Keystone
SVIZZERA
16.04.21 - 06:000
Aggiornamento : 07:41

Anche in Svizzera non c'è (quasi) più legno e si paga a peso d'oro

La "fame" di Stati Uniti e Asia si riversa sull'Europa e tocca anche noi con carenze e rincari

SAN GALLO - Il mondo ha fame di legno e così, l'Europa e la Svizzera finiscono per trovarsi senza o dover pagare cifre proibitive per accaparrarsi una materia prima che, per molte aziende anche nostrane, è davvero fondamentale.

A lanciare l'allarme sono diverse testate d'Oltregottardo che parlano di un'endemica carenza nel mercato europeo di legname.

Questo perché c'è chi lo acquista da fuori: da una parte l'Asia, in posizione sempre più dominante sullo scacchiere mondiale per quanto riguarda le materie prime, dall'altra Canada e Stati Uniti - da anni ai ferri corti per quanto riguarda il commercio di legname - che limitano i danni acquistandone nel Vecchio continente e pagando prezzi fuori dal mercato.

E tutto questo in un momento in cui il legno è molto trendy anche sul mercato svizzero: per realizzare costruzioni nuove più "eco" e rispettose del clima, ma anche per i diversi lavori di restauro di locali e stabili rimasti chiusi durante la pandemia. E così, anche gli artigiani e i costruttori svizzeri sono costretti a guardare al di là dai confini nazionali.

«Attualmente dal 60 all'80% del legname utilizzato in Svizzera viene dai paesi vicini. In questo momento però pure in paesi grandi fornitori come Germania e Austria le riserve cominciano a scarseggiare e la cosa presto inciderà sui prezzi, anche in Svizzera», spiega alla Luzerner Zeitung Heinz Engler dell'Associazione dei proprietari forestali di San Gallo e del Lichtenstein.

Quindi rincaro sarà, ma di quanto? Secondo lui «ci possiamo aspettare che gli aumenti sul prezzo arrivino fino al 60%». Fluttuazioni verso l'alto che sono sì normali, anche considerando il prezzo relativamente basso del legno negli ultimi anni, ma attualmente «la crescita è eccessivamente rapida», spiega l'Associazione svizzera dell'industria del legno.

«Sì, forse ci converrebbe mettere tutto su una nave e spedire negli Usa», racconta un produttore di legname sangallese intervistato dalla Zeitung, «ma ci teniamo a vendere ai nostri clienti abituali, anche se dobbiamo dire che con tutta questa domanda - anche interna - abbiamo anche noi dovuto adeguare i prezzi e spesso c'è chi rischia di rimanere a bocca asciutta... Non penso che la tendenza cambierà in tempi brevi, il legno ormai è il materiale di costruzione del futuro. E in tanti, rimasti a casa per la pandemia, si sono dati ai lavoretti...».

«Abbiamo dovuto congelare i nuovi ordini, non riuscivamo a starci dietro», commenta alla Bote der Urschweiz il responsabile di un'azienda svittese che lavora con i lamellari del legno, anche questi richiestissimi, «siamo un'azienda a conduzione famigliare, abbiamo dovuto introdurre i doppi turni per stare dietro agli ordini e lavoravamo 6 giorni alla settimana. Alla fine abbiamo dovuto alzare bandiera bianca e imporre uno stop. Sarà così anche per il futuro prossimo? Probabilmente sì, se nel il XIX era quello dell'acciaio, il XX quello del cemento il XXI secolo è quello del legno». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
1 ora
Sunrise-UPC verso un marchio unico
Lo ha affermato il CEO dell'azienda nata dalla fusione tra Sunrise e UPC, André Krause
SVIZZERA
17 ore
Cinque aziende famigliari svizzere nella Top 100 globale
Quella che occupa la posizione più alta è Roche, al 16esimo posto
UNIONE EUROPEA
18 ore
La mossa europea: un caricatore unico per tutti i dispositivi
Oltre al caricabatterie comune, «non vanno più venduti» nuovi cavi per ogni dispositivo acquistato
STATI UNITI
20 ore
Porti californiani invasi dalle merci
Dopo un drastico cale delle importazioni, il mercato è ripartito alla grande
SVIZZERA
22 ore
Con un nuovo lockdown «sparirebbe una piccola impresa su cinque»
Per il 19% degli imprenditori un nuovo confinamento significherebbe quasi sicuramente la chiusura definitiva
STATI UNITI
1 gior
Facebook e quella multa «strapagata» per salvare Zuckerberg
L'accordo avrebbe impedito di nominare il Ceo nella denuncia legata al caso Cambridge Analytica
Italia
1 gior
In 95mila al Salone nautico e boom di vendite d'imbarcazioni
Alcune marche importanti del settore hanno chiuso anche il 20% di contratti in più rispetto all'anno scorso
STATI UNITI
1 gior
Fed verso il ritiro degli stimoli all'economia
Se l'inflazione diventerà un problema, risponderemo con gli strumenti a disposizione» assicura il presidente Powell
SVIZZERA
1 gior
Media, più collaborazione per far fronte ai colossi della Rete
L'esortazione di Simonetta Sommaruga: mettere in atto le giuste condizioni quadro e trovare soluzioni comuni concrete
SVIZZERA
1 gior
Lonza investe in Svizzera e crea 70 posti di lavoro
L'azienda farmaceutica amplierà le capacità dello stabilimento di Stein am Rhein
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile