keystone
SVIZZERA/ITALIA
10.07.21 - 14:050
Aggiornamento : 17:21

«Questa è la fine dei paradisi fiscali»

Il G20 si appresta a firmare un accordo importante per la Svizzera. E forse anche positivo

Un'aliquota minima del 15 per cento per le multinazionali: dopo il segreto bancario, un altro colpo alla competizione fiscale. Ma per l'esperto dell'Ocse Pascal Saint-Amans, il nostro paese ne trarrà più vantaggi che danni

VENEZIA - La prevista riforma dell'imposizione degli utili delle grandi aziende con un'aliquota minima del 15% non elimina completamente la concorrenza fiscale, ma la limita. Secondo Pascal Saint-Amans, direttore del centro Ocse per la politica fiscale, anche la Svizzera ne beneficerebbe.

Le nuove regole prevedono un equilibrio fra piccoli e grandi paesi, ha detto Saint-Amans in un'intervista alla Neue Zürcher Zeitung. L'obiettivo è quello di ripristinare la stabilità del sistema fiscale internazionale. Se la Svizzera dovesse rifiutarsi di adeguare la tassazione delle imprese con un voto popolare, dovrebbe sopportarne le conseguenze.

La Confederazione beneficia molto della globalizzazione. I paesi si accordano su regole comuni per evitare iniziative isolate. Se la Svizzera accetta queste regole e le rispetta, godrà dei vantaggi associati e della certezza del diritto. Se invece si esprimerà contro, dovrà vivere con le conseguenze poiché gli altri stati adotteranno misure per proteggersi.

In merito alle riforme fiscali il dirigente Ocse ha sottolineato che ogni stato è libero di promuovere la ricerca e lo sviluppo con strumenti diversi, a patto che l'aliquota fiscale effettiva non scenda sotto il 15% e che la ricerca sia svolta a livello locale.

L'accordo approvato dall'OCSE non è solo «equilibrato ed equo» ma mette anche fine a «un ciclo di ingegneria fiscale aggressiva e di riduzione degli introiti fiscali per gli stati». Ci sarà un prima e un dopo, ha aggiunto Saint-Amans, intervistato dalla Tribune de Genève e da 24 Heures.

La maggioranza dei paesi dell'OCSE (131 su 139) compresa la Svizzera, hanno aderito all'accordo, ha detto. «Speriamo che questo sia solo l'inizio. Nel 2009, abbiamo posto fine al segreto bancario; questa è stata una prima parte. Nel 2012, abbiamo affrontato la sotto-tassazione delle multinazionali; ora è la fine dei paradisi fiscali», osserva.

La Svizzera ha aderito all'accordo, ma ha posto delle condizioni. In particolare, chiede che gli interessi dei piccoli paesi innovativi siano esplicitamente presi in considerazione nella formulazione finale delle regole e chiede un'applicazione uniforme delle nuove direttive.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
STATI UNITI
1 ora
Fed verso il ritiro degli stimoli all'economia
Se l'inflazione diventerà un problema, risponderemo con gli strumenti a disposizione» assicura il presidente Powell
SVIZZERA
2 ore
Media, più collaborazione per far fronte ai colossi della Rete
L'esortazione di Simonetta Sommaruga: mettere in atto le giuste condizioni quadro e trovare soluzioni comuni concrete
SVIZZERA
6 ore
Lonza investe in Svizzera e crea 70 posti di lavoro
L'azienda farmaceutica amplierà le capacità dello stabilimento di Stein am Rhein
SVIZZERA
9 ore
Swiss riabbraccia diverse mete, tra cui New York
Quest'inverno la compagnia elvetica tornerà a offrire le proprie tratte classiche, sebbene a frequenza ridotta
LITUANIA
11 ore
«Con questi telefonini 5G cinesi, la privacy è a rischio»
L'allarme del governo lituano che punta il dito contro tre nuovi modelli di Huawei, OnePlus e Xiaomi
CINA
14 ore
Evergrande, una prima mossa contro il default
Si tratta di un piccolo sospiro di sollievo per i mercati globali, ma la situazione rimane tesa
Stati Uniti
17 ore
In aumento i costi delle spese natalizie: alberi più cari del 25%
La richiesta supera la disponibilità e le spedizioni costano fior fior di soldi ai distributori
STATI UNITI
1 gior
Bezos dona un miliardo di dollari per il clima
L'imprenditore ha preso la decisione dopo aver osservato la terra dallo spazio
SVIZZERA
1 gior
No, le capsule Nespresso non possono essere protette dal diritto dei marchi
La decisione del Tribunale Federale dopo un lunghissimo contenzioso legale portato avanti da Nestlé
Cina
1 gior
L'armata dei 50 centesimi, o come la Cina cerca d'influenzare se stessa
Propaganda, disinformazione e manipolazione. Così in 13 anni la Cina ha investito 16,9 miliardi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile