressione del 14% rispetto ai primi sette mesi del 2020, caratterizzato dalla pandemia. Il marchio più gettonato rimane Volkswagen (15'992 vetture vendute nei primi sette mesi), davanti a Mercedes (13'745), BMW (12'778) Skoda (11'220), Audi (10'577), Seat/Cupra (8583) e Toyota (6341).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
STATI UNITI
2 ore
Dati manipolati per favorire la Cina? Bufera su Georgieva
Il caso riguarda i rapporti 2018 e 2020 di "Doing Business", realizzati dalla Banca Mondiale
SVIZZERA
5 ore
Nuove case da gioco, decisione non prima di un anno
Quelle in essere scadranno il 31 dicembre 2024
SVIZZERA
6 ore
«Oggi non siamo d'accordo su cosa significhi sostenibilità»
Servono regole globali così da evitare le accuse di 'greenwashing', secondo la responsabile UBS per l'Europa
SVIZZERA
8 ore
Il Covid fa trasformare Ricola, «in arrivo nuovi prodotti»
Il celebre marchio elvetico sta per lanciare una nuova linea di caramelle
CINA
10 ore
Evergrande, un altro pesante tonfo in Borsa: -13%
L'azienda è ancora in bilico tra un disastroso tracollo, un collasso gestito, o un salvataggio del Governo
Stati Uniti
12 ore
Le Pagine Gialle sbarcano su WhatsApp, in arrivo pubblicità e Marketplace
L'azienda di messaggistica vuole sfruttare la crescita dei negozi nell'online, esplosa durante la pandemia
Irlanda
23 ore
Ryanair apre 5'000 nuove posizioni per il personale di bordo
La compagnia torna alla carica a discapito di chi non ce l'ha fatta o ha ridotto l'offerta
Svezia
1 gior
A questo ritmo, nel 2100 mancheranno lo zucchero, il caffè e il mais
Lo sostiene uno studio svedese secondo il quale i nostri ritmi attuali non possono adattarsi alla crisi climatica
SVIZZERA
1 gior
Disoccupazione, Svizzera peggio della Germania
Si è registrato un calo rispetto ai primi tre mesi dell'anno, ma un aumento rispetto all'estate 2020
STATI UNITI
1 gior
Le scarpe svizzere On hanno fatto il botto a Wall Street, e Roger Federer c'entra solo un po'
Il marchio svizzero, quotato ieri alla borsa Usa, ha convinto gli investitori e ora vale 11 miliardi di dollari
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile