Depositphotos (nikuwka)
Per i vini svizzeri l'annata 2020 è stata contrastata.
SVIZZERA
09.07.21 - 16:490

Vino svizzero: nel 2020 bene a casa, male fuori

La pandemia ha esacerbato una crisi «di natura strutturale» nel settore

BERNA - Per i vini svizzeri l'annata 2020 è stata contrastata. Durante la pandemia, il consumo privato di vino indigeno è risultato in crescita, ma i ristoratori e gli albergatori non sono stati in grado di effettuare ordini sufficienti per compensare i mancati guadagni della primavera.

L'Ecole hôtelière di Losanna e la Haute école de viticulture et œnologie di Changins (VD) hanno pubblicato oggi il loro studio avviato nel 2020 sull'impatto del Covid-19 sui vini svizzeri. Dal documento emerge che al di là della pandemia il settore è confrontato con una crisi strutturale.

Sale il consumo privato - Dal bilancio risulta che i privati cittadini hanno consumato e acquistato più vino. Alcuni viticoltori in Svizzera parlano di una forte crescita e di una solidarietà generalizzata durante l'estate 2020. Non si può però dire la stessa cosa per i rivenditori, soprattutto nel settore alberghiero. Inoltre, le vendite di vino nel settore degli eventi sono crollate.

L'importanza di siti e pubblicità - Insomma i produttori che se la sono cavata meglio sono quelli che beneficiano di una vasta clientela privata e sono capaci di raggiungerla efficacemente. Diversi viticoltori sottolineano l'importanza di avere un sito web conviviale. La pubblicità tramite la posta e la presenza sui social network sembrano pure aver contribuito a mantenere i legami con i clienti, stando allo studio.

I produttori di vino hanno potuto beneficiare di azioni locali o regionali (DireQt, WelQome, Kariyon) che hanno funzionato bene e di altre iniziative locali molto efficaci. Tali offerte sono state una ghiotta opportunità per riavvicinarsi ai consumatori.

Differenze importanti - I "viticoltori indipendenti" hanno generalmente sopportato meglio la crisi. Per taluni, addirittura, il 2020 si annuncia come «la migliore annata mai vista». I "grandi produttori" hanno a loro volta limitato i danni, grazie ad azioni di comunicazione e marketing e alla riduzione dei loro margini.

I "viticoltori intermedi", che commercializzano soltanto una parte limitata della loro produzione, sono stati confrontati con una clientela meno accessibile, una domanda fiacca di uva e mosto e una pressione sui prezzi. La situazione dei "micro-viticoltori", già difficile prima della crisi, è peggiorata. I problemi in questo caso sono di ordine strutturale e si caratterizzano in particolare da una forte dipendenza con un numero limitato d'intermediari.

Crisi strutturale - La pandemia ha esacerbato gli squilibri già esistenti nel settore. «La crisi è di natura strutturale: la viticoltura svizzera deve far fronte a diversi problemi che sono cresciuti negli ultimi anni», sottolinea lo studio.

I produttori sono in particolare confrontati con la complessità del mercato svizzero, dove «tutto è frammentato e soggetto al regionalismo» e in cui una soluzione unica non esiste, di fronte a bisogni e opinioni molto variegate. Il settore manca di un sostegno e di una "governance" sufficientemente forte a livello nazionale, mentre il ramo è molto dipendente dai rischi economici e climatici.

I costi di produzione restano peraltro molto elevati in Svizzera. È impossibile produrre vini di fascia bassa a prezzi paragonabili a quelli dei Paesi vicini.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
1 gior
L'agricoltura svizzera? Più resistente alla crisi e sostenibile
L’Ufficio federale dell’agricoltura dà conto dell'espansione del biologico e di un aumento degli acquisti consapevoli
SVIZZERA
2 gior
SIX pensa a trasferire alcune attività all'estero
Via anche la sede principale e la direzione? «È fuori questione»
SVIZZERA
2 gior
Per molte aziende svizzere il 2022 potrebbe essere l'anno del fallimento
Lo sostiene uno studio di A&M che parla di una «bancarotta ritardata da Covid» diffusa a livello nazionale. Ecco perché
ITALIA
2 gior
L'Italia dichiara guerra alle etichette Nutriscore, interviene anche l'Antitrust
Ben l'85% dei prodotti Made in Italy verrebbe bocciato dal sistema di etichettatura che molti paesi stanno già usando.
SVIZZERA
2 gior
La domanda di personale è in forte aumento
Mancano però ingegneri, tecnici, informatici e operatori della sanità, secondo Adecco Svizzera
Cina
3 gior
Le navi mercantili cinesi sono scomparse dai radar
Una nuova legge entrata in vigore il primo novembre potrebbe essere la causa della mancanza d'informazioni
STATI UNITI
3 gior
L'usato di Michael Jordan vale sempre come l'oro
Un paio di "Nike Jordan XIII" saranno battute all'asta da Christie's. Valore stimato? Tra 300mila e 500mila dollari.
SVIZZERA
3 gior
Che sprint per il settore della costruzione
Il fatturato del terzo trimestre è il più elevato degli ultimi tre decenni, ma la SSIC mette in guardia
GIAPPONE
3 gior
Giappone, budget miliardario per i semiconduttori
Le anticipazioni di Nikkei parlano di uno stanziamento pari a 4,87 miliardi di franchi per rilanciare i settori chiave
SONDAGGIO
SVIZZERA
4 gior
Ecco cosa ci aspetta per il Black Friday
A causa dei problemi di fornitura, i rivenditori hanno dovuto adattare le offerte
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile