Keystone
SVIZZERA
16.03.21 - 09:350
Aggiornamento : 11:49

Malgrado la “tegola” di Greensill, Credit Suisse può sorridere

Con un record decennale per i ricavi nel primo trimestre del 2021 e un settore d'investimenti davvero forte

BERNA - Dei 140 milioni prestati alla fallimentare australiana Greensill Capital, Credit Suisse ne ha (per ora) ricevuti indietro solo 50. Malgrado ciò, per il colosso elvetico il 2021 inizia in maniera molto forte come confermato dai risultati d'esercizio resi noti proprio questa mattina.

Per gennaio e febbraio, infatti si parla del «migliore risultato negli ultimi 10 anni per quanto riguarda gli utili ante-tasse», ha confermato l'istituto di credito in una conferenza stampa con gli investitori.

La forza degli investimenti - A trainare Credit Suisse in questo momento di pandemia, sono stati gli investimenti un settore ritenuto «particolarmente buono» così come una performance di vendita e trading «costantemente buona».

Questo ha portato a un aumento dei ricavi del 50% rispetto al precedente anno d'esercizio. Da annotare anche la crescita delle Global Trading Solutions (GTS) così come lo sviluppo «forte», nella divisione Asia-Pacificio. Stabile, invece, il reddito netto da interessi.

Per ora poche insolvenze - Malgrado il periodo d'incertezza dovuto alla pandemia, le insolvenze per quanto riguarda i prestiti rimangono basse. Secondo la banca, i segnali di una ripresa economica globale hanno cominciato a tradursi positivamente per quanto riguarda gli accantonamenti.

Lo scivolone Greensill - Stando a quanto confermato da CS, è aperta la collaborazione con l'amministrazione fallimentare del gruppo australiano che ha già erogato 3,1 miliardi di dollari a una tranche di creditori che avevano partecipato a 4 dei maggiori fondi d'investimento.

Di questi, Credit Suisse ne ha ricevuti 50 (sui 140 prestato), sebbene la vicenda sia ancora nelle fasi proemiali, la banca non esclude che possano esservi «ulteriori costi».

Greensill Capitals, da affare a voragine finanziaria

Di proprietà del magnate australiano Lex Greensill, da lungo tempo cliente di CS, il Gruppo ha gestito per anni un sostanzioso portafoglio di Credit Suisse (circa 10 miliardi, stando al Financial Times). In seguito a una continua serie di segnali d'allarme relativi alle pratiche d'investimento, anche CS ha finito per congelare i suddetti fondi, siglando di fatto il tracollo di Greensill Capitals.

Malgrado tutto ciò, alcuni dirigenti - che da anni avevano rapporti con Mr. Greensill - avevano comunque deciso di erogare un prestito da 140 milioni, contravvenendo all'opposizione dei risk manager londinesi del gruppo in quanto «la restituzione era praticamente impossibile». Sempre stando al Times, la scorsa settimana tre gestori patrimoniali di CS sono stati licenziati, e altri potrebbero seguirli.

Al di là dei prestiti di cui sopra, non è ancora chiaro quali saranno le ripercussioni finanziarie di questa vicenda sul colosso elvetico.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
CINA
2 ore
«Tutte le transazioni in criptovaluta sono illegali»
Lo ha comunicato la Banca centrale cinese, ribadendo il proprio pugno duro contro le cripto
CINA
7 ore
Scadenza mancata, Evergrande verso il default
Non ha avuto luogo un pagamento di 83,5 milioni in scadenza ieri, la situazione si fa sempre più cupa
SVIZZERA
9 ore
Sunrise-UPC verso un marchio unico
Lo ha affermato il CEO dell'azienda nata dalla fusione tra Sunrise e UPC, André Krause
SVIZZERA
1 gior
Cinque aziende famigliari svizzere nella Top 100 globale
Quella che occupa la posizione più alta è Roche, al 16esimo posto
UNIONE EUROPEA
1 gior
La mossa europea: un caricatore unico per tutti i dispositivi
Oltre al caricabatterie comune, «non vanno più venduti» nuovi cavi per ogni dispositivo acquistato
STATI UNITI
1 gior
Porti californiani invasi dalle merci
Dopo un drastico cale delle importazioni, il mercato è ripartito alla grande
SVIZZERA
1 gior
Con un nuovo lockdown «sparirebbe una piccola impresa su cinque»
Per il 19% degli imprenditori un nuovo confinamento significherebbe quasi sicuramente la chiusura definitiva
STATI UNITI
1 gior
Facebook e quella multa «strapagata» per salvare Zuckerberg
L'accordo avrebbe impedito di nominare il Ceo nella denuncia legata al caso Cambridge Analytica
Italia
1 gior
In 95mila al Salone nautico e boom di vendite d'imbarcazioni
Alcune marche importanti del settore hanno chiuso anche il 20% di contratti in più rispetto all'anno scorso
STATI UNITI
1 gior
Fed verso il ritiro degli stimoli all'economia
Se l'inflazione diventerà un problema, risponderemo con gli strumenti a disposizione» assicura il presidente Powell
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile