Depositphotos (puhfoto)
In calo le immatricolazioni di auto nuove nel mese di luglio: colpa della crisi dei semiconduttori.
SVIZZERA
03.08.21 - 12:020

La crisi dei semiconduttori frena le vendite di auto nuove

È il peggior mese di luglio del nuovo millennio, secondo Auto-Svizzera

BERNA - La crisi mondiale dei semiconduttori ha un notevole impatto anche sul mercato automobilistico elvetico: in luglio sono state immatricolate 19'422 vetture nuove in Svizzera, il 14% in meno dello stesso mese del 2020 e il 24% in meno del corrispondente periodo del 2019.

Si tratta del peggior mese di luglio del nuovo millennio, commenta l'associazione degli importatori Auto-Svizzera in un comunicato odierno. «Attualmente stiamo vivendo il punto più profondo della crisi dei semiconduttori, che ci sta colpendo più duramente del previsto», afferma il direttore dell'organizzazione Andreas Burgener, citato nella nota. «La carenza di componenti elettronici e di chip presso i produttori e i fornitori ha assunto proporzioni enormi. Tuttavia vediamo la luce alla fine del tunnel e speriamo che la situazione si normalizzi nel quarto trimestre». Secondo lo specialista è probabile che nel 2022 non vi saranno più difficoltà.

Intanto è proseguita anche in luglio la tendenza a un aumento delle auto con motori alternativi (elettrici, ibridi, gas). La relativa quota di mercato ha raggiunto il 41%, il doppio del 22% del corrispondente periodo dell'anno scorso. Sempre molto gettonati rimangono inoltre i 4x4: il 45% dei veicoli che hanno lasciato i concessionari avevano la trazione integrale.

Passando ai dati complessivi del 2021, dall'inizio di gennaio sono state 143'969 le vetture vendute, con una progressione del 14% rispetto ai primi sette mesi del 2020, caratterizzato dalla pandemia. Il marchio più gettonato rimane Volkswagen (15'992 vetture vendute nei primi sette mesi), davanti a Mercedes (13'745), BMW (12'778) Skoda (11'220), Audi (10'577), Seat/Cupra (8583) e Toyota (6341).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
1 ora
Niente paura: «A Natale i giocattoli non mancheranno»
Franz Carl Weber ha giocato d'anticipo con le ordinazioni. La situazione è un po' più tesa sul fronte dell'elettronica
CANTONE
3 ore
Il successo riassunto in 101 storie
Presentato il libro che raccoglie le storie di chi concretamente ha contribuito ad arricchire il nostro cantone.
ITALIA
4 ore
Il primo sciopero del sindacato dei lavoratori da remoto
La protesta della Smart Worker Union è incentrata sulle linee guida nella pubblica amministrazione
SVIZZERA
6 ore
Prospettive economiche: analisti meno fiduciosi
Cresce la prudenza a riguardo del futuro della congiuntura elvetica
Regno Unito
9 ore
Foto di cibo e non alimenti veri per riempire gli scaffali vuoti
Reparti troppo grandi o penuria nell’approvvigionamento: così i supermercati britannici ci “mettono la pezza”
SVIZZERA
20 ore
«Prima costavano 80 centesimi, adesso anche 300 franchi»
La crisi dei chip raccontata dall'interno di un'azienda svizzera colpita: «Sono settimane che le macchine sono spente».
ITALIA
22 ore
Ita Airways, atterraggio non consentito in caso di nebbia
Lo prevedono le norme internazionali per le compagnie durante il periodo di "rodaggio"
MONDO
1 gior
Harvard, MIT, Stanford: ecco le migliori università al mondo
Il Politecnico federale di Zurigo è il quinto istituto in Europa e il 26esimo su scala globale
SVIZZERO
1 gior
Posta nel mirino, Cirillo si difende
Il numero uno del gigante giallo risponde alle accuse per le recenti acquisizioni aziendali
STATI UNITI
1 gior
Mai nessuno è stato ricco tanto quanto Elon Musk
Merito dell'exploit di lunedì, con l'annuncio dell'acquisto di 100mila Tesla da parte di Hertz
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile