keystone
Una protesta dei dipendenti Epsilon
SVIZZERA
06.07.21 - 12:200
Aggiornamento : 12:36

La Posta taglia in Romandia

La filiale Epsilon, che si occupa della consegna dei giornali, verrà fusa dal gigante giallo. Interessati 580 posti

GINEVRA - Sta per suonare l'ultima ora per Epsilon, filiale romanda della Posta che si occupa del recapito di giornali e periodici in abbonamento, nonché di pubblicità non indirizzata: le attività dell'azienda, che si trova in difficoltà finanziarie e che ha fatto parlare di sé per i bassi salari saranno rilevate da altre due entità del gigante giallo. Si prospetta un taglio di impieghi.

L'integrazione dell'impresa con sede a Lancy (GE) nelle società Presto Presse-Vertriebs di Berna e Direct Mail Company AG (DMC) di Basilea interesserà 580 dipendenti, spiega la Posta in un comunicato odierno. Il gruppo giustifica l'intervento con considerazioni economiche legate al difficile momento in cui sui trova il settore della pubblicità e dell'editoria, aggravato l'anno scorso dalla pandemia: nel 2020 il numero di invii pubblicitari recapitati dal personale della Posta è diminuito di quasi il 14% rispetto ai dodici mesi precedenti.

La fusione, che dovrebbe avvenire nel corso del 2022, consentirà di abbattere i costi amministrativi e strutturali e assicurare i posti di lavoro nel settore del recapito. «La Posta metterà in campo tutte le risorse a disposizione per riuscire ad assorbire all'interno delle altre due aziende il maggior numero possibile di collaboratrici e collaboratori di Epsilon», si legge nella nota. Nelle funzioni dirigenziali e amministrative la riduzione di impieghi sarà però probabilmente inevitabile. La Posta si dice consapevole del grande impatto che tale decisione avrebbe sui diretti interessati: entro fine anno avvierà quindi la procedura di consultazione, coinvolgendo le parti sociali e il personale.

Epsilon è stata più volte al centro di discussioni per la sua politica salariale. Nel 2020 è stata sanzionata dalla Commissione federale delle poste (PostCom) perché non si atteneva alle regole dello stipendio minimo. Un mese fa i dipendenti avevano inoltre protestato contro un nuovo sistema salariale, che stando al sindacato Syndicom avrebbe comportato decurtazioni di busta paga sino a 600 franchi mensili, con compensi orari di soli 17,44 franchi.

La questione dell'inadeguatezza dei salari recentemente al centro del dibattito pubblico non è toccata» dall'accorpamento annunciato oggi, precisa la Posta. Il gruppo si dice fortemente interessato a trovare una soluzione con le parti sociali che sia sostenibile e ragionevole per tutti. L'azienda intende proseguire con i sindacati un dialogo che porti all'introduzione tempestiva di un contratto collettivo di lavoro settoriale per il personale addetto al recapito degli invii pubblicitari.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
CANTONE
1 ora
Manor: «I nostri vestiti saranno social»
Una moda diversa tra una regione linguistica e l'altra. Ecco quali sono i gusti dei ticinesi
CINA
1 ora
Il collasso di Evergrande avrà ripercussioni globali?
Alcuni analisti dicono di no, ma intanto sui mercati asiatici (e non solo) è già visibile un netto effetto domino
GERMANIA
14 ore
Lufthansa, aumento di capitale da 2,14 miliardi
Operazione decisa per poter restituire gli aiuti statali, come annunciato dal gruppo
MONDO
23 ore
La città più sicura al mondo è Copenhagen
Zurigo, la prima città svizzera citata dallo studio, si posiziona al 19esimo posto
STATI UNITI
1 gior
Addio alle password, svolta per Microsoft
Sarà necessario installare l'app Authenticator, e collegare il proprio account
PAESI BASSI
2 gior
Fare una transazione in Bitcoin? «È come buttare nel cestino due iPhone»
Una nuova analisi mette in evidenza il problema dei rifiuti tecnologici generati dalla criptovaluta
SVIZZERA
2 gior
Dentro Logitech, fuori Swatch: come cambia l'SMI
La Borsa di Zurigo segue le evoluzioni provocate dalla pandemia
STATI UNITI
2 gior
Dati manipolati per favorire la Cina? Bufera su Georgieva
Il caso riguarda i rapporti 2018 e 2020 di "Doing Business", realizzati dalla Banca Mondiale
SVIZZERA
2 gior
Nuove case da gioco, decisione non prima di un anno
Quelle in essere scadranno il 31 dicembre 2024
SVIZZERA
2 gior
«Oggi non siamo d'accordo su cosa significhi sostenibilità»
Servono regole globali così da evitare le accuse di 'greenwashing', secondo la responsabile UBS per l'Europa
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile