ARCHIVIO KEYSTONE
Migros è sempre il negozio di generi alimentari preferito dagli svizzeri.
SVIZZERA
03.05.21 - 14:250

Il negozio di alimentari più amato? È ancora Migros

Rispetto alla precedente rilevazione guadagnano terreno i discount

ZURIGO - Migros rimane l'azienda di riferimento per gli svizzeri in materia di acquisti alimentari, ma la sua importanza sta diminuendo, a fronte dell'ascesa dei cosiddetti discount, cioè i supermercati ad assortimento ridotto e ad ambientazione più spartana.

Stando a un sondaggio realizzato in marzo dall'istituto di ricerca Marketagent Svizzera - su un campione di 1010 persone nella Svizzera tedesca e in Romandia - Migros è il negozio alimentare preferito dal 47% degli interpellati. Al secondo posto si trova Coop (27%), seguono più staccati Lidl (9%), Aldi (7%), Denner (6%), Volg (1%) e Manor Food (1%), emerge dalle tabelle pubblicate oggi.

Migros ha però significativamente perso terreno rispetto al 2011 e al 2016, quando le sue quotazioni erano rispettivamente del 53% e del 55%. Coop scende di meno (era al 30% dieci anni or sono). A salire in modo chiaro sono Aldi e Denner, che erano al 4%, nel 2011, e soprattutto Lidl, che allora non superava il 2%.

I criteri

Il criterio numero uno citato dai consumatori nella scelta del negozio è il rapporto qualità/prezzo dei prodotti, citato dal 90% degli interpellati come molto o abbastanza importante. Seguono la pulizia dei punti vendita (89%), un fattore che ha acquisito d'importanza sulla scia della crisi del coronavirus, l'affidabilità dell'azienda (85%), la disponibilità di prodotti di elevata qualità (84%), il fatto che sia possibile orientarsi facilmente in negozio (83%) e la cordialità del personale (81%). Seguono poi tutta una serie di altri criteri, in una classifica che è chiusa da tre fattori: i programmi di fidelizzazione (58%), la lunga tradizione aziendale (38%) e il fatto che l'impresa possa essere considerata "cool", al passo con i tempi (33%).

Il rapporto qualità/prezzo

Tornando al criterio principale - cioè il rapporto qualità/prezzo - il rilevamento demoscopico mette al primo posto, appaiati con il 74%, Migros e Aldi. Sul podio, immediatamente dopo, figura Lidl (73%). «Colpisce il fatto che i due discount abbiano fatto notevoli progressi, mentre il dato di Migros si sta sgretolando», afferma Cornelia Eck, direttrice di Marketagent Svizzera, citata in un comunicato. «Migros ha perso un punto percentuale rispetto al 2016 e ben sette nel confronto con il 2011, mentre Aldi ha guadagnato 14 punti percentuali dal 2011».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
MONDO
32 min
Inizia a mancare anche la carta
La materia prima per la produzione è diventata più cara del 68% dallo scorso gennaio, la pandemia c'entra ma non solo
STATI UNITI
8 ore
Trova alcune falle nel sistema operativo iOS, ma Apple lo ignora
Lo sviluppatore anonimo ha reso pubblici i bug riscontrati con il programma "bug bounty"
COREA DEL SUD
11 ore
La Corea del Sud sta pensando seriamente di vietare il consumo di carne di cane
Alla base ci sono motivi di immagine ma anche perché la pietanza, molto popolare nella tradizione, ormai non piace più
SVIZZERA
12 ore
Più donne nei Cda delle aziende dell'SMI
La Svizzera resta sempre il fanalino di coda, insieme alla Spagna
SVIZZERA
15 ore
La liquidazione di Swissair è costata oltre 300 milioni di franchi
La procedura è nella sua fase finale, ma non è ancora possibile prevedere una data definitiva
REGNO UNITO
2 gior
Crisi dei trasporti? In arrivo «visti temporanei» per i camionisti
Il Governo britannico è al lavoro per trovare soluzioni urgenti alla crisi in corso
FRANCIA
3 gior
Kering: stop all'uso di pellicce animali
Nessuna casa di moda del gruppo francese lavorerà più con questo materiale
REGNO UNITO
3 gior
Code ai distributori, per i timori di una carenza di benzina
Le rassicurazioni del Governo britannico non stanno avendo l'effetto sperato
CINA
3 gior
«Tutte le transazioni in criptovaluta sono illegali»
Lo ha comunicato la Banca centrale cinese, ribadendo il proprio pugno duro contro le cripto
CINA
3 gior
Scadenza mancata, Evergrande verso il default
Non ha avuto luogo un pagamento di 83,5 milioni in scadenza ieri, la situazione si fa sempre più cupa
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile