Archivio Keystone
SVIZZERA
29.01.21 - 18:290

Dalla BNS più soldi per Confederazione e Cantoni

L'istituto potrà versare fino a sei miliardi di franchi all'anno, secondo una nuova convenzione

BERNA - La Banca nazionale svizzera (BNS) nei prossimi cinque anni verserà più soldi alla Confederazione e ai Cantoni: un importo massimo di 6 miliardi di franchi all'anno, a condizione che la situazione finanziaria dell'istituto lo consenta. È quanto prevede una nuova convenzione, relativa alla distribuzione degli utili della BNS, sottoscritta con il Dipartimento federale delle finanze (DFF).

Essa si applica già all'esercizio 2020 e durerà fino al 2025. Sostituisce pertanto con effetto retroattivo la convenzione 2016-2020 e quella supplementare del 2020, le quali prevedevano una distribuzione massima rispettivamente di 2 e di 4 miliardi di franchi, precisa una nota odierna dell'Amministrazione federale delle finanze (AFF).

Il massimo di 6 miliardi di franchi comprende un importo di base di 2 miliardi che viene versato a condizione che l'utile di bilancio ammonti almeno a tale importo. A questo si aggiungono quattro possibili distribuzioni aggiuntive, ciascuna di 1 miliardo, cui si procede quando l'ammontare dell'utile raggiunge i valori di 10, 20, 30 o 40 miliardi. Per l'esercizio 2020 sono soddisfatte le condizioni per la distribuzione massima: a Confederazione e ai Cantoni vanno pertanto 6 miliardi.

Nel dettaglio, a livello cantonale, al Ticino vanno per il 2020 164'387'402 franchi, contro 110'723'470 nel 2019. Ai Grigioni 92'685'020 franchi, mentre l'anno precedente erano 62'054'923.

Conformemente alla Legge sulla Banca nazionale, la BNS è tenuta a costituire accantonamenti sul risultato di esercizio che le consentano di mantenere le riserve monetarie al livello richiesto dalla politica monetaria, ricorda la nota. L'utile residuo dopo dotazione degli accantonamenti è in linea di principio a disposizione per essere distribuito a Confederazione e Cantoni. Tocca al DFF e alla BNS stabilire i valori di riferimento della ripartizione in una convenzione pluriennale.

I Cantoni sono già stati informati, conclude l'AFF.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Svezia/Stati Uniti
1 ora
Rivelati i migliori artisti del 2021 secondo gli ascolti di Apple e Spotify
In entrambe le classifiche si è distinta la cantante emergente Olivia Rodrigo. Album di 20 anni fa sono tornati in auge
SVIZZERA
5 ore
Quest’anno sotto l'albero troveremo buoni, Lego e AirPods
Galaxus ha analizzato il comportamento dei clienti online, prevedendo i regali più quotati in Svizzera
STATI UNITI
8 ore
Perché SpaceX è a rischio bancarotta
Tutto dipende dallo sviluppo del motore Raptor che, al momento, è «francamente un disastro»
CANTONE
12 ore
Sia NFT, che rivista: l'idea che arriva da Lugano
Si tratta di un progetto della società con sede a Lugano The Cryptonomist, in collaborazione con l'italiana ArtRights
Canada
13 ore
Zara, Adidas e LVMH sono coinvolte nella deforestazione dell'Amazzonia
Gli alberi vengono abbattuti per fare spazio ai capi di bestiame grazie ai quali si producono borse, scarpe e portafogli
UNIONE EUROPEA
22 ore
Dalla Commissione europea, 300 miliardi per i Paesi in via di sviluppo
Il piano si chiama "Global Gateway" vuole essere «una scelta positiva per lo sviluppo delle infrastrutture»
REGNO UNITO
1 gior
Per l'antitrust britannico, Zuckerberg deve vendere Giphy
La popolare tastiera virtuale per GIF era stata acquistata da Facebook nel 2020 per 400 milioni
STATI UNITI
1 gior
Cyber Monday, l'anno scorso era andata meglio
Gli analisti sono però convinti che si andrà incontro a vendite record durante le vacanze
MONDO
1 gior
L'impatto di Omicron sull'economia: i quattro scenari di Goldman Sachs
Nel caso peggiore potrebbe causare una frenata dello 0,4%, ma si azzarda anche un'ipotesi ottimistica
AUSTRALIA
1 gior
Westpac e quelle spese addebitate ai clienti deceduti
Clienti trattati in malo modo? Il gigante bancario Westpac è finito nei guai, e dovrà sborsare più di 130 milioni
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile