Keystone
SVIZZERA
19.05.21 - 09:500

Prodotti bio: da Migros e Coop più cari che da Aldi e Lidl

Lo ha confermato l'ultimo sondaggio del periodico consumeristico K-Tipp

ZURIGO - I prodotti alimentari biologici venduti nei supermercati Migros e Coop sono molto più cari degli analoghi articoli offerti da Aldi e Lidl. Lo rivela un'indagine di K-Tipp, nel suo numero oggi in edicola.

Il principale periodico consumeristico svizzero ha messo a confronto un dettagliato paniere di 50 prodotti, che vanno dalla frutta e verdura al formaggio, passando per pelati, marmellata, miele, succhi, uova e quant'altro.

Chi ha fatto la spesa in questione presso Aldi ha speso 138 franchi e non molto più elevato è stato anche l'importo sullo scontrino di Lidl, pari a 141 franchi. Assai più salati si sono invece rivelati i conti di Migros (174 franchi) e Coop (189 franchi).

Concretamente quindi il cliente sensibile all'ambiente e al rispetto degli animali in un negozio Coop paga il 37% in più e presso Migros il 26% in più di quanto farebbe in un supermercato Aldi. Dalla tabella pubblicata dalla testata giornalistica salta anche all'occhio come Coop non sia il più buon mercato su nessun prodotto e Migros su uno solo (le fragole). Sul fronte opposto, Aldi non è mai il più caro, mentre Lidl lo è per un unico articolo, il formaggio grattugiato.

I prezzi sono stati rilevati nello stesso giorno, il 4 maggio, a Ostermundigen (BE). Gli esperti di K-Tipp hanno sempre scelto il prodotto meno caro: non sono quindi stati considerati criteri come provenienza e qualità, che sono però regolarmente oggetto di test. Test che mostrano fra l'altro come il prezzo non dica nulla della qualità di un prodotto, sottolinea il giornale.

Denner non è stata considerata perché offre un assortimento bio molto ridotto rispetto ai concorrenti: è disponibile solo un quarto del paniere preso in considerazione. Da parte loro invece Aldi e Lidl hanno costantemente ampliato il loro assortimento bio, dal loro sbarco in Svizzera, avvenuto rispettivamente nel 2005 e nel 2009.

Interpellata dai cronisti di K-Tipp riguardo alle differenze di prezzo, Coop afferma: «Per tutti i prodotti biologici a marca propria ci affidiamo coerentemente alla gemma di Bio Suisse e non agli standard biologici minimi dell'Ue. Gli standard della gemma sono tra i più severi al mondo nel settore bio».

Il periodico fa però presente che anche una parte dei prodotti di Aldi e Lidl potrebbero portare la gemma e vengono riforniti dagli stessi agricoltori bio della concorrenza. Ma i due discount hanno finora cercato invano di convincere Bio Suisse a permettere loro di apporre il simbolo sull'etichetta.

Da parte sua Migros afferma che le disparità possono anche essere spiegate da ricette diverse. Un esempio: «Il contenuto di mandorle nel nostro latte di mandorle biologico è superiore a quello della maggior parte dei nostri concorrenti», osserva il gigante arancione.

Aldi fa sapere che la domanda di prodotti bio è aumentata notevolmente negli ultimi anni e che ha quindi intenzione di ampliare l'assortimento: attualmente comprende circa 300 prodotti, a fronte dei 2'500 di Coop e dei 1'500 di Migros. Anche Lidl punta ad aumentare la sua presenza nel comparto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
UNIONE EUROPEA
2 ore
Dieselgate: «Tutti i consumatori devono essere risarciti»
Lo chiedono la Commissione Ue e la rete di cooperazione per la tutela dei consumatori
CANTONE
4 ore
In Ticino calano i debitori
Nonostante la crisi pandemica il numero di indebitati inadempienti si è abbassato di mezzo punto percentuale.
REGNO UNITO
7 ore
Scarseggia il carburante: l'esercito è pronto a intervenire
Fino a 150 autisti si metterebbero al volante delle autobotti per consegnare i rifornimenti alle stazioni di servizio
MONDO
16 ore
Inizia a mancare anche la carta
La materia prima per la produzione è diventata più cara del 68% dallo scorso gennaio, la pandemia c'entra ma non solo
STATI UNITI
1 gior
Trova alcune falle nel sistema operativo iOS, ma Apple lo ignora
Lo sviluppatore anonimo ha reso pubblici i bug riscontrati con il programma "bug bounty"
COREA DEL SUD
1 gior
La Corea del Sud sta pensando seriamente di vietare il consumo di carne di cane
Alla base ci sono motivi di immagine ma anche perché la pietanza, molto popolare nella tradizione, ormai non piace più
SVIZZERA
1 gior
Più donne nei Cda delle aziende dell'SMI
La Svizzera resta sempre il fanalino di coda, insieme alla Spagna
SVIZZERA
1 gior
La liquidazione di Swissair è costata oltre 300 milioni di franchi
La procedura è nella sua fase finale, ma non è ancora possibile prevedere una data definitiva
REGNO UNITO
3 gior
Crisi dei trasporti? In arrivo «visti temporanei» per i camionisti
Il Governo britannico è al lavoro per trovare soluzioni urgenti alla crisi in corso
FRANCIA
3 gior
Kering: stop all'uso di pellicce animali
Nessuna casa di moda del gruppo francese lavorerà più con questo materiale
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile