Archivio Depositphotos
SVIZZERA
19.01.21 - 16:040

Ecco i timori delle aziende

L'interruzione di esercizio, la pandemia e i sinistri informatici: sono i rischi citati in un sondaggio di Allianz

WALLISELLEN - Interruzione di esercizio, pandemia e sinistri informatici sono i tre rischi più temuti dalle aziende per il 2021, sia in Svizzera che a livello mondiale. Il pericolo di pandemia sale dal 17esimo al secondo posto nella classifica globale e dal 14esimo al terzo nella Confederazione.

In base all'Allianz Risk Barometer 2021, il decimo condotto finora, l'interruzione di esercizio (citata dal 58% degli interrogati dal sondaggio) e i sinistri informatici (56%) sono gli eventi più temuti quest'anno in Svizzera, seguiti a ruota dalla pandemia (48% delle risposte).

Il barometro è chiaramente dominato dai tre rischi, che sono strettamente collegati tra loro e mettono in evidenza la crescente vulnerabilità del mondo altamente globalizzato e interconnesso in cui viviamo, afferma l'analisi di Allianz.

«La pandemia di coronavirus - aggiunge - ci ricorda quanto sia importante rafforzare la gestione dei rischi e il Business Continuity Management per attrezzarsi meglio, come impresa, contro gli eventi estremi e poterli superare. Mentre la pandemia continua a tenere in scacco numerosi paesi in tutto il mondo, dobbiamo prepararci a fare i conti con una maggiore frequenza di situazioni estreme: ad esempio un blocco globale dei servizi cloud o un attacco informatico su scala mondiale, catastrofi naturali causate dal cambiamento climatico o addirittura una nuova epidemia».

Il fatto che, prima del coronavirus, il timore di una pandemia non abbia mai superato il sedicesimo posto in classifica nelle dieci edizioni dell'Allianz Risk Barometer dimostra quanto fosse sottovalutata. Nel 2021 è invece il rischio più temuto in 16 paesi e uno dei tre più temuti in tutti i continenti e in 35 dei 38 paesi considerati.

Rispetto all'anno scorso in Svizzera hanno perso una posizione i cambiamenti a livello giuridico (quarto posto con il 24% delle risposte), come guerre commerciali e dazi, protezionismo e sanzioni economiche. In controtendenza rispetto alla discesa registrata nella classifica mondiale, nella Confederazione i pericoli legati ai cambiamenti climatici e alla crescente variabilità meteorologica entrano per la prima volta nella Top Ten, collocandosi al settimo posto (12% delle risposte).

Al sondaggio hanno risposto complessivamente 2'769 esperti di 92 paesi, tra cui amministratori delegati, gestori del rischio, broker ed esperti assicurativi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
UNIONE EUROPEA
53 min
Dieselgate: «Tutti i consumatori devono essere risarciti»
Lo chiedono la Commissione Ue e la rete di cooperazione per la tutela dei consumatori
CANTONE
3 ore
In Ticino calano i debitori
Nonostante la crisi pandemica il numero di indebitati inadempienti si è abbassato di mezzo punto percentuale.
REGNO UNITO
6 ore
Scarseggia il carburante: l'esercito è pronto a intervenire
Fino a 150 autisti si metterebbero al volante delle autobotti per consegnare i rifornimenti alle stazioni di servizio
MONDO
14 ore
Inizia a mancare anche la carta
La materia prima per la produzione è diventata più cara del 68% dallo scorso gennaio, la pandemia c'entra ma non solo
STATI UNITI
23 ore
Trova alcune falle nel sistema operativo iOS, ma Apple lo ignora
Lo sviluppatore anonimo ha reso pubblici i bug riscontrati con il programma "bug bounty"
COREA DEL SUD
1 gior
La Corea del Sud sta pensando seriamente di vietare il consumo di carne di cane
Alla base ci sono motivi di immagine ma anche perché la pietanza, molto popolare nella tradizione, ormai non piace più
SVIZZERA
1 gior
Più donne nei Cda delle aziende dell'SMI
La Svizzera resta sempre il fanalino di coda, insieme alla Spagna
SVIZZERA
1 gior
La liquidazione di Swissair è costata oltre 300 milioni di franchi
La procedura è nella sua fase finale, ma non è ancora possibile prevedere una data definitiva
REGNO UNITO
2 gior
Crisi dei trasporti? In arrivo «visti temporanei» per i camionisti
Il Governo britannico è al lavoro per trovare soluzioni urgenti alla crisi in corso
FRANCIA
3 gior
Kering: stop all'uso di pellicce animali
Nessuna casa di moda del gruppo francese lavorerà più con questo materiale
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile